Home / Economia / Mediocredito, Arturo Miotto è il nuovo dg

Mediocredito, Arturo Miotto è il nuovo dg

Prosegue l'impegno a sostegno delle imprese che hanno dimostrato piani e percorsi di investimento sani per la loro crescita

Mediocredito, Arturo Miotto è il nuovo dg

"Auguro buon lavoro al nuovo direttore di Banca Mediocredito del Friuli Venezia Giulia e sono certa che si confermerà e rafforzerà la sinergia con la Regione già ben impostata in questo anno con l'amministratore delegato Duranti, al quale va il mio ringraziamento per il suo impegno". Lo ha affermato l'assessore regionale alle Finanze Barbara Zilli al termine dell'incontro nella sede di Mediocredito a Udine con il nuovo direttore generale Arturo Miotto, presente il presidente dell'istituto di credito Alfredo Antonini e il già amministratore delegato Enrico Duranti, che resta componente del cda.

Per Antonini "la scelta di Arturo Miotto come direttore generale va nel segno della continuità del lavoro svolto finora e della conoscenza del territorio, visti i suoi trascorsi professionali in regione. Con le competenze e la professionalità del nuovo dg daremo quindi seguito - ha aggiunto il presidente - all'impegno della Banca per essere a sostegno di quelle medie imprese della nostra bellissima economia regionale che hanno dimostrato piani e percorsi di investimento sani per la loro crescita".

Miotto è stato alla direzione generale di Banca di Monastier e del Sile Credito Cooperativo dopo aver completato il processo di risanamento della Bcc e, in precedenza, ha ricoperto il ruolo di capo area del Gruppo bancario Ambrosiano Veneto in Friuli Venezia Giulia, a Udine, e di capo dei crediti di Banca Popolare Friuladria a Pordenone.

"Continuerà con incisività - ha assicurato Zilli a margine dell'incontro - l'impegno per lo sviluppo del territorio facilitando la disponibilità di servizi e risorse finanziarie ai soggetti pubblici e privati del Friuli Venezia Giulia, in una prospettiva di creazione di valore: Mediocredito supporterà soprattutto il tessuto delle piccole e medie imprese del Friuli Venezia Giulia e degli enti locali soprattutto sulla partita essenziale degli investimenti nelle infrastrutture".

0 Commenti

Cronaca

Politica

Sport news

Cultura

Il Friuli

Business

Green

Family

Invia questa pagina ad un tuo amico
I campti contrassegnati con * sono obbligatori