Home / Cronaca / Restate a Gorizia, successo per gli eventi in città

Restate a Gorizia, successo per gli eventi in città

Il Sindaco Ziberna ricorda l'importanza del distanziamento e delle mascherine "ma non rinunciamo a vivere"

Restate a Gorizia, successo per gli eventi in città

"In questi giorni c'è stata una nuova impennata di contagi in Friuli Venezia Giulia, ma la gran parte è importata", ricorda il Sindaco di Gorizia Rodolfo Ziberna. "Ovvero si tratta di persone che hanno contratto il virus all'estero, dove si trovavano in vacanza o per lavoro. Questo va detto a chiare lettere per evitare di ingenerare equivoci e nuove paure per una presunta ondata di ritorno. Al momento non c'è e i nuovi casi hanno tutti una motivazione. Penso che nessuno sappia cosa accadrà in autunno ma, come ho sempre detto, dobbiamo imparare a conviverci. Non possiamo di nuovo chiuderci in casa. Quindi distanziamento e mascherine, ma non rinunciamo a vivere".

"In questo periodo ci sono stati diversi eventi in città, concerti, spettacoli, giochi per bambini, visite guidate, mostre e tutti stanno avendo grande successo con il tutto esaurito per ogni iniziativa", ricorda Ziberna. "È chiaro che non stiamo parlando di grandi numeri, visto che le misure anti Covid 19 non lo permettono, ma in città c'è molto movimento. E questo grazie anche ai tanti locali che hanno colto l'opportunità offerta dal Comune di ampliare gratuitamente gli spazi esterni per sedie e tavolini. Gorizia è bellissima e sto lavorando perché questa situazione possa protrarsi anche fino a tutto il 2021".

"Come ho sempre detto, questo non basta perché l'economia sta conoscendo una crisi senza precedenti e per risolvere i problemi ci vogliono interventi radicali e strutturali, abbassare le tasse, anche per assumere più gente e incentivare progetti innovativi. Purtroppo, a livello nazionale ho l'impressione che si stia andando in tutt'altra direzione".

"Nei giorni scorsi, insieme al presidente dell'Ater, Fabio Russiani, ho visitato alloggi comunali rimessi a nuovo grazie ai fondi stanziati nel nostro bilancio. I lavori sono stati eseguiti dall'Ater. È assurdo tenere chiusi alloggi con la fame di case che c' è. Si sta discutendo molto, in questo periodo, del fatto che, grazie a un intervento dell'amministrazione Fedriga, l'assegnazione degli alloggi vada in numero maggiore a famiglie italiane. C'è chi ritiene che questo non sia corretto ma io penso che non solo lo sia ma che sarebbe scorretto il contrario".

"È assurdo ciò che sta accadendo sul fronte migranti e c'è il concreto rischio che la situazione vada completamente fuori controllo perché la crisi economica sta spingendo ancora più di prima decine di migliaia di persone verso il nostro paese. E ancora una volta stiamo assistendo a una politica del "accogliamo tutti" senza alcun filtro se non controlli non sufficienti ai confini, per ciò che riguarda la nostra regione", continua Ziberna.

"Non bisogna far finta di respingere, bisogna farlo realmente e le proteste, come quelle che stanno accadendo alla Cavarzerani di Udine non possono essere tollerate. Naturalmente non con mezzi violenti, a questo proposito prendo nettamente le distanze da dichiarazioni assolutamente inaccettabili, ma con respingimenti sui confini e rimpatri immediati. Non devono entrare in Italia. Punto. E non devono trovare, in Italia, le solite braccia aperte di chi, poi, non sa neppure chi sia il proprio vicino di casa.
Cari amici, so che è agosto e non c'è tanta voglia di parlare di cose serie ma, purtroppo, ce le troviamo sul piatto ogni giorno. Un grandissimo abbraccio", conclude Ziberna.

0 Commenti

Cultura

Economia

Sport news

Politica

Il Friuli

Business

Family

Invia questa pagina ad un tuo amico
I campti contrassegnati con * sono obbligatori