Home / Cultura / Aziende e designer uniti per portare l’arte nella vita quotidiana

Aziende e designer uniti per portare l’arte nella vita quotidiana

Fino al 1° novembre a Palazzo Tadea a Spilimbergo, approdano bozzetti, fotografie, arredi e video per narrare il processo produttivo dal progetto al prodotto

Aziende e designer uniti per portare l’arte nella vita quotidiana

Sul filo rosso della creatività tesa fra arte e impresa, CREAttivo. Eccellenze Fvg fra arte e impresa - progetto ideato e diretto da Sabrina Zannier per l’Associazione culturale Maravee - diventa una mostra che unisce grandi designer italiani e stranieri alle eccellenze della regione. Dall’arte musiva della Scuola mosaicisti del Friuli alla produzione industriale nel settore del mobile, in mostra – fino al 1° novembre a Palazzo Tadea a Spilimbergo - approdano bozzetti, fotografie, arredi e video per narrare il processo produttivo dal progetto al prodotto. Avviato in pieno lockdown, finalizzato all’inserimento di un intervento musivo in tre oggetti d’arredo - il piano lavoro della cucina Loft progettata da Michele Marcon e prodotta da Snaidero, il pouf Brick disegnato da Paola Navone per Gervasoni, la sedia Dining di Michele De Lucchi per Very Wood - il progetto ha visto la collaborazione fra i vincitori del concorso d’idee, ossia lo spagnolo Luis Guerra Sobejano, l’italiana Beatrice Tagliapietra e la russa Polina Kazanovskaia, e le aziende che hanno prodotto i prototipi da personalizzare con l’intervento musivo. Terminata la produzione aziendale, i prodotti sono stati consegnati alla Scuola spilimberghese, dove gli artisti hanno realizzato un’opera musiva capace di dialogare con il design dell’oggetto, tenendo ben presente la sostenibilità produttiva nell’ambito delle logiche aziendali. Nato per sviluppare due obiettivi attraverso un concreto dialogo esperienziale, il progetto CREAttivo intende alimentare nel settore manifatturiero idee, progetti e sapienze artigianali tese fra arte e didattica. Portare nel sistema artistico e didattico metodologie e logiche aziendali per incentivare produzioni creative sostenibili, con la finalità di promuovere e diffondere, a partire dalla ricerca creativa, il processo di estetizzazione e culturalizzazione della vita quotidiana. Allestiti all’interno di una zona living, i quattro complementi d’arredo - immortalati all’interno delle aziende e alla Scuola mosaicisti del Friuli dalle fotografie di Valentina Cunja - diventano metafora della progettualità creativa fra casa e studio.

0 Commenti

Cronaca

Economia

Politica

Spettacoli

Sport news

Il Friuli

Business

Green

Family

Invia questa pagina ad un tuo amico
I campti contrassegnati con * sono obbligatori