Home / Economia / 'Segnale importante, ma bisognerà fare molto di più'

'Segnale importante, ma bisognerà fare molto di più'

Zoratti, vice presidente di Confesercenti Fvg, commenta la decisione del Governo di procedere gradualmente alla riapertura

\u0027Segnale importante, ma bisognerà fare molto di più\u0027

"Il segnale è importante, ma dopo un così lungo periodo di stop forzato, per una vera ripartenza bisognerà fare molto di più", spiega Marco Zoratti, vice presidente di Confesercenti Fvg, commentando la decisione del Governo di procedere gradualmente alla riapertura dei molti comparti obbligati allo stop a causa dell’emergenza pandemica.

"Il Governo Draghi sta dimostrando coraggio, finalmente si comincia a intravedere una luce in fondo al tunnel e questo è positivo". Allo stesso tempo, però, Zoratti ha anche precisato come "sarà necessario un confronto sempre più attento con le parti sociali e in particolare con le associazioni di categoria".

Pur guardando al passo avanti fatto dal Governo, "mi preme ancora una volta sottolineare che è necessario salvaguardare maggiormente le piccole e micro imprese". Questo perché "sulla base di quanto stabilito in questi giorni, una buona parte dei pubblici esercizi non potrà, di fatto, riaprire. Al momento si prevedono  infatti riaperture all’aperto. Bene, ma non si considera che solamente la metà dei ristoranti e bar ha a disposizione spazi esterni e, quando i dehors ci sono, si tratta, molto spesso, di metrature (e quindi posti a sedere) limitate. Anche il distanziamento fra tavoli all'interno del locali, previsto in una seconda fase, è notevole e rappresenta un elemento penalizzante", ha fatto sapere Zoratti che ha anche posto l'accento sul comparto del turismo: "Finalmente è al centro delle valutazioni del Governo. Anche questo è un settore trainante per il nostro Paese ed è necessario farlo ripartire al più presto".

0 Commenti

Cronaca

Sport news

Cultura

Il Friuli

Business

Green

Family

Invia questa pagina ad un tuo amico
I campti contrassegnati con * sono obbligatori