Home / Cultura / A Udine la storia nascosta e avvincente di Giorgio Bassani

A Udine la storia nascosta e avvincente di Giorgio Bassani

Appuntamento giovedì 14 novembre, alla Fondazione Friuli, con Domenico Scarpa

A Udine la storia nascosta e avvincente di Giorgio Bassani

Una storia avvincente, una vita da romanzo, quella di Giorgio Bassani (1916 - 2000), scrittore, poeta e uomo coltissimo che ha attraversato e rispecchiato la vita dell’Italia politica, civile e letteraria da Nord a Sud. Nato in seno ad una famiglia ferrarese benestante di origine ebraica è stato coinvolto nell’evento epocale delle leggi razziali, evento che devia la sua vocazione letteraria in una direzione imprevista.

“Uno strano romanzo al tempo stesso tragico e grottesco, quello della sua vita, che si svolge in un frangente storico orribile e ridicolo insieme” dice il professore Domenico Scarpa, che tratterà la figura di Giorgio Bassani in una conferenza dedicata per l’Università Popolare di Udine dal titolo Correggere le bozze della storia. Bassani, la Resistenza e i libri degli altri. L’autore del memorabile romanzo Il giardino dei Finzi-Contini (1962) verrà tratteggiato attraverso due profili del suo lavoro: quello di un ragazzo impegnato nelle attività ricreativo-culturali del regime fascista, che prende coscienza della propria opposizione per effetto delle leggi antiebraiche del 1938 diventando, nel 1942, uno tra i fondatori del Partito d'azione a Ferrara; e poi la figura di Bassani come talent scout e editore di testi altrui. Aspetto, quest’ultimo, che ha una fase poco nota iniziata nel 1937, quando, ventunenne, coordina la pagina letteraria del "Corriere Padano" di Ferrara, che ospita scrittori di tutta Italia poi diventati famosi.

Particolare anche il suo rapporto con il Nord Est nel pieno della guerra: Bassani entra in contatto nel 1942-43 con Neri Pozza, con Antonio Barolini, e con il gruppo dei Cattolici vicentini impegnati nella cospirazione antifascista e, più tardi, nella Resistenza. Dopo la guerra, dal 1948 al 1960, Bassani curerà la sezione italiana di una importante rivista trilingue, "Botteghe Oscure", con il meglio della letteratura mondiale e italiana di quegli anni. L’appuntamento con questa storia avvincente e in parte sconosciuta è per giovedì 14 ottobre 2019 alle ore 18.15 presso la Fondazione Friuli (via Manin 15 Udine). L’incontro è ad ingresso gratuito e aperto al pubblico ma in mancanza di posti disponibili la precedenza sarà data agli associati. Il sito internet dell’associazione è consultabile all’indirizzo www.unipopudine.it. Per informazioni scrivere a unipopudine@gmail.com.

0 Commenti

Cronaca

Economia

Politica

Spettacoli

Sport news

Il Friuli

Business

Green

Family

Invia questa pagina ad un tuo amico
I campti contrassegnati con * sono obbligatori