Home / Cultura / Un grande evento nel 2021 per sensibilizzare tutti

Un grande evento nel 2021 per sensibilizzare tutti

E’ questo il pensiero del sindaco di Aquileia, Emanuele Zorino, che vede nel sito dell’Unesco sotto un duplice aspetto

Un grande evento nel 2021 per sensibilizzare tutti

Attivarsi subito, per non trovarsi in condizioni di disagio giornaliero nel futuro. E’ questo il pensiero del sindaco di Aquileia, Emanuele Zorino, che vede nel sito dell’Unesco sotto un duplice aspetto: quello di città viva, come è anche Venezia, e quello di identità culturale.
“Sono città fragili – spiega Zorino -, dobbiamo curare i rapporti con la terra e con il mare. Per il momento siamo stati colpiti soltanto in parte. Però, ci siamo già mossi per parlare con la Regione del sistema idrogeologico, di come tutelarci. Vorremmo organizzare un convegno per discutere il problema a tutti i livelli nel 2021. Non è rilevante che il tavolo sia aperto ad Aquileia o a Venezia. Ciò che conta è che si sensibilizzino tutti sulla questione".

AGIRE SUBITO - Il fatto che Zorino si sia mosso subito non è per visibilità, come qualcuno ha detto, “ma perché ho voluto lanciare un allarme – spiega il sindaco – che diventa spunto di riflessione e ci porta a, studiando e imparando dal nostro passato recente, a ragionare su progettualità che risolvano concretamente il fragile rapporto tra terra e mare, che fa del nostro territorio un territorio unico”.

Zorino non trascura mai la parte viva di Aquileia che è un tutt’uno con la parte patrimonio dell’Unesco.
“Mettere il sito in sicurezza – continua Zorino –, trovando i giusti strumenti tecnici è una priorità già tenuta in grande considerazione dai miei predecessori. Il problema, però, non è stato risolto. Oggi il tempo è una variabile non più relativa e non possiamo dire che ci penseremo domani. I gravi avvenimenti che hanno colpito Venezia, città legata spiritualmente e storicamente alla nostra Aquileia, ci impongono di cambiare passo sull’approccio verso il tema della sicurezza idrogeologica”.

PER LE NUOVE GENERAZIONI - “Lo dobbiamo fare - continua il sindaco - per i nostri cittadini, lo dobbiamo per le nuove generazioni, perché possano esser eredi di un grande patrimonio dell’umanità. Lo han capito bene i volontari della Protezione Civile di Aquileia, i cittadini, i nostri amministratori, i nostri uffici e i nostri operai che si sono prodigati per collaborare al fine di garantire una risposta alle allerta meteo”.
Il problema è già stato compreso dal presidente della Regione, Massimiliano Fedriga, dal vicepresidente e delegato alla Protezione civile Riccardo Riccardi, dal consigliere del territorio Franco Mattiussi.
“Hanno tutti posto in evidenza - conclude Zorino - la problematica relativa alla complessa situazione di Aquileia e al pericolo che corre il suo Patrimonio, così come il capo dipartimento nazionale della Protezione civile Angelo Borrelli. Sono sicuro che servirà”.
Come potrà servire il convegno che ha in mente il sindaco. “Un momento di condivisone per fare il punto sulla situazione. Oggi c’è più sensibilità e si può parlare di prevenzione”.

Articoli correlati
0 Commenti

Cronaca

Economia

Politica

Spettacoli

Sport news

Il Friuli

Business

Green

Family

Invia questa pagina ad un tuo amico
I campti contrassegnati con * sono obbligatori