Home / Cronaca / Rissa in Borgo stazione, aggredito il consigliere Paolo Foramitti

Rissa in Borgo stazione, aggredito il consigliere Paolo Foramitti

Udine - Vittima della furia di uno straniero anche un’anziana signora. La solidarietà del sindaco e dell'assessore Ciani

Rissa in Borgo stazione, aggredito il consigliere Paolo Foramitti

Tafferugli, sedie che volano, spintoni e persone scaraventate a terra. E’ quanto successo, intorno alle 12, in Borgo stazione a Udine, quando la furia di uno straniero, visibilmente in stato di ebbrezza, si è scagliata contro incolumi e ignari passanti che attraversavano viale Giacomo Leopardi.

Il primo episodio è avvenuto quando il consigliere comunale della Lega, Paolo Foramitti, camminando davanti al Pullman Bar, ha notato una zuffa tra un gruppo di persone. Proprio per tentare di evitarla, ha allungato il passo, tentando di girare alla larga. Un’accortezza che, purtroppo, non è servita, visto che uno dei protagonisti della rissa lo ha raggiunto, colpendolo violentemente sullo sterno.

Grazie alla colluttazione ancora in corso, Foramitti è riuscito ad allontanarsi e a chiamare le forze dell’ordine. Determinato a evitare ulteriori conseguenze, in attesa delle pattuglie, si è messo alle calcagna del suo aggressore che, nel frattempo, si era divincolato dirigendosi verso via Roma.

Qui l’uomo, risultato poi ubriaco, avrebbe gettato a terra, secondo alcuni testimoni, un’anziana donna; quindi, arrivato alla Gelateria Dell'Orso, ha iniziato a lanciare gli arredi esterni del locale in mezzo alla strada. A fermarlo, non senza fatica, sono stati i Carabinieri e due agenti della Polizia locale, nel frattempo giunti sul posto.
“Nell’esprimere la vicinanza mia e di tutta l’Amministrazione al Consigliere Foramitti - ha commentato il Sindaco Pietro Fontanini immediatamente informato dell’accaduto - voglio lanciare un messaggio chiaro a tutti i titolari di locali pubblici e clienti della zona di Borgo Stazione: la nostra battaglia contro la criminalità e il degrado di questo quartiere continuerà con sempre maggiore forza fino a quando non verrà nuovamente ristabilita quella tranquillità alla quale le persone per bene che ci vivono hanno diritto. Useremo tutti gli strumenti a nostra disposizione affinché la musica cambi, fino a quando non entrerà a tutti in testa il concetto che le regole si rispettano e che il quartiere delle Magnolie non ha alcuna intenzione di diventare il Bronx della città”.

Sull’episodio è intervenuto anche l’Assessore alla sicurezza Alessandro Ciani. “Sono episodi che fanno male e allo stesso tempo rabbia”, ha commentato. “Fortunatamente il nostro consigliere ha saputo difendersi e mantenere la freddezza per seguire l’individuo e chiamare le Forze dell’Ordine, ma non è detto che chiunque avrebbe avuto la stessa prontezza di spirito. Oggi, grazie all’incremento dell’organico della Polizia Locale, alla collaborazione sempre fattiva con le Forze dell’ordine e all’implementazione del sistema di videosorveglianza, ancora ritenuto inutile da alcuni, abbiamo alcuni importanti strumenti in più nella sfida, ormai diventata storica per la città di Udine, di riportare questo bel quartiere alla sua vocazione residenziale e centrale. Siamo consapevoli che non esistono bacchette magiche per risolvere anni di abbandono ma siamo determinati a fare quanto in nostro potere per risolvere una volta per tutte questa difficile situazione”.

Attestati di solidarietà anche dal capogruppo del Pd in consiglio comunale, Alessandro Venanzi: "Si tratta di un episodio che ci deve far comprendere ancora di più che sul tema sicurezza bisogna agire con serietà e in maniera unitaria, non cercando solamente il consenso di facciata".

"È doverosa la solidarietà per il collega Forniti che ha vissuto una brutta avventura, e la esprimo con sincerità", aggiunge la consigliera dem Eleonora Meloni. "Ma sono fuori luogo i toni bellicosi di Fontanini, che ormai a metà mandato dovrebbe fare i conti con il suo fallimento sul fronte simbolico di Borgo Stazione. Fa notizia il consigliere della Lega colpito da uno straniero, ma passano purtroppo sotto silenzio le quotidiane difficoltà di un quartiere che la Lega non ha saputo risanare".

0 Commenti

Economia

Sport news

Cultura

Il Friuli

Business

Green

Family

Invia questa pagina ad un tuo amico
I campti contrassegnati con * sono obbligatori