Home / Cultura / 'Gente di Trieste' ai Colloqui dell’abbazia

'Gente di Trieste' ai Colloqui dell’abbazia

\u0027Gente di Trieste\u0027 ai Colloqui dell’abbazia

Il libro di Pietro Spirito sarà protagonista del nuovo appuntamento del chiostro dell’Abbazia di Rosazzo, giovedì 24 giugno alle 18

Esploratori, scienziati, artisti, poeti ed eroi: sono i protagonisti del libro di Pietro Spirito dal titolo “Gente di Trieste”, edizioni Laterza, in calendario giovedì 24 giugno alle 18 nel chiostro dell’Abbazia di Rosazzo nella rassegna “I Colloqui dell’Abbazia. Il viaggio della carta geografica di Livio Felluga”, curata da Elda Felluga con Margherita Reguitti che presenta l’incontro.

Il giornalista e scrittore propone un percorso a piedi nell’arco di una giornata incontrando uomini e donne che, dall’Ottocento a oggi, hanno lasciato un segno importante nella vita della città ma anche oltre. Un viaggio fra personalità geniali che, in perfetta sintonia con il dna della rassegna, unisce i destini delle mille anime e culture di queste terre. Un’avventura storico-letteraria in compagnia di personaggi che, a volte poco noti al grande pubblico, hanno donato all’umanità scoperte, invenzioni e imprese i cui benefici ed effetti fanno parte del presente: Josef Ressel e Vittorio Benussi, inventori dell’elica per navi e della macchina della verità, accanto all’esploratore polare Carl Weyprecht e agli eroi Nazario Sauro, tradito dal suo mare, e Rodolfo Maucci, insegnante che, costretto dai nazisti a dirigere Il Piccolo, boicottò gli occupanti dall’interno.

Tanti gli artisti, dai maestri Svevo e Saba alla pittrice Alice Zeriali, donna schiva in corrispondenza con i grandissimi del Novecento. Spazio viene dato anche gli imprenditori che seppero immaginare il futuro come Ernesto Illy nel mondo del caffè e Osiride Brovedani, il chimico che produsse in Italia la pasta Fissan, e agli scienziati visionari come Johann Nepomuk Krieger che disegnò le mappe del cielo usata anche dalla NASA durante lo sbarco sulla luna.

La rassegna “I Colloqui dell’Abbazia. Il viaggio della carta geografica di Livio Felluga”, nasce e cresce grazie alla sinergia fra la Fondazione Abbazia di Rosazzo e l'azienda Livio Felluga che dal 1956 ha come etichetta l'inconfondibile “carta geografica” a significare il forte legame fra il vino e il suo territorio di vocazione.

Gli incontri si svolgono nel rispetto delle disposizioni di sicurezza anti Covid-19 con prenotazione obbligatoria all’indirizzo fondazione@abbaziadirosazzo.it fino a esaurimento dei posti disponibili.

La manifestazione è realizzata grazie alla Fondazione Abbazia di Rosazzo, Livio Felluga, il Comune di Manzano e l’associazione culturale Vigne Museum.

Informazioni sui siti: www.abbaziadirosazzo.it e www.liviofelluga.it

0 Commenti

Cronaca

Economia

Politica

Spettacoli

Sport news

Il Friuli

Business

Green

Family

Invia questa pagina ad un tuo amico
I campti contrassegnati con * sono obbligatori