Home / Cronaca / Picchiati e legati a una corda: liberati un rottweiler e un dogo argentino

Picchiati e legati a una corda: liberati un rottweiler e un dogo argentino

Udine - I due cani sono stati salvati dall'Oipa che dopo appostamenti e verifiche è intervenuta. Ora le due bestiole cercano una famiglia che gli dia affetto

Cercano una famiglia che gli dia l'amore e le attenzioni che i precedenti proprietari hanno negato loro per tanto tempo. Sono i due molossi che le guardie dell’Oipa di Udine hanno salvato con il loro intervento.
Picchiati e percossi ripetutamente, legati e rinchiusi in recinti fatiscenti o, addirittura, in un kennel. E’ questa l’agghiacciante quotidianità vissuta fino a poco tempo fa da Cesar, rottweiler di 10 mesi, e Dogo, dogo argentino di 5 anni. Legati a corde e catene che si attorcigliavano immobilizzandoli, costretti sotto la pioggia battente per ore, giorni e nottate intere, i due cani erano perennemente segregati e anche malmenati dai proprietari.
A portare alla luce le terribili condizioni di detenzione in cui vivevano sono state le guardie dell’Oipa di Udine che, dopo lunghe e difficoltose indagini, sono riuscite a portarli in salvo, richiedendo alla Procura della Repubblica di Udine un decreto di sequestro preventivo d’urgenza. Immediata la denuncia a carico dei proprietari per i reati di maltrattamento e detenzione di animali in condizioni incompatibili con la loro natura e produttive di gravi sofferenze.
Liberati e portati in una struttura protetta, i due cani sono stati sottoposti ad accertamenti sanitari dai quali è emersa non solo l’eccessiva magrezza di Dogo, ma anche che lo stesso era stato sottoposto a conchectomia, cioè il taglio delle orecchie, pratica non consentita dall’ordinamento giuridico italiano, se non per comprovati e certificati motivi sanitari.
Ora Cesar e Dogo sono in attesa di una nuova famiglia, che per l'esemplare più adulto potrà arrivare solo dopo un percorso riabilitativo visto che il cane risulta essere ancora molto intimorito dal maltrattamento subito.

0 Commenti

Cultura

Economia

Sport news

Politica

Il Friuli

Business

Family

Invia questa pagina ad un tuo amico
I campti contrassegnati con * sono obbligatori