Home / Cultura / Tra il banco di legno e il calamaio

Tra il banco di legno e il calamaio

La scuola di una volta in mostra al Museo Etnografico del Friuli

Tra il banco di legno e il calamaio

Continua l’ampliamento del percorso espositivo del Museo Etnografico del Friuli attraverso la creazione della nuova sala permanente dedicata all’istruzione scolastica in Friuli denominata Tra il banco di legno e il calamaio. La scuola di una volta, sarà inaugurata al Museo Etnografico del Friuli mercoledì 30 novembre alle 11.

Il banco di legno e il calamaio, richiamano la scuola dei nostri bisnonni o dei nostri nonni. La sala contiene i materiali virtuosamente donati dal maestro Gaetano Vinciguerra che, nel corso degli ultimi anni, ha condotto una meritoria opera di salvataggio dei materiali più rappresentativi dell’istituzione scolastica in Friuli e, in particolare, delle scuole urbane e rurali dell’area di Udine. La lungimirante azione dell’Amministrazione cittadina ha così permesso di ricevere in donazione dal maestro questa eccezionale raccolta, frutto di una sistematica attenzione alla salvaguardia del patrimonio scolastico altrimenti destinato all’oblio e alla dispersione sul mercato antiquario.

L’allestimento della sala permette un viaggio in un periodo della nostra storia che segnò il passaggio alla gestione dello Stato delle scuole elementari fino ad allora comunali. Una parte rilevante dell’esposizione è costituita da materiali dell’epoca, come l’arredo delle aule, il corredo dell’alunno, le pagelle, i registri e persino i quaderni dove si usava la lingua friulana e si studiava la cultura regionale. Ritroviamo i dettati delle maestre, i componimenti illustrati degli alunni, i loro diari e le pagine di cronaca della vita del tempo, il tutto riportato nei quadernetti con la cura per la bella scrittura e l’ordine. Il richiamo all’obbedienza e l’uso della bacchetta ci ricordano la severità della scuola di allora. I reperti esposti provengono dalle scuole udinesi e del Friuli.

Il percorso espositivo consente di operare un confronto con la realtà dell’oggi così diversa per metodologie didattiche, approcci e contenuti. La sala sarà al centro di dibattiti e conferenze che coinvolgeranno i docenti in formazione e in servizio, un luogo di discussione e di confronto tra presente e passato per cogliere gli orientamenti futuri dell’educazione e dell’istruzione partendo dalle nostre radici.

Museo Etnografico del Friuli, Palazzo Giacomelli, via Grazzano 1. Da venerdì a domenica: 10 – 18, 0432-12729220, www.civicimuseiudine.it

0 Commenti

L'economia in un click

Cultura

Economia

Sport news

Politica

Il Friuli

Green

Business

AGENDA

Invia questa pagina ad un tuo amico
I campti contrassegnati con * sono obbligatori