Home / Economia / Ip4Fvg premia i Fari manifatturieri

Ip4Fvg premia i Fari manifatturieri

Sono 11 aziende con vocazione all’innovazione che si sono distinte per l’attenzione alla trasformazione digitale

Ip4Fvg premia i Fari manifatturieri

Sono piccole, medie e grandi aziende attive nel settore manifatturiero, hanno una forte vocazione all’innovazione e sono distribuite su tutto il territorio regionale. Sono le 11 aziende “Faro Manifatturiero del Friuli Venezia Giulia”, realtà identificate dagli esperti di Ip4Fvg, Industry Platform 4 Fvg, il digital innovation hub regionale, unico e integrato, perché si sono distinte per aver introdotto o perché stanno introducendo interventi di digitalizzazione nei loro processi produttivi.

Le 11 aziende, selezionate tra una rosa di 89 realtà che hanno partecipato al percorso Fari Manifattuerieri, realizzato con l’obiettivo di far crescere la competitività del territorio regionale attraverso la valorizzazione di competenze ed esperienze maturate dalle singole realtà, sono state premiate oggi a Udine nel corso di una cerimonia a cui hanno partecipato tra gli altri anche Alessia Rosolen, Assessore al lavoro, formazione, istruzione, ricerca, università e famiglia della Regione, e Sergio Emidio Bini, Assessore alle attività produttive e turismo del Friuli Venezia Giulia.

Come riconoscimento del lavoro svolto o il percorso intrapreso e come incentivo all’investimento sull’implementazione della trasformazione digitale dei processi, gli 11 fari potranno usufruire di una borsa di studio (messa disposizione da ???) e diventeranno un demo point aperto a disposizione degli imprenditori della regione, oltre che avere una presenza informativa presso i 4 nodi tematici di Ip4Fvg.

Fari Manifatturieri, iniziativa che si è conclusa lo scorso dicembre, è stata strutturata in fasi. Nel corso della prima sono state selezionati i più importanti players del settore manifatturiero, le 89 aziende della Regione particolarmente attivi nella digitalizzazione dei processi produttivi. Tutte e 89 le realtà hanno potuto migliorare i loro processi digitali grazie alla consulenza di esperti che hanno realizzato per ciascuna azienda un assessment o audit tecnologico gratuito, ovvero un’analisi sullo stato di salute della singola azienda focalizzato sulla valutazione dei processi attivi. L’assessment ha evidenziato punti di forza e debolezza, criticità e opportunità di miglioramento. La fase finale ha visto la scelta delle 11 aziende che si sono distinte per metodologia, capacità di sperimentazione e/o risultati ottenuti.

“Meglio conosciuta come Industria 4.0, la trasformazione digitale dirompente dei processi industriali e dei prodotti disponibili sul mercato è appena all’inizio e ha coinvolto non soltanto il mondo industriale, ma l’intera società. La nostra regione, prima nel contesto nazionale, ha saputo razionalizzare e coordinare nel progetto Ip4Fvg l’attività di supporto alle aziende di 25 partner pubblici e privati. In particolare, l’attività di assessment per la maturità digitale verso le imprese è iniziata nel 2019 con il progetto Fari manifatturieri, che ha perseguito un duplice obiettivo: avviare il servizio e individuare le prime imprese che si distinguono per i livelli già raggiunti. Oggi vengono premiate 11 aziende, ma fortunatamente siamo in presenza di un livello di eccellenza complessivo molto più generalizzato e diffuso” ha dichiarato Dino Feragotto, Presidente della Cabina di Regia Ip4Fvg nonché vicepresidente di Confindustria Udine, che ha aggiunto: “Nel corso del 2020, dunque, continueremo sia nell’attività di assessment, sia nell’individuazione di ulteriori eccellenze. Quest’anno poi partirà anche il servizio di progettazione e realizzazione di interventi di trasformazione digitale nelle imprese con il coinvolgimento dei player tecnologici privati portatori di innovazione. Un’attività, questa, sviluppata in collaborazione con il cluster regionale DITEDI (Distretto Industriale delle Tecnologie Digitali), che sta mappando l’offerta tecnologica delle società private operanti in regione”.

Industry Platform 4 Fvg è il digital hub del Friuli Venezia Giulia, aperto e inclusivo, che riunisce 25 partner regionali, con l’obiettivo di supportare la trasformazione digitale delle imprese del territorio. Nata dall’impegno di Regione Friuli Venezia Giulia, MIUR e MISE, è uno degli asset strategici di Argo, il sistema industriale basato sull’innovazione di processi e prodotti per aumentare la competitività del territorio. Conta 4 nodi specializzati: Amaro (Internet of Things), Udine (Data analytics&artificial intelligence), Trieste (Data optimization & simulation), Pordenone (Advanced Manufacturing Solutions).
GLI 11 FARI MANIFATTURIERI DEL FRIULI VENEZIA GIULIA
Danieli Automation - Digi&Met. Da 50 anni leader nei Controlli di Processo e Sistemi Elettrici chiavi in mano per l’industria mondiale dei metalli, progetta e realizza equipaggiamenti elettrici e di automazione industriale.
Premio Digital Twin And Simulation Experience. Motivazione: Per aver implementato una control Room di ultima generazione, in grado di riprodurre virtualmente e fedelmente, un moderno ambiente di conduzione impianto e la cui evoluzione oggi, sfrutterà tecniche di Augmented Reality e Operator Empowerment.

Electrolux Automotions. Leader globale nel settore degli elettrodomestici e apparecchiature professionali, vende, oltre 60 milioni in più di 150 mercati ogni anno.
Premio Human Resources 4.0. Motivazione: Per aver introdotto la digitalizzazione nella gestione delle risorse umane, dalla programmazione ottimizzata e automatica dei fabbisogni di manodopera al continuo miglioramento delle skills del personale.

Flextronics Manufacturing (Trieste). Azienda, leader di soluzioni Sketch-to-Scale, progetta e realizza prodotti intelligenti su scala globale. Con circa 200.000 professionisti in 30 paesi, l’azienda fornisce servizi di design innovativo, ingegneria, produzione, supply chain e logistica ad aziende di varie dimensioni che operano in diversi settori e mercati.
Premio Lean 4.0. Motivazione: Per riuscire a garantire attraverso l'integrazione tra logiche lean e tecnologie 4.0 un alto grado di qualità di prodotto e di efficienza di processo malgrado spazi di manovra operativi molto limitati.

Friul Intagli Industries. Fondata nel 1968, è tra i leader mondiali nella produzione di mobili e componenti per l’arredo. Ambasciatrice del Made in Italy, opera quasi esclusivamente nel settore della grande distribuzione organizzata.
Premio Quality 4.0. Motivazione: Per l'implementazione dell'Artificial Intelligence (AI) nell'innovativo progetto di controllo visivo della qualità effettuato da telecamere assistite da software ad auto apprendimento.

Limacorporate. Realtà globale che offre soluzioni ortopediche ricostruttive e su misura a chirurghi con l’obbiettivo di migliorare la qualità di vita dei pazienti.
Premio Additive manufacturing. Motivazione: Per aver modificato i tradizionali paradigmi produttivi integrando e consolidando l'uso della tecnologia di produzione digitale additiva.

Maddalena. Realtà internazionale che opera nel settore degli strumenti di misura dell’acqua. Fondata nel 1919, non ha mai smesso di evolversi per rispondere alle esigenze del mercato, tanto da arrivare a produrre più di 3 milioni di contatori ogni anno.
Premio Smart product. Motivazione: Per la costante implementazione di soluzioni tecnologiche nei prodotti: dall'Iot allo Smart products ai big data analytics.

Modulblok. Azienda specializzata in soluzioni logistiche e di magazzino. Oltre 10 anni fa ha iniziato un percorso di innovazione e integrazione dei processi aziendali per gestire il business in modo sempre più efficiente ed efficace.
Premio Value chain 4.0. Motivazione: Per aver implementato un sistema totalmente integrato e in real time per l’acquisizione, lo scheduling e la gestione completa degli ordini.

Premek Hi Tech. Azienda specializzata nell’industrializzazione, produzione e montaggio di componenti e assiemi meccanici di elevata precisione per prodotti ad alto valore aggiunto destinati a settori quali l’aerospaziale, il medicale e l’automazione industriale.
Premio Process Monitoring. Motivazione: Per aver implementato estesi interventi di digitalizzazione nelle aree di produzione, qualità e manutenzione. Da segnalare soprattutto l’elevato grado di standardizzazione delle operazioni e la loro codificazione.

Scm Zanussi. Sviluppa, progetta e produce stampi per la pressofusione delle leghe leggere per il settore automotive, in co-design e co- engineering con il cliente finale e finalizzati a ottenere componenti in lega leggera per auto e mezzi di trasporto pesante.
Premio Process Integration, Revamping. Motivazione: Per gli interventi di revamping e il retrofitting degli impianti che hanno agevolato l'analisi dei parametri critici di lavorazione e il conseguente miglioramento delle prestazioni operative.

Solari di Udine. Fondata nel 1725 a Pesariis, un piccolo paese sulle montagne della Carnia friulana, oggi è leader mondiale per la progettazione e produzione di Display di Informazione al pubblico. Fornisce progetti informatizzati “chiavi in mano”.
Premio Advanced Product Lifecycle Management. Motivazione: Per l'implementazione di una piattaforma per il Product Lifecycle Management (PLM) che permette la gestione integrata dei dati tra sistemi progettativi, produttivi e di gestione della relazione con i clienti.

Wärtsilä Italia. Parte integrante della società finlandese Wärtsilä Corporation è leader nella fornitura di soluzioni per la generazione di energia, pensate per l’intero ciclo di vita degli impianti, per il settore marino e terrestre.
Premio Wide Digital Transformation and Vision. Motivazione: Per aver digitalizzato tutti processi e per gli eccellenti miglioramenti ottenuti nella produttività, nei tempi e nella qualità dei prodotti.



0 Commenti

Cronaca

Economia

Sport news

Cultura

Il Friuli

Business

Green

Family

Invia questa pagina ad un tuo amico
I campti contrassegnati con * sono obbligatori