Home / Economia / Patto tra gli interporti di Pordenone e Nola

Patto tra gli interporti di Pordenone e Nola

Il fiore all’occhiello è un nuovo insediamento in Friuli di un’azienda logistica per l’e-commerce

Patto tra gli interporti di Pordenone e Nola

Un’importante collaborazione tra Interporto Pordenone e Cis Nola-Interporto campano è stata siglata nel corso di una visita che l’amministratore delegato di Interporto Pordenone, Giuseppe Bortolussi, ha avuto nell’importante struttura logistica e commerciale campana con Claudio Ricci, presidente Cis Nola e Interporto campano, e Giuseppe Terraciano, presidente Tgroup.

“E’ stata creata – sottolinea Bortolussi – una rilevante collaborazione per una relazione ferroviaria merci sulla tratta Pordenone-Napoli-Nola. Il fiore all’occhiello di questo accordo è rappresentato da un nuovo insediamento all’Interporto di Pordenone (partirà a breve) di un’azienda logistica per l’e-commerce. Visto l’aumento di attività in questo comparto, sempre più dinamico e con un forte incremento in questa era Covid, si tratta di una strada segnata ed essere presenti come Interporto significa andare nella direzione in cui va il mercato”.

“Noi siamo impegnati – aggiunge Bortolussi - a diventare un nodo logistico a tutto tondo, per quanto riguarda l’industria, ma anche per quanto riguarda la parte commerciale, il filone dei prodotti finiti acquistati dalle aziende. Interporto Pordenone è una struttura che si muove a 360 gradi, a servizio del settore industriale e del commercio, tenendo conto che essere dotati di servizi vuol dire favorire sia il cliente che il produttore”.

“Il Cis di Nola – affermano i vertici della struttura - è il più grande centro commerciale all’ingrosso d’Italia, tra i più grandi d’Europa, e può tranquillamente confrontarsi con il colosso mondiale dell’ecommerce Amazon. Il modello è proprio la grande azienda statunitense, perché al Cis si sta compiendo una straordinaria rivoluzione digitale basata sull’ecommerce all’ingrosso, con un grande ed efficiente portale che ci aiuterà a fare meglio quel che stiamo già facendo, cioè far migrare on-line una gran parte del nostro lavoro. E, come Amazon, puntiamo molto sulla logistica, cercando di emulare gli americani sull’efficienza e la precisione”.

Il Cis-Interporto di Nola ha oltre 3,5 milioni di metri quadrati di superficie, con circa mille aziende attive. Alle circa 280 aziende socie del Cis e alle quasi 200 operative nell’Interporto, vanno aggiunte, infatti, tutte le attività di servizio e gli studi professionali. Complessivamente, il numero degli addetti diretti è pari a circa 10mila persone, e considerando l’indotto sale a circa 40mila persone.

0 Commenti

Cronaca

Sport news

Cultura

Il Friuli

Business

Green

Family

Invia questa pagina ad un tuo amico
I campti contrassegnati con * sono obbligatori