Home / Cultura / Giornata della Memoria a Casarsa in ricordo di Mario Bertolin

Giornata della Memoria a Casarsa in ricordo di Mario Bertolin

L'amministrazione comunale ha ricevuto la donazione, da parte di Piero Pastorello, degli effetti personali del casarsese morto nel 1945 nel campo di concentramento nazista di Mittelbau-Dora

Giornata della Memoria a Casarsa in ricordo di Mario Bertolin

Per la Giornata della Memoria 2021 l'Amministrazione comunale della Città di Casarsa della Delizia ha ricevuto la donazione, da parte di Piero Pastorello, degli effetti personali di Mario Bertolin, casarsese morto nel 1945 nel campo di concentramento nazista di Mittelbau-Dora. La donazione al centro di un video che sarà trasmesso il 27 gennaio sulla pagina Facebook Eventi a Casarsa della Delizia.

Ogni anno, il 27 gennaio si celebra il Giorno della memoria, ovvero la “Giornata internazionale di commemorazione in memoria delle vittime della Shoah”. La ricorrenza internazionale è stata istituita il 1° novembre 2005 dall’Assemblea generale delle Nazioni Unite. Con la Risoluzione 60/7, l’Onu ha voluto commemorare le vittime dell’olocausto e «condannare tutte le manifestazioni di intolleranza, incitamento, molestia o violenza contro persone o comunità, sia su base etnica che religiosa».

L'amministrazione comunale di Casarsa della Delizia da alcuni anni in occasione della giornata della memoria, al fine di scongiurare il rischio di una assuefazione e ritualizzazione retorica di tale ricorrenza, ha ritenuto di avviare una riflessione ripartendo dagli accadimenti, talvolta oscuri e dimenticati, che hanno vista protagonista la popolazione casarsese.


La vicenda di Mario Bertolin è una di queste. La sua troppo breve traiettoria esistenziale è riemersa grazie all’interesse di un collezionista, appassionato e studioso di storia militare, il dottor Piero Pastorello, che si è casualmente imbattuto in alcuni cimeli appartenuti al nostro concittadino, testimonianza dei suoi ultimi tragici mesi di vita.

Il dottor Pastorello ha espresso da subito la volontà di cedere gratuitamente al Comune di Casarsa questi cimeli, a condizione che essi siano custoditi e preservati a beneficio della cittadinanza e che siano oggetto di attività culturale divulgativa, condizioni che coincidono con gli intenti e le prerogative dell’Amministrazione Comunale, volte al recupero, preservazione e divulgazione della cultura e della nostra memoria storica.

La donazione è stata formalizzata lo scorso 12 gennaio alla presenza del sindaco Lavinia Clarotto e dell’assessore alle poliche culturali Fabio Cristante. La cerimonia, sobria ma particolarmente toccante, si è svolta nella sala di rappresentanza del palazzo municipale. “Mario è tornato a casa, è nato una seconda volta” ha affermato Pastorello.

La vicenda di Mario Bertolin verrà ricordata pubblicamente in occasione della prossima Giornata della memoria il 27 gennaio attraverso un video che sarà trasmesso sulla pagina Facebook Eventi a Casarsa della Delizia. Sulle parole dell’imprenditore triestino Osiride Brovedani, deportato sopravvissuto allo stesso campo di lavoro nazista di Mittelbau-Dora, interpretate magistralmente da Fabiano Fantini, verranno riportati alla luce gli ultimo oggetti della quotidianità di Mario: un cucchiaio, un coltellino, una cintura, gli occhiali rotti.

”Impossibile non provare dolore nel vedere ciò che rimane di una persona racchiuso in una scatola - ha affermato l'assessore Cristante -. Era solo un ragazzo e aveva tutto il diritto di realizzare la sua vita in pienezza. Invece è morto lontano da casa. È nostro dovere fare storia e memoria di quelli che sono stati nostri vicini, ma se la dignità di ogni vita è valore universale la storia chiama anche noi a farci vicini, a non volgere lo sguardo ora, a ritrovare quell’umanità che ci faccia sentire ancora dolore allo stomaco per le vittime di ogni violenza e sopruso. Se il Novecento si è concluso, non i genocidi, gli stermini, la diffidenza, la rabbia, il rifiuto e la violenza”.

Il video sarà per l’Amministrazione e in particolare per l’Assessorato alle politiche culturali, una prima occasione di onorare l’impegno preso nei confronti del dottor Pastorello e nei confronti della memoria di un concittadino.

La vicenda andrà certamente approfondita ed indagata. Il suo nome è indicato tra i nove partigiani e patrioti casarsesi caduti, accanto a Guidalberto Pasolini, Gino Menotti, Enrico Castellarin, Elio Morassutti, Severino Cossutta – sepolti presso la tomba monumentale di Casarsa – di Cesare Francescutti giustiziato a Carbona, Costante, Borean tumulato a Dachau.

0 Commenti

Cronaca

Economia

Politica

Spettacoli

Sport news

Il Friuli

Business

Green

Family

Invia questa pagina ad un tuo amico
I campti contrassegnati con * sono obbligatori