Home / Cronaca / Truffa del canile, 400 animali sottratti all'adozione

Truffa del canile, 400 animali sottratti all'adozione

Indagata la titolare, una 70enne che avrebbe lucrato sulle diarie per centinaia di migliaia di euro. La donna si difende: “Ho dedicato la vita ai cani"

Truffa del canile, 400 animali sottratti all\u0027adozione

Fingeva di dare assistenza agli animali nel suo canile convenzionato. In realtà, sottraeva i cani dalla possibilità di adozione, lucrando sulle diarie per un importo di centinaia di migliaia di euro. E' quanto hanno scoperto gli agenti della Squadra Mobile della Questura di Pordenone che, tra lunedì e martedì, hanno eseguito un Decreto di Ispezione Locale nella sede legale del Canile di Villotta di Chions, nel Comune di Valvasone-Arzene, e nel reparto ricovero e custodia permanente del canile, in via Villotta a Chions.

Indagata la titolare 70enne per truffa ai danni dello Stato e peculato. La complessa attività investigativa ha consentito di riscontrare una serie di comportamenti illeciti che hanno permesso alla struttura pordenonese di sfruttare gli animali d’affezione per garantirsi per un lungo periodo introiti illeciti adanno dei 58 Comuni convenzionati tra Friuli Venezia Giulia e Veneto (48 in provincia di Pordenone e 10 in provincia di Udine e Venezia), in forza della vigente Legge Regionale in materia di affido, emergendo chiari e precisi elementi di truffe sistematiche sulle spese per il mantenimento degli animali in canile.

I successivi approfondimenti investigativi hanno evidenziato come gli animali venissero ricoverati senza l’attuazione delle procedure di riabilitazione previste e in più occasioni addirittura spostati dal canile di Villotta all’abitazione della proprietaria, sottraendo in questo modo gli animali da ogni possibilità di adozione e in piena violazione delle normative sanitarie regionali, fatti per i quali risulta tuttora pendente un provvedimento di diffida e ordine di sgombero esecutivo, emesso dalla competente Azienda Sanitaria, ad oggi non ottemperato.

Il modus operandi consisteva in particolare nell’ostacolare e addirittura impedire l’adozione dei cani, permettendo all’indagata, sfruttando l’elevatissimo numero di animali ricoverati, almeno 400 solamente negli ultimi due anni, di incamerare un ingente guadagno illecito quantificabile in svariate centinaia di migliaia di euro, peraltro in costante aumento tenendo conto delle assai costose spese veterinarie, necessarie all’acquisto di farmaci per l’accudimento degli animali, naturalmente fatturate ai Comuni vincolati dalla convenzione stipulata con la struttura.

Alla luce di quanto emerso, il Pm della Procura della Repubblica di Pordenone Maria Grazia Zaina ha quindi emesso il Decreto di Ispezione Locale; proprio durante l'ispezione gli agenti, coadiuvati da otto veterinari comportamentalisti presenti in qualità di CTU individuati tra Friuli Venezia Giulia e Veneto, hanno identificato oltre 400 animali che, tramite verifica del microchip, erano stati affidati al canile in virtù degli appalti stipulati con gli Enti Locali. Nei locali, poi, c'erano centinaia di confezioni di medicinali veterinari scaduti, oltre a un'ingente mole di documentazione amministrativa, fiscale e sanitaria che sarà oggetto di ulteriori approfondimenti in ordine ai titoli di reato per cui si procede.

La donna, insomma, lungi dal favorire le procedure di adozione, isolava gli esemplari tra loro in box singoli, senza nemmeno farli “sgambare”, affinché non sviluppassero socialità e condizioni di sviluppo idonee alla loro futura adozione, per assicurarsi così il mantenimento della diaria fatturata ai Comuni affidatari; oppure, in alcuni casi collocava più esemplari di taglie diverse in aree comuni, lasciandoli di fatto allo stato selvatico, in condizioni di “branco”, per impedire che questi sviluppassero affezione per l’uomo.

Le indagini sul Rifugio sono partite da alcune segnalazioni dei cittadini di Arzene, infastiditi dalla numerosa e rumorosa presenza degli animali nell'abitazione, raccolte dal sindaco Markus Maurmair, che spiega come, "in attesa che la giustizia faccia il suo corso, urge fare una riflessione sui costi per il mantenimento dei cani in struttura. La spesa, per il nostro comune, è stata di 20mila euro, superiore a quella per i buoni spesa per le persone indigenti. Forse dovremmo favorire maggiormente le adozioni e ridurre i costi perchè, per me, vengono prima le persone degli animali".

La fondatrice del canile di Villotta, indagata per truffa e peculato, rigetta ogni accusa: “Sono allibita. Ho dedicato la mia vita ai cani, iniziando a salvarli dai macelli tanti anni fa, prima ancora dell'attuale legge. Non mi sono arricchita, anzi. E negli anni abbiamo dato in adozione centinaia di animali”, dice la donna. Nel 2005 fu coinvolta in una vicenda giudiziaria simile, che si concluse con un’archiviazione.

0 Commenti

Cronaca

Economia

Sport news

Cultura

Il Friuli

Business

Green

Family

Invia questa pagina ad un tuo amico
I campti contrassegnati con * sono obbligatori