Home / Cultura / Giorno della Memoria a Trieste

Giorno della Memoria a Trieste

Le cerimonie in programma per ricordare l’abbattimento dei cancelli di Auschwitz e lo sterminio e le persecuzioni del popolo ebraico e dei deportati militari e politici italiani nei campi nazisti

Giorno della Memoria a Trieste

Il “Giorno della Memoria”, istituito dal Parlamento italiano, con legge 211 del 20 luglio 2000, per ricordare l’abbattimento dei cancelli di Auschwitz e lo sterminio e le persecuzioni del popolo ebraico e dei deportati militari e politici italiani nei campi nazisti, sarà ricordato a Trieste con un ricco e articolato programma di celebrazioni, appuntamenti e iniziative culturali promossi dal Comune di Trieste e realizzati dal Civico Museo della Risiera di San Sabba insieme ad altre istituzioni, associazioni e realtà attive sul territorio.

 

Le cerimonie si terranno lunedì 27 gennaio. Alle ore 9.15, a cura della Questura di Trieste e dell’Associazione “Giovanni Palatucci Onlus”, ci sarà la deposizione di una corona d’alloro ai piedi della lapide che nelle carceri del Coroneo ricorda Giovanni Palatucci. A seguire, alle 9.30, a cura dell’Associazione nazionale ex deportati di Trieste assieme a studenti e cittadini, dal Coroneo partirà una marcia silenziosa che raggiungerà la Stazione Centrale. Qui, sul lato di via Flavio Gioia, alle ore 10.00, sarà deposta una corona sulla lapide che ricorda la partenza dei convogli dei deportati verso i campi nazisti dal settembre 1943 al febbraio 1945. Alle ore 11.00, alla Risiera di San Sabba, monumento nazionale, unico campo di sterminio nazista con forno crematorio in Italia, si terrà la solenne cerimonia del “Giorno della Memoria 2020” con la deposizione di corone d'alloro da parte di Regione FVG, Prefettura e Comune di Trieste e delle Associazioni e dei gruppi che partecipano alla commemorazione. A seguire, tra gli appuntamenti, alle ore 12.00, è prevista la lettura di alcuni brani del libro “Da Buchenwald a Belsen”, diario della prigionia di Osiride Brovedani, con la voce di Alessandro Mizzi, a cura del museo “Casa di Osiride Brovedani”.

Sempre nel pomeriggio di lunedì 27 gennaio, dal piazzale antistante lo stadio Grezar, alle ore 17.00, partirà la fiaccolata per la memoria della pace e della convivenza, organizzata dal “Coro Partigiano Triestino Pinko Tomažič”. Ancora alle 17.00, nella sala Bazlen di palazzo Gopcevich, si terrà l’incontro “Da Trieste a Dachau, Riccardo Goruppi racconta”, a cura dell’Associazione Nazionale ex Deportati.
Questa mattina, lunedì 27 gennaio, una delegazione del Sindacato dei giornalisti, composta dal presidente della Fnsi Beppe Giulietti, dal presidente e dal segretario dell’Assostampa Friuli Venezia Giulia, Carlo Muscatello e Alessandro Martegani, e da Fabiana Martini e Antonella Napoli di Articolo 21, si è recata alla risiera di San Sabba di Trieste, unico campo di sterminio con forno crematorio in Italia, per rendere omaggio alle vittime di un lucido e spietato disegno di eliminazione del popolo ebreo e di ogni forma di diversità odiata dal nazifascismo.

“Mai come in questo momento - ha dichiarato il presidente Giulietti - ci è sembrato giusto e doveroso ribadire l’impegno del giornalismo italiano a contrastare ogni forma di antisemitismo e di razzismo e a contrastare quelle parole di odio che ne sono la velenosa premessa”.

Sabato 25 gennaio, dalle ore 11.00 alle ore 15.00 e domenica 26 gennaio alle ore 11.00, sono in programma visite guidate gratuite alla Risiera di San Sabba, a cura dell’Associazione Guide Turistiche del Friuli Venezia Giulia (durata 45 minuti, prenotazioni 040 826202 e/o risierasansabba@comune.trieste.it). Ancora domenica 26 gennaio, alle ore 16.00, nella sala commemorazioni della Risiera di San Sabba, “La Risiera racconta” a cura di Paola Pini e del Teatro Stabile del Friuli Venezia Giulia con i licei Petrarca, Carducci-Dante, Prešeren, Oberdan e Galilei.

 

Martedì 28 gennaio, alle ore 9.15 e alle 11.15, al Teatro Miela, sono in programma invece due proiezioni riservate agli studenti delle scuole secondarie del film “Le consul de Bordeaux”. Il film sarà introdotto da un intervento dello storico Tristano Matta dell’IRSREC di Trieste. Iniziativa realizzata con il contributo di Coop Alleanza 3.0.

Mercoledì 29 gennaio, alle ore 15.00, nella sala commemorazioni della Risiera di San Sabba, il direttore dell’IRSREC Patrick Karlsen presenta il libro “La trisnonna Clementina e la Risiera di San Sabba” a cura di Alessandro Slama e Roberta Zucca. Giovedì 30 gennaio, alle ore 18.00, al Caffè San Marco di Trieste, introdotto da Tristano Matta e alla presenza dell’autore Frediano Sessi, presentazione del Libro “L’angelo di Auschwitz”.

Domenica 2 febbraio, alle ore 15.00, nella sala commemorazioni della Risiera di San Sabba, “Il rotolo di Ravensbruck”, lettura scenica a cura dell’associazione “La Macchina del Testo”, con Mariella Terragni, Michela Cembran, Pierluca Famularo, Daniela Gattorno e musiche di Carlo Moser.

Tra gli appuntamenti in programma anche “ Per non dimenticare - Cinema e Shoah”, iniziativa giunta alla XVI esima edizione a cura del Circolo cinematografico Charlie Chaplin in collaborazione con il Comitato Pace Convivenza e Solidarietà Danilo Dolci. Nel Centro Studi Unicusano di via Fabio Severo 14/a (ore 9.00 per le scuole, ore 20.30 per tutti ) proiezioni seguendo il seguente programma: “Tutto davanti questi occhi” il 21 gennaio, “Monsieurs Batignole” il 23 gennaio, “Fuga da Sobibor” il 30 gennaio e “La signora dello zoo di Varsavia” il 31 gennaio.

0 Commenti

Cronaca

Economia

Politica

Spettacoli

Sport news

Il Friuli

Business

Green

Family

Invia questa pagina ad un tuo amico
I campti contrassegnati con * sono obbligatori