Home / Cultura / Il Giorno della Memoria a Udine

Il Giorno della Memoria a Udine

Gli appuntamenti in programma per ricordare le vittime della Shoah

Il Giorno della Memoria a Udine

Il 27 gennaio 1945 l’Armata Rossa aprì i cancelli del campo di concentramento di Auschwitz svelando al mondo tutto l’orrore del sistematico sterminio di massa che la Germania nazista stava attuando. L’Assemblea generale delle Nazioni Unite ha designato il 27 gennaio di ogni anno “Giorno della Memoria” per commemorare le vittime dell’Olocausto.

Ogni anno, il 27 gennaio, si susseguono le iniziative dedicate al ricordo delle vittime della Shoah. Il Comune di Udine, in occasione di questa ricorrenza, propone una serie di appuntamenti, ma quest'anno, a causa del Covid, le celebrazioni subiranno 'un taglio' e saranno perlopiù online


Vediamo nel dettaglio il programma del 2021.
Mercoledì 27 gennaio, alle 12, è in programma la deposizione della corona in viale della Vittoria.


Lunedì 25 gennaio, alle 18, 'Mio fratello Sergio sotto le grinfie di Menghele, 1944':
Mario de Simone ricorda il fratello Sergio e racconta la tragica esperienza del piccolo vittima dello spietato Menghele nel 1944.
Evento – con diretta Zoom e diretta facebook pagina Civici Musei - in collaborazione con Parrocchia San Pio X con gli interventi dell'assessore cel Comune di Udine Fabrizio Cigolot, don Maurizio Michelutti, Mario De Simone, Tiziana Menotti. Link Zoom: https://us02web.zoom.us/webinar/register/WN_5bUKpx6hRpy200Z5uaAcRA

Martedì 26 gennaio, alle 18, '23 giugno 1945 Negli occhi e nel cuore, la storia continua… Gli scomparsi e i salvati. La Brigata ebraica e un diario ritrovato'. L’avventuroso ritorno a Udine dei sopravvissuti della famiglia Gentilli, costretta a disperdersi a causa delle persecuzioni nazifasciste. La festa della città liberata assieme alla rinascente comunità ebraica. L’alba di un nuovo inizio. 
Oggi, 75 anni dopo, le parole di Umbertina Gentilli, ultima testimone tra gli ebrei udinesi scampati alla Shoah.
Con Angelo Floramo e Valerio Marchi (autore nel 2017 del libro Negli occhi e nel cuore. I Gentilli, ebrei friulani testimoni della Shoah, Kappa Vu). Sul canale Eventi di UDIMUS www.udimus.com

Mercoledì 27 gennaio, alle 17.30 diretta Zoom e diretta facebook pagina Civici Musei, 'In ricordo di Cecilia Deganutti'. La Biblioteca “V. Joppi” e i Civici Musei dedicano l’incontro al ricordo di Cecilia Deganutti, presentando l’archivio Deganutti, recentemente donato dagli eredi alla Biblioteca, e il libro “Cecilia” a cura di Marco Verità.
Interventi del sindaco Pietro Fontanini, Romano Vecchiet, Marco Verità, Anna Colombi. 
Link Zoom: https://us02web.zoom.us/webinar/register/WN_8LE3hW5ITu-nxqWi06FKbg

Giovedì 28 gennaio, alle 18 diretta Zoom e diretta facebook pagina Civici Musei, 'Shoah dietro l’angolo. Carceri naziste nelle case di Udine, 1943-1945'. Dialogo tra Elio Varutti e Marco Balestra. In collaborazione con Liberetà. Interventi dell'assessore Fabrizio Cigolot, Elio Varutti, Marco Balestra. 

in diretta su pagina Facebook @CiviciMusei.Udine e sul canale YouTube SBHU

Link Zoom: https://us02web.zoom.us/webinar/register/WN_UTDVjk1zQCe2Qaz1AgQMZQ

Venerdì 29 gennaio, Giorno della Memoria 2021, video realizzato dall'ANED con interventi di Fulvio Luzzi Conti, Marco Ivancich, Elia Pupil, Aida Talliente, Liana Millu

verrà pubblicato sul canale Eventi di UDIMUS www.udimus.com


Lunedì 1 febbraio, 'Mio fratello Sergio sotto le grinfie di Menghele, 1944', evento riservato alle scuole.

Non potendo organizzare la cerimonia aperta al pubblico per le restrizioni Covid, Aned registrerà cinque interventi indirizzati soprattutto alla popolazione studentesca che vedranno protagonisti il sindaco di Udine e il presidente Aned Marco Balestra, il prof. Fulvio Luzzi Conti, il prof. Marco Ivancich, Elia Pupil studente universitario, l'attrice Aida Talliente, Liana Millu, deportata a Ravensbruk.

1 Commenti
Felice5

La memoria sia disegno del futuro guardando al passato. La memoria diventi Sacro luogo universale di riscatto dell'uomo, dalle sue azioni e abbracci tutto il percorso che lo avvicina al Creatore. Sulla scia di questa importante iniziativa sarebbe importante che nascesse anche la giornata della memoria a ricordo delle atrocità della Bibbia e delle religioni. Le religioni diventino germe di pace e non di violenza e disuguaglianza.

Cronaca

Economia

Politica

Spettacoli

Sport news

Il Friuli

Business

Green

Family

Invia questa pagina ad un tuo amico
I campti contrassegnati con * sono obbligatori