Home / Cultura / Un mosaico chiamato Europa a Pordenone

Un mosaico chiamato Europa a Pordenone

Martedì 28 a Pordenone all’Auditorium Casa Zanussi

Un mosaico chiamato Europa a Pordenone

Un’indagine letteraria legata all’Europa, ‘mosaico da ricomporre’, incapace di rinnovare la scommessa dei padri fondatori – ossia, conciliare unità e pluralismo, integrare gli interessi degli Stati membri alle prerogative sovranazionali - è al centro della 12a edizione di Narratori d’Europa, il ciclo di incontri ideato e promosso dall’Irse – Istituto Regionale di Studi a cura di Stefania Savocco, al via martedì 28 a Pordenone all’Auditorium Casa Zanussi. Si ripete per quattro appuntamenti settimanali la magia di un gruppo di ‘lettura d’insieme’ che approfondisce grandi opere della letteratura contemporanea, selezionate per la capacità di leggere e penetrare il nostro tempo.
Quest’anno si partirà dalla burocratica babele di Bruxelles che domina La capitale dell’austriaco Robert Menasse, finalista al Premio Strega Europeo 2019, definito “il primo grande romanzo sull’Unione Europea”, un po’ giallo, un po’ ritratto delle istituzioni europee. A seguire, Turbine della tedesca Juli Zeh, che si è inventata Unterleuten, un villaggio poco lontano da Berlino, in apparenza romantico, destinato però a diventare teatro di un grande scontro fra generazioni, fra città e campagna, fra perdenti e vincitori post-muro.

Martedì 11, alla presenza dell’autore, riflettori su Ostracismo del tedesco Veit Heinichen, vera e propria icona del noir centro-europeo, da molti anni residente a Trieste, dove ambienta le sue inchieste politicamente scomode e coraggiose in una città dove il noir nordico incontra quello mediterraneo. A chiudere, il 18 febbraio, la riflessione sull’Europa-labirinto intorno a I vagabondi del Premio Nobel 2018 per la letteratura Olga Tokarczuk, che riesce a ripristinare un concetto importantissimo ai tempi delle migrazioni epocali: spostarsi non è solo un fatto dettato dalla necessità, ma anche un desiderio.

0 Commenti

Cronaca

Economia

Politica

Spettacoli

Sport news

Il Friuli

Business

Green

Family

Invia questa pagina ad un tuo amico
I campti contrassegnati con * sono obbligatori