Home / Economia / 'Hai in mano il nostro futuro, facci ripartire'

'Hai in mano il nostro futuro, facci ripartire'

Lettera aperta della presidente di Confindustria Udine al governatore Fedriga

\u0027Hai in mano il nostro futuro, facci ripartire\u0027

“Le misure a oggi attuate dal Governo hanno portato a un arresto produttivo che, oltre alle evidenti ripercussioni sull'economia dell'intero Paese, stanno danneggiando le imprese italiane rispetto a quelle degli altri Stati che, anche in situazione di pandemia, in molti settori industriali continuano a produrre. C’è l’assoluta necessità di far ripartire in maniera graduale, strutturata e condivisa una parte delle attività produttive della nostra Regione”. Lo chiede la presidente di Confindustria Udine Anna Mareschi Danieli in una lettera aperta rivolta al governatore Massimiliano Fedriga e pubblicata oggi sul Messaggero Veneto.

“Riteniamo che il giusto bilanciamento tra le indiscusse necessità di sanità pubblica e l'altrettanto necessaria esigenza economica e produttiva del Paese – aggiunge la numero uno degli industriali friulani - imponga l'adozione di misure che consentano quantomeno la parziale e graduale ripresa delle attività produttive industriali e commerciali, pur sempre subordinando tale ripresa all'adozione di tutte le misure che si ritengano indispensabili per escludere il rischio di contagio nei luoghi di lavoro”.

Mareschi Danieli, nella lettera pubblicata dal Messaggero Veneto, conferma ancora una volta la disponibilità delle imprese che eventualmente potranno ripartire ad essere sottoposte ad eventuali controlli per verificare che si operi nel rispetto delle misure di sicurezza a tutela della salute dei lavoratori e per il contenimento del virus. E ancora una volta la Presidente di Confindustria Udine sottolinea che queste verifiche non possono prescindere dal riconoscimento della presunzione della buona fede degli imprenditori.

“Caro Presidente – termina così la lettera aperta - per tutte le ragione di cui sopra, avendo tu in mano il nostro futuro, quello delle persone a cui vogliamo bene, dei nostri figli e di tutti i nostri collaboratori, ti chiedo di riattivare, secondo ogni misura che ti ho confermato in questa lettera e ogni altra che riterrai opportuna per escludere il rischio di contagio da Covid-19, le attività produttive in grado di garantirne il pieno, rigoroso e puntuale rispetto, senza ulteriori indugi. Sono, siamo al tuo fianco”.

2 Commenti
paola_meneghin@libero.it

Ma dove vuole ripartire con 2000 infetti? e gente in giro che nn sa neppure cosa siano le regole che si devono seguire? Si riparte quando sarà tutto perfetto e quando la gente capirà che bisogna stare al passo con la civiltà .... o l econiia viene prima della vita? ...

furio.petrossi@gmail.com

Quindi quando? Quando sarà tutto perfetto? A giugno? A metà maggio? A ottobre? Ha letto le misure di sicurezza citate dalla Mareschi Danieli?
"le imprese che intendono ripartire garantiscono: INFORMAZIONE INTERNA TRASPARENTE; MISURAZIONE TEMPERATURA CORPOREA IN INGRESSO; PULIZIA E SANIFICAZIONE CONTINUA; DISPOSITIVI DI PROTEZIONE E SANIFICAZIONE INDIVIDUALE; GESTIONE SPAZI COMUNI (MENSA, SPOGLIATOI AREE FUMATORI, DISTRIBUTORI DI BEVANDE E/O SNACK, ...); ORGANIZZAZIONE AZIENDALE (TURNAZIONE, SMART WORK, RIMODULAZIONE DEI LIVELLI PRODUTTIVI); DIVIETO SPOSTAMENTI INTERNI, RIUNIONI; GESTIONE PERSONA SINTOMATICA IN AZIENDA; SORVEGLIANZA SANITARIA/MEDICO COMPETENTE/ RLS; GARANZIA DEL COLLABORATORE RIGUARDO AL TRAGITTO CASA - LAVORO - CASA; TEST MOLECOLARE PER RICERCA ANTICORPI COVID-19 (in verifica); AGGIORNAMENTO COSTANTE DEL PROTOCOLLO DI REGOLAMENTAZIONE. Confermo che tutte le imprese che intendono ripartire sono più che disponibili a ricevere eventuali controlli che possano confermare quanto sopra dichiarato"

Cronaca

Sport news

Cultura

Il Friuli

Business

Green

Family

Invia questa pagina ad un tuo amico
I campti contrassegnati con * sono obbligatori