Home / Cultura / Marco Pacini inaugura gli incontri de 'L’uomo al centro'

Marco Pacini inaugura gli incontri de 'L’uomo al centro'

Appuntamento venerdì 22 marzo, a Pordenone, per un’indagine dedicata al pensiero critico e alla possibilità di esercitarlo nel nostro quotidiano

Marco Pacini inaugura gli incontri de \u0027L’uomo al centro\u0027

Al via gli incontri de “L’uomo al centro”, il ciclo annuale di conversazioni promosse dal Gruppo Cgn con la Fondazione Pordenonelegge.it, a cura di Gian Mario Villalta e Alberto Garlini. Rimettere l’uomo al centro di un’indagine complessa sul nostro tempo e su quello che verrà è l’obiettivo dell’edizione 2019, che parte da una ricognizione intorno a “Epocalisse, giornalismo e social network”, affidata a Marco Pacini, caporedattore del settimanale “L’Espresso. Appuntamento venerdì 22 marzo nella sede Cgn di Pordenone (via Linussio 1/B), dalle 18.15, per un’indagine dedicata al pensiero critico e alla possibilità di esercitarlo nel nostro quotidiano, mentre i confini del linguaggio giornalistico pericolosamente sembrano avvicinarsi a quelli dei social. Ma è davvero così? “Epocalisse. Appunti di un cronista pessimista” titola non a caso il libro di Marco Pacini uscito di recente per le edizioni MImesis: «Sono un vecchio giornalista di carta che vede cadere a pezzi, giorno dopo giorno, calcinaccio dopo calcinaccio, il suo mondo – dichiara l’autore».

Marco Pacini intreccia in queste pagine la sua esperienza personale e il suo lavoro di cronista per analizzare le vicende di maggior attualità – dallo sfascio post-elettorale alle tanto discusse fake news –, utilizzando una sana dose di “pessimismo attivo”. Senza scadere in logiche disfattiste, Pacini sottolinea la necessità di opporre a un ottimismo acritico l’arma del buon senso. Basta osservare, guardarsi intorno, per scoprire che, oltre il diktat del tecno-ottimismo, non esiste soltanto il deserto della diffidenza e del pregiudizio. Come sostiene l’autore, il pessimismo “è reazionario solo nel senso che prova a reagire alla progressiva scomparsa del pensiero critico”. Un libro che invita a guardare la realtà con lo sguardo del pessimista che si augura di avere torto e porta avanti la sua battaglia intellettuale proprio sperando che sia così. Venticinque anni nei quotidiani, dapprima come cronista politico e autore di inchieste poi come caporedattore centrale del “Piccolo” di Trieste, Marco Pacini nel 2005 ha ideato il progetto “vicino/lontano – identità e differenze al tempo dei conflitti”. E’ membro di Giuria del prestigioso Premio letterario internazionale Tiziano Terzani. Ha curato e introdotto alcune pubblicazioni, tra le quali Il diritto e il suo rovescio di Carlo Galli, e diretto una collana di saggi brevi edita da Forum - Editrice Universitaria Udinese. L’incontro, con ingresso libero, è accreditato Sigef, info www.pordenonelegge.it

Il cartellone de “L’uomo al centro” proseguirà martedì 26 marzo con “Un nuovo modo di vedere la natura: la Bio-Robotica”, protagonista la scienziata Barbara Mazzolai, annoverata da Robohub fra le 25 donne più geniali in robotica. Attualmente è coordinatrice del Centro di Micro Bio-Robotica a Pontedera - Istituto Italiano di Tecnologia, ed è nota in tutto il mondo per essere la coordinatrice del progetto europeo FET-Open Plantoid, fatto proprio dalla Commissione europea, che approfondisce le conoscenze su una nuova generazione di tecnologie ispirate alla forma e alle funzioni delle radici delle piante. Giovedì 11 aprile terzo e ultimo incontro dedicato a “L’intelligenza artificiale. Quale futuro per l’uomo?”, con Lorenzo Pinna, giornalista e divulgatore scientifico italiano, fra le firme di Quark e Superquark, autore e coautore, insieme a Piero Angela, di vari libri di divulgazione scientifica, vincitore del Premio Europeo Cortina Ulisse per la divulgazione. Il suo ultimo saggio è Intelligenza artificiale. Nel futuro c'è ancora posto per noi?

0 Commenti

Cronaca

Economia

Politica

Spettacoli

Sport news

Il Friuli

Business

Green

Family

Invia questa pagina ad un tuo amico
I campti contrassegnati con * sono obbligatori