Home / Economia / Ferret Re rilancia l'Hotel Europa

Ferret Re rilancia l'Hotel Europa

Dopo Trieste, la holding formata dagli imprenditori Pedone, Ritossa e Diasparra investe su Udine

Ferret Re rilancia l\u0027Hotel Europa

Operazioni immobiliari mirate e di significativa importanza. La neonata Ferret RE srl, che si è recentemente costituita, si è immediatamente fatta conosce a Trieste per le acquisizioni compiute nel centro storico della città giuliana, acquisendo l’area ex Filodrammatico di via degli Artisti e l’ex Palazzo Telecom in via dei Bonomo. L’azienda, tutta udinese, ora delinea la propria strategia d’azione anche nel capoluogo friulano con acquisizioni rilevanti mirate al revamping e alla ristrutturazione di edifici di pregio e valore, talvolta caduti in stato di noncuranza o di abbandono per diverse vicissitudini.

La holding creata ad hoc per queste operazioni si chiama, appunto, Ferret RE srl ed è composta dai soci Alessandro Pedone, Gabriele Ritossa e Alberto Diasparra. Nasce dalla partecipazione in parti uguali dei tre rampanti imprenditori con le rispettive società Al.Pe. Invest srl, Sarafin Spa e Paco srl, mettendo a fattore comune il proprio know-how e le proprie competenze esperienziali.

Nello specifico Al.Pe. Invest srl è la Holding partecipativa dell’imprenditore Alessandro Pedone (amministratore delegato e fondatore dell’azienda di multiservizi G.S.A. – Gruppo Servizi Associati SpA e noto presidente della società di pallacanestro di Udine APU Old Wild West), operante da molti anni nel settore immobiliare con attività connesse alla gestione e compravendita di beni immobili, quali centri commerciali e palazzi direzionali (già proprietaria della direzione regionale Telecom in via Pascoli) nonché svariate strutture alberghiere, di cui alcune nella capitale. Inoltre detiene molte partecipazioni strategiche azionarie tra cui per dimensione va ricordato il 23% di Koelliker S.p.A. importatore italiano di Mitsubishi auto e SsangYong e di Autotrade Logistic, terzo player italiano per dimensione, nella logistica dell’automotive.

Sarafin Spa del triestino (ma udinese di adozione) Gabriele Ritossa, è una società attiva nella sfera delle costruzioni, passa dalla ristorazione fino ad arrivare al core business, rappresentato dal settore delle case di riposo (con il fiore all’occhiello di Gruppo Zaffiro di Udine). Recentemente ha concluso operazioni immobiliari a Trieste acquisendo l’ex atelier di Spagnoli e il comparto dell’ex distretto militare ubicato alle pendici del Castello di San Giusto (per farne un albergo), rilevando importanti locali storici ed entrando nel capitale sociale di Birrificio Cittavecchia (dove rimane stabile la presenza del socio storico).

Paco srl di Alberto Diasparra nasce come holding 15 anni fa e negli ultimi cinque si è focalizzata sul mondo real estate nelle sue più ampie forme e molteplici evoluzioni. E’ attiva in tutto il nord Italia, con una importante track record history, sempre di successo, legata a numerose operazioni di compravendita di beni immobili residenziali con particolare attenzione agli studentati, ambito in cui si è da poco specializzata.

L’obiettivo di Ferret RE, come dimostrano le recenti operazioni per quasi 40.000 metri quadri complessivi, concluse a Trieste, è sfruttare postazioni nevralgiche cittadine nel quadro dello sviluppo edilizio e di rilancio di superfici dimenticate. In quest’ottica Ferret RE ha già acquistato un’area di oltre 20 mila metri quadrati nel comune di Tavagnacco, alle porte delle città di Udine, dal fallimento di Italvia Spa, instaurando immediatamente trattive con aziende di livello internazionale attrarre compagnie intenzionate a farne una piattaforma logistica di trasporti per movimentazione e stoccaggio merci.

Quindi terreni, ma non solo, anche edifici come l’ultimo baluardo del fallimento della Vidoni Spa, un immobile di notevoli dimensioni situato nei pressi di viale Tricesimo, in via Ivrea, che sarà abito a spazi commerciali per aziende. La holding spazia su tutti i fronti e così, rimanendo a Udine, alla lista si è aggiunta anche un’altra recente acquisizione legata al mondo alberghiero: quella dell’Hotel Europa, di fronte alla stazione dei treni. Proprio questa operazione rientra in un piano organico di più ampio respiro che vuole coinvolgere l’intera area di Borgo Stazione con investimenti mirati per ridare slancio a una zona storica nevralgica, ma attualmente purtroppo depressa della nostra città.

“Siamo molto soddisfatti per le operazioni concluse a Trieste e adesso a Udine che dimostrano quanto grande sia la voglia del nostro gruppo di investire in questa regione", dichiara il presidente del cda di Ferret RE Filippo Facile. "L’ultima operazione condotta in Borgo Stazione, l’Hotel Europa, è inoltre strategica in quanto destinata a rilanciare una struttura storica che può diventare punto di riferimento per il cuore della città. In tutte le città, anche del nord est, sorgono fior fior di hotel nelle immediate vicinanze delle stazioni, il revamping di un’area inizia anche da queste cose, i percorsi virtuosi vanno attivati, e noi tentiamo di essere soggetto attivatore, andando oltre i meri slogan. In futuro siamo pronti a cogliere altre opportunità del mercato immobiliare locale che possano portare anche un beneficio al nostro territorio”.

0 Commenti

Cronaca

Sport news

Cultura

Il Friuli

Business

Green

Family

Invia questa pagina ad un tuo amico
I campti contrassegnati con * sono obbligatori