Home / Cultura / A Cercivento la Bibbia a cielo aperto

A Cercivento la Bibbia a cielo aperto

Il 3 e il 5 settembre i maestri Rupnik e Orlando presenteranno le nuove opere dello straordinario cammino iconografico che prende vita lungo le vie del borgo

A Cercivento la Bibbia a cielo aperto

“La bellezza ci unisce”: cresce ancora e continua a dare altri frutti il progetto ormai conosciuto come “Una Bibbia a cielo aperto” nel piccolo borgo di Cercivento, dove la Sacra Scrittura diviene un vero e proprio percorso culturale e di riflessione spirituale, valorizzando le sue bellezze architettoniche .
Dal 3 al 5 settembre, infatti, Cercivento ospiterà una serie di incontri e di dibattiti, ma soprattutto inaugurerà due importanti novità, con la partecipazione dell’Arcivescovo di Udine, Andrea Bruno Mazzocato: le opere iconografiche sul vangelo di Giovanni di Paolo Orlando (giovedì 3 settembre) e il ciclo musivo di opere Via Della Fede di Marko Ivan Rupnik e del Centro Aletti di Roma (sabato 5 settembre).

Camminando per le vie del paese di Cercivento, sulle facciate delle case antiche, si svelano al visitatore le immagini dei brani biblici che segnano il cammino dell’uomo. Dieci i grandi mosaici collocati qui nel 2012, cuore del progetto “Bibbia a cielo aperto”, accompagnati ciascuno da frasi tratte dalle Sacre Scritture: la Creazione, il Sacrificio di Isacco, l’Esodo, il Dono della Legge, la Profezia di Natan, l’Annunciazione, la Passione, la Resurrezione, la Pentecoste, fino alla Gerusalemme celeste. E dopo questo primo ciclo, negli anni seguenti il progetto si è esteso lungo le vie del borgo, con altri affreschi, mosaici e fotoceramiche ad abbracciare anche le case dei privati. Ed ecco dunque Cercivento colorarsi delle opere della “Via di Maria”, il “Giudizio Universale”, la “Trasfigurazione”, la “Via della Misericordia”

Le Sacre Scritture prendono forma nelle rappresentazioni iconografiche dei maestri Marko Rupnik S. J. e Paolo Orlando; mosaici, dipinti e fotocermiche fanno di questo piccolo borgo di montagna una vera e propria Bibbia a cielo aperto.

Nella canonica di Cercivento, grazie all’opera del maestro Paolo Orlando e al finanziamento della Fondazione Friuli, si potranno ammirare gli splendidi affreschi che raffigurano il modo in cui Gesù, nei quattro Vangeli, si rivela come Messia e come Figlio unigenito di Dio.
E ancora, grazie al generoso finanziamento dell’azienda Ondulati e Imballaggi del Friuli spa (l’azienda guidata da Mario Gollino compie 50 anni e l’incontro con don Harry Della Pietra si è trasformato nel sostegno di questo progetto che rinsalda con la potenza dell’arte e dei suoi messaggi, la forza del territorio e delle persone che lo vivono), con le opere di padre Marko Rupnik e del Centro Aletti di Roma sarà inaugurata una nuova Via tra quelle già esistenti: la Via della Fede. I primi tre mosaici che saranno svelati parlano della fede di Abramo, del dubbio di Mosè e della fiducia e dell’obbedienza della vedova di Sarepta al profeta di Dio. Il quarto quadro invece rivelerà la fede in Gesù di due personaggi del Nuovo Testamento: Giairo e l’emorroissa.

“Siamo soddisfatti - spiega Stelio Dorissa, presidente dell’Associazione Cercivento-Una Bibbia a cielo aperto - Siamo contenti di aver concluso questi lavori realizzati da artisti così importanti. E’ stato un lavoro entusiasmante e ci siamo riusciti grazie alla capacita di una squadra che sta portando avanti un progetto che ormai è sotto gli occhi di tutti ma grazie soprattutto alla caparbietà del nostro parroco, don Harry Della Pietra”.

0 Commenti

Cronaca

Economia

Politica

Spettacoli

Sport news

Il Friuli

Business

Green

Family

Invia questa pagina ad un tuo amico
I campti contrassegnati con * sono obbligatori