Home / Cultura / A Cormons, 'Un giorno da inventare'

A Cormons, 'Un giorno da inventare'

Presentazione sabato 6 aprile del romanzo d’esordio del friulano Giorgio Felcaro

A Cormons, \u0027Un giorno da inventare\u0027

“Ma dov’è che vive tua nonna?”. “Mia nonna? A Tramonti di mezzo, dov’è nato mio padre”. “Tramonti di mezzo? E dov’è che si trova ’sto posto?”. “È un bel paesetto, ci passo le vacanze da quando sono nato, devi passare oltre Spilimbergo e a Sequals giri a sinistra e sali per un po’ di chilometri, non è poi molto distante da qui”. “Sequals? E che razza di nome è questo, non ne ho mai sentito parlare”. “Sequals, bell’ignorantone, è il paese natale di Primo Carnera, forse ti dice qualcosa?”. “Certo che mi dice qualcosa. Vuoi che non sappia chi era il peso massimo più famoso d’Italia?” Il suono di quei nomi aveva stuzzicato la curiosità di tutti: chissà dove si trovavano quei posti...

Sono i primi anni Settanta, la scuola è finita lasciando spazio alle lunghissime vacanze estive che si aprivano davanti ai bambini e ai ragazzi di quelle generazioni. È una giornata afosa, come tante altre, e nel cuore di Còrmons un gruppo di amici alle soglie dell’adolescenza sta vivendo “una di quelle fantastiche giornate, dove non avevamo da fare proprio un bel niente”.

Si apre sui passatempi oziosi di quell’estate di passaggio dei protagonisti dall’infanzia alla prima adolescenza il romanzo “Un giorno da inventare”, opera prima di Giorgio Felcaro, cormonese classe 1961, una vita tra scrivania, numeri e computi e la passione mai sopita per lo sport. Un uomo che ancora si porta dentro il forte ricordo di quella Còrmons e di quel Friuli in bianco e nero della sua giovinezza: “Nel lontano Friuli ancora quasi del tutto sconosciuto, trascorrevo ore e ore nel parco dietro casa mia, assieme a un gruppo di amici su per giù della mia età. Le numerose piante di ippocastani, allineate a file regolari e inframmezzate da platani maestosi, davano a quel luogo la parvenza di un rettangolo ordinato dal sapore antico come il suono del suo nome roboante, Foro boario, in friulano campament”.

Felcaro a cinquant’anni approda nella fucina di scrittura creativa della poetessa e scrittrice friulana Lucia Gazzino e si scopre anche lui scrittore. Ne nasce “Un giorno da inventare”, il suo primo libro, basato su una storia vera. Un intenso romanzo di formazione, che ha subito trovato attenzione nell’editore Alberto Cristofori – impegnato da molti anni nell’editoria, traduttore e autore di manuali scolastici e testi narrativi in cui ha raccontato ai ragazzi grandi classici – e in Manuela Galassi che alcuni anni fa hanno fondato a Milano la casa editrice Albe Edizioni.

“Un giorno da inventare” racconta la decisione, che si rivelerà in qualche modo ‘epica’, di questo gruppo di amici di intraprendere un viaggio in bicicletta per raggiungere il paese di montagna in cui vive la nonna di uno di loro. Il cammino si rivela pieno di intoppi, più lungo e difficile del previsto, e mette a dura prova la resistenza dei ragazzi e la coesione della compagnia. Stremati e in ritardo sulla tabella di marcia, quando manca ormai solo un’ultima salita, gli eroici ciclisti sono costretti a ritornare sui loro passi senza aver raggiunto la meta. Ma il viaggio si conclude all’insegna della fierezza per i tanti chilometri percorsi: i ragazzi sono più uniti, più adulti, felici di aver condiviso un’esperienza di cui si ricorderanno per sempre.

La prima presentazione del libro “Un giorno da inventare” è fissata per sabato 6 aprile a Còrmons nella sala civica di Palazzo Locatelli alle 18.30, con il patrocinio del Comune. Presenti l’autore, gli editori, la scrittrice e saggista Tatjana Rojc e la poetessa e scrittrice Lucia Gazzino. Le letture di alcuni stralci del libro saranno affidate all’attore Claudio Moretti, mentre a condurre l’incontro sarà il direttore di Radio onde furlane Mauro Missana.

0 Commenti

Cronaca

Economia

Politica

Spettacoli

Sport news

Il Friuli

Business

Green

Family

Invia questa pagina ad un tuo amico
I campti contrassegnati con * sono obbligatori