Home / Cultura / Sala, Appendino e De Caro insieme per Parole O_Stili

Sala, Appendino e De Caro insieme per Parole O_Stili

Sala, Appendino e De Caro insieme per Parole O_Stili

Un meeting per parlare di comunicazione politica e tradurre concretamente l’impegno formale della sottoscrizione al Manifesto della comunicazione non ostile già effettuata da 250 sindaci

Parole O_Stili chiama, l’Italia dei Sindaci risponde. Beppe Sala, Sindaco di Milano, Chiara Appendino, Sindaca di Torino, Antonio Decaro, Presidente ANCI e Sindaco di Bari e Loredana Poli, Assessore all’Istruzione di Bergamo discuteranno su come instaurare un dialogo “non ostile” con i cittadini, primo vero presupposto per la partecipazione civica.
Inoltre, si proverà a tradurre l’impegno formale dell’adesione al Manifesto della comunicazione non ostile in azioni concrete in favore dei propri cittadini.

Sono già 250 i sindaci italiani che hanno firmato e che sono disponibili a un dialogo aperto per essere in prima linea per sensibilizzare la community verso un uso consapevole delle parole attraverso la diffusione dei dieci principi del Manifesto e per partecipare a un’entusiasmante esperienza collettiva di cambiamento culturale.


Azioni necessarie visto che, secondo le ultime rilevazioni SWG per Parole O_Stili il 91% degli intervistati reputa che in Italia esiste un problema di violenza verbale in politica e che i social siano un megafono di linguaggi violenti (74%).

All’appuntamento online parteciperà anche Francesco Di Costanzo, Presidente di PA Social, Francesco Nicodemo, Formatore dell’Academy di Parole O_Stili e Angela Creta, Coordinatrice per il Lazio di PA Social. Insieme annunceranno l’inizio di un imminente collaborazione tra l’Associazione triestina e PA Social, associazione nazionale per la comunicazione e informazione digitale.

“Siamo onorati che le istituzioni abbiano risposto al nostro invito” dichiara Rosy Russo, presidente di Parole O_Stili. “Il momento di confronto che si terrà, oltre a dare ulteriore concretezza all’impegno assunto con la firma del Manifesto, farà da apripista a un calendario di iniziative e progetti che metteremo in campo nei prossimi mesi con l’aiuto dei Sindaci. Ponendo al centro il dialogo e l’inclusione, vogliamo diffondere una maggiore consapevolezza degli strumenti digitale e dell’uso del linguaggio, così da contrastare l’odio e la violenza on e offline.”

0 Commenti

Cronaca

Economia

Politica

Spettacoli

Sport news

Il Friuli

Business

Green

Family

Invia questa pagina ad un tuo amico
I campti contrassegnati con * sono obbligatori