Home / Cultura / Massimo Polidoro a PordenonePensa in Giallo

Massimo Polidoro a PordenonePensa in Giallo

Martedì 12 l’esploratore dell’insolito, anticipato dalle storie di streghe e benandanti raccontate dal profondo conoscitore di tradizioni e leggende friulane, Paolo Paron

Massimo Polidoro a PordenonePensa in Giallo

Seconda serata della rassegna estiva PordenonePensa in Giallo, lo spin off a base di misteri e noir. Il Circolo culturale Eureka - in collaborazione con il Comune di Pordenone, il sostegno di Regione, Fondazione Friuli, Pordenone Fiere, Viteria 2000 e di un nutrito pool di sponsor privati – prosegue martedì 12 luglio a Pordenone con un doppio appuntamento.

Alle 19 nella Loggia del municipio si svolgerà l’incontro intitolato “Di streghe e benandanti”, con Paolo Paron. Profondo conoscitore delle tradizioni e credenze locali, Paron narra racconti, diffusi in Friuli nel XVI-XVII secolo, sulle congreghe di contadini che, con culti pagano-sciamanici, si adoperavano per la protezione dei villaggi e del raccolto dall’intervento malefico delle streghe. Ha scritto una saga che narra le avventure di una famiglia di friulani, dove alcune persone nascono ancora avvolte nel sacco amniotico: i famosi nati con la camicia. La storia comincia una ventina di anni dopo la fine del secondo conflitto mondiale e racconta la vita di campagna in un piccolo paese della fascia pedemontana delle Dolomiti Friulane: Fanna. In questo paesino e nei paesi vicini oltre a Pietro il benandante vive ed opera Clorinda guaritrice ed esperta di piante, erbe ed infusi, anche lei nata con la camicia; ma ci sono anche streghe e stregoni che lottano contro di loro.

Alle 20.45 in Piazza san Marco Massimo Polidoro sarà protagonista della serata intitolata “La scienza indaga i misteri della storia”.

Il giornalista e scrittore che ha cofondato il Cicap con Piero Angela, Margherita Hack, Rita Levi Montalcini e Umberto Eco, si propone nella sua veste di esploratore dell’insolito. In qualità di investigatore dei misteri, ci condurrà alla scoperta delle Piramidi, sorte nel 2500 a.C. e costruite con una maestria che ancora oggi non trova certe spiegazioni; quindi delle linee di Nazca, gli immensi geroglifici peruviani che raffigurano animali stilizzati, la cui funzione non è ancora nota; la civiltà dell’isola di Pasqua, che sembrava solida ma si è estinta per cause ignote, e Stonehenge, che secondo le leggende è stata creata da Merlino, che trasportò magicamente dall’Irlanda le pietre assemblate dai giganti.

Polidoro illustra il percorso della scienza nell’affrontare l’ignoto dimostrando che la essa, nonostante i suoi limiti, è quanto di più prezioso l’uomo sia riuscito a inventare.
PordenonePensa in Giallo si conclude mercoledì 13 luglio con Gianluigi Nuzzi, alle 20.45 in Piazza san Marco, nella serata intitolata “Predatori tra noi”.

Come di consueto, gli ospiti si tratterranno, alla fine degli incontri, per firmare i libri, che potranno essere acquistati in loco.

Entrata libera senza prenotazione. In caso di maltempo all’ex Convento San Francesco (mascherina Ffp2 obbligatoria).

0 Commenti

L'economia in un click

Cultura

Economia

Sport news

Politica

Il Friuli

Green

Business

AGENDA

Invia questa pagina ad un tuo amico
I campti contrassegnati con * sono obbligatori