Home / Economia / Cultura, creatività e innovazione a DIVAgazioni

Cultura, creatività e innovazione a DIVAgazioni

Da Friuli Innovazione iniziative concrete per realizzare la strategia regionale

Tante nuove opportunità per il settore delle Imprese culturali e creative, che si innestano in un ecosistema regionale sempre più funzionale al loro sviluppo e consolidamento. “Le possibilità di valorizzare le competenze degli operatori del settore culturale creativo spaziano in tutti gli ambiti, anche ben lontani da quelli prettamente culturali, artistici, o legati al design e alla moda. Ma per poter mettere davvero a frutto tutte queste potenzialità, è necessario acquisire metodi di lavoro precisi e dotarsi di strumenti ad hoc che consentano alla creatività di emergere” come ha sottolineato Barbara Franchin, mente appassionata di ITS (International Talent Support) durante l’evento “DIVAgazioni: pensare creativo per innovare l'impresa”, organizzato da Friuli Innovazione con il supporto della Regione e degli altri parchi scientifici e tecnologici del territorio nell’ambito del progetto Interreg DIVA.

“In questi anni la Regione Friuli Venezia Giulia ha costruito, sulla base delle forze del territorio, una strategia regionale per la cultura e creatività che unisce diversi interventi e tipologie di fondi, con l’obiettivo di rafforzare il settore nelle sue declinazioni produttive più tradizionali", spiega Elena Mengotti, Direzione Centrale cultura e sport della Regione. "Per dare attuazione a questa strategia, la Regione ha sviluppato un vero e proprio sistema a supporto delle imprese culturali e creative (ICC), che vede attivamente coinvolti, tra gli altri, i partner regionali del progetto DIVA, nonché componenti del DIVA HUB FVG, uno spazio virtuale che nasce con la finalità di incoraggiare l'innesto di processi innovativi all'interno delle piccole e medie imprese dei settori "tradizionali" grazie al contributo degli operatori del settore culturale e creativo”.

La strategia regionale, infatti, offre alle imprese culturali creative supporto e opportunità e realizza progetti e iniziative per sviluppare ulteriormente il “talento" creativo del territorio, a beneficio di ogni settore produttivo, attivando tutti gli strumenti necessari per renderlo un vero e proprio valore aggiunto dell’economia regionale.

In questo contesto si inserisce anche la recente creazione del Cluster regionale Cultura e Creatività, “voluto per promuovere a livello nazionale e internazionale il settore ICC, il Cluster – commenta il Cluster Manager, Sergio Calò - è un passaggio ulteriore in un processo che già da un paio d’anni vede la Regione FVG, insieme ai parchi scientifici tra cui Friuli Innovazione, molto attiva nel sostenere, attraverso bandi sperimentali, la nuova imprenditorialità della cultura. Un settore, questo che ora ha tutti gli strumenti per diventare un vero e proprio valore aggiunto per l’economia regionale”.

L’idea che quello culturale e creativo sia un substrato particolarmente fertile e ricco di potenzialità di contaminazione positiva verso tanti altri settori produttivi è emersa con chiarezza anche dalle esperienze e testimonianze che si sono susseguite durante l’evento “DIVAgazioni”.

“Attingere alla creatività per stimolare e accelerare l'innovazione in azienda significa aprirsi a nuovi approcci strategici, rispondere con prontezza alle sfide del contesto, creare prodotti e servizi più competitivi, stabilire sinergie multidisciplinari e migliorare i rapporti con il proprio territorio di riferimento. Un potenziale ampiamente riconosciuto dalla Commissione Europea, basta leggere la relativa Agenda e Workplan per il triennio 2019-2022. – spiega Saverio D’Eredità, Project manager di DIVA all’interno di Friuli Innovazione - Da parte nostra abbiamo cercato di anticipare questi cambiamenti, adeguando le competenze e i servizi a supporto dell’imprenditorialità erogati tramite l'incubatore, proprio per adattarli alle esigenze specifiche di questo segmento”.

Sono due, in particolare, le iniziative di Friuli Innovazione in rampa di lancio che offriranno nuove opportunità alle imprese del settore ICC. Oltre al progetto DIVA, Friuli Innovazione è impegnata in ambito europeo anche nel progetto CCI4Tourism (Interreg Adrion), in cui lo sviluppo delle ICC sarà strumento per la valorizzazione del settore turistico nell'area adriatico-ionica. Lo scopo è quello di proporre un’offerta più attraente, qualificata, moderna e, non da ultimo, in linea con i trend di deglobalizzazione post-Covid. Per entrambi i progetti sono previste numerose iniziative di approfondimento e formazione e, all’inizio del 2021, due bandi per la selezione di idee e startup sul territorio. Il prossimo appuntamento da segnare in agenda è l’hackathon “SprintUp - Creative 4 tourism”, in programma il 17 e 18 dicembre (posti limitati, iscrizioni https://bit.ly/sprintUP).

0 Commenti

Cronaca

Sport news

Cultura

Il Friuli

Business

Green

Family

Invia questa pagina ad un tuo amico
I campti contrassegnati con * sono obbligatori