Home / Cronaca / Porcia, la corsa degli asini si farà nonostante gli animalisti

Porcia, la corsa degli asini si farà nonostante gli animalisti

Il Sindaco Marco Sartini ha autorizzato la storica manifestazione della 'Corsa dei mussi' organizzata dalla Parrocchia all’interno della Sagra dell’Assunta

Porcia, la corsa degli asini si farà nonostante gli animalisti

Il Sindaco di Porcia, Marco Sartini, visti tutti i pareri favorevoli, ha autorizzato con firma della Vice sindaco Lorena Blarasin, la storica manifestazione della “Corsa dei mussi” organizzata dalla Parrocchia di Porcia all’interno della Sagra dell’Assunta. Prima e durante la manifestazione vi saranno controlli e verifiche di Legge al massimo livello sugli animali, come d’obbligo e come è giusto che sia per la sensibilità che abbiamo verso gli animali.
Ovviamente vi sono e saranno sempre delle contrarietà sullo svolgimento di queste manifestazioni storiche che vedono protagonisti degli animali dal momento che nella società moderna, che non sempre possiamo definire evoluta, c’è chi crede, ad esempio, che il cane sia più felice costretto dentro il carrello della spesa tra gli scaffali del supermercato, piuttosto che a ruzzolare nel fango. Non mi risulta che sia possibile avere un riscontro certo in proposito anche da parte degli etologi, e le posizioni individuali sono libere, anche in giunta, dove io non ho mai chiesto agli assessori se sono onnivori, vegetariani o vegani, animalisti o cacciatori.
Io, personalmente, rimango convinto che il cane sia piu felice a correre, saltare, riportare mille volte la palla ad un bambino, o inseguire un anatra tra i cespugli, che bloccato in braccio a delle signore che lo vincolano all’inedia dentro in casa e lo pettinano sette volte al giorno credendolo una bambola e parlandogli aspettandosi una risposta che non arriverà mai. E su questo aspetto al posto degli etologi potremmo chiedere un parere autorevole agli psicologi.
E quindi secondo me non è maltrattamento ne sfruttamento di animale se un bambino fa correre il cane per giocare, lancia un gomitolo di lana al gatto o cavalca un cavallo per correre. E mettendo ora da parte che la nostra società è quello che è oggi, dopo millenni, anche per il grande contributo dato dagli animali nel lavoro che meriterebbe molto piu spazio, non credo che gli asini che corrono a Porcia verso il campanile con in groppa il fantino siano sfruttati o maltrattati da uomini cattivi o anche che, per analogia diretta, gli atleti che corrono in pista siano degli schiavi della società costretti ad esibirsi con tutte quelle persone intorno che li incitano agitando le braccia e urlando.
La corsa dei mussi di Porcia è una festa della tradizione popolare locale molto famosa e divenuta secolare, e come tale continuerà la sua storia anche quest’anno.

0 Commenti

Cultura

Economia

Sport news

Politica

Il Friuli

Business

Green

Family

Invia questa pagina ad un tuo amico
I campti contrassegnati con * sono obbligatori