Home / Economia / Niente quarantena, l'annuncio di Draghi 'mette le ali' al turismo in Fvg

Niente quarantena, l'annuncio di Draghi 'mette le ali' al turismo in Fvg

Confcommercio ha fatto il punto con l’assessore Bini: "Prenotazioni fino al +30% sul 2020"

Niente quarantena, l\u0027annuncio di Draghi \u0027mette le ali\u0027 al turismo in Fvg

"Numeri oltre le più rose aspettative". Il presidente di Confcommercio regionale e provinciale di Udine Giovanni Da Pozzo, il vicepresidente provinciale Alessandro Tollon, il presidente mandamentale di Lignano Enrico Guerin, in un incontro anche con Manuel Rodeano, presidente di Lisagest, condividono con l’assessore regionale alle Attività produttive Sergio Emidio Bini le buone notizie che arrivano sul fronte delle prenotazioni per la prossima stagione turistica.

Fondamentale, in questa direzione, l’annuncio del premier Mario Draghi sulla decadenza della norma che prevede la quarantena obbligatoria di cinque giorni per chi entra in Italia da un Paese europeo. "È bastata questa informazione per far decollare le richieste nelle nostre località balneari, Lignano e Grado in testa – sottolineano Da Pozzo, Tollon e Guerin –. Sugli ombrelloni siamo tornati a numeri da pre-pandemia, ma anche su alberghi e appartamenti, che non solo erano fermi, ma avevano ultimamente registrato pure qualche disdetta, registriamo un incremento tra il 20 e il 30% rispetto a un anno fa".

Buoni auspici, dunque, per un’estate, la seconda di convivenza con il Covid, che sarà decisiva per la permanenza sul mercato di migliaia di imprese. "La campagna vaccinale diventa determinante – rimarca Da Pozzo –. Fermare il virus è il primo obiettivo per poi tornare alla normalità e a presenze turistiche che consentano la ripartenza dopo una congiuntura di straordinaria emergenza".

Articoli correlati
0 Commenti

Cronaca

Sport news

Cultura

Il Friuli

Business

Green

Family

Invia questa pagina ad un tuo amico
I campti contrassegnati con * sono obbligatori