Home / Cronaca / Presa la banda che acquistava droga in Slovenia e gestiva la 'piazza' di Trieste

Presa la banda che acquistava droga in Slovenia e gestiva la 'piazza' di Trieste

Quattro arresti e due denunce per spaccio. Tra i clienti anche diversi minorenni. Sequestrati quasi 4 chili di marijuana, ma anche cocaina, ecstasy e anfetamina

Presa la banda che acquistava droga in Slovenia e gestiva la \u0027piazza\u0027 di Trieste

I Carabinieri della Compagnia di Trieste via Hermet hanno disarticolato una rete di spacciatori dediti al traffico internazionale di stupefacenti e allo smercio della droga sulla piazza di Trieste.

L’articolata attività d’indagine, coordinata dal sostituto procuratore Federico Frezza, ha portato all’esecuzione, nel complesso, di quattro arresti a carico di un 20enne triestino, un 37enne muggesano, un 40enne triestino e un 34enne triestino, e alla denuncia di una 46enne muggesana e di un 32enne triestino, tutti per reati di spaccio.

L’operazione, condotta nel corso degli ultimi tre mesi con intercettazioni telefoniche e ambientali e lunghi servizi di pedinamento, è scattata il 16 gennaio, quando i Carabinieri di Muggia, durante un controllo nei pressi del valico di Plavje, hanno intercettato due 30enni, entrambi residenti a Trieste, apparsi fin da subito molto nervosi. Uno dei due, approfittando di un momento di distrazione dei due militari, ha preso lo zaino e si è dato alla fuga, ma è stato poi rintracciato in centro città con tre chili di marijuana.

I due, sconosciuti alle forze dell’ordine, erano coinvolti in un vero e proprio traffico internazionale di droga. Da lì, le indagini hanno permesso d’individuare i fornitori sloveni e ricostruire la rete di spaccio. Attraverso perquisizioni e sequestri, sono state documentate varie cessioni di cocaina, marijuana, ecstasy e anfetamina. Molti dei clienti finali erano appena maggiorenni o addirittura minori e si rifornivano principalmente dal 20enne e dal 40enne arrestati, oltre che attraverso la 37enne di Muggia, tutti già noti alle forze dell’ordine.

I riscontri effettuati sul campo hanno permesso di eseguire undici perquisizioni domiciliari, arrestando tre dei principali indagati. L’operazione ha permesso, nel complesso, il sequestro di 3,8 chili di marijuana, 12 grammi di cocaina, 29 pastiglie di ecstasy e due grammi di anfetamina. Oltre una ventina di giovani saranno segnalati alla Prefettura quale assuntori di stupefacente.

Il traffico internazionale di stupefacenti dalla vicina Slovenia e il conseguente smercio sulla piazza triestina, è un fenomeno costantemente all’attenzione della Procura di Trieste e dell’Arma dei Carabinieri, non trovando tregua nemmeno in un periodo caratterizzato da forti limitazioni alla circolazione delle persone a causa delle stringenti misure di prevenzione del fenomeno pandemico.



0 Commenti

Cultura

Economia

Sport news

Politica

Il Friuli

Business

Family

Invia questa pagina ad un tuo amico
I campti contrassegnati con * sono obbligatori