Home / Economia / Roberto Siagri nuovo presidente di Carnia Industrial Park

Roberto Siagri nuovo presidente di Carnia Industrial Park

L’ad di Eurotech raccoglie il testimone da Mario Gollino, che lascia un bilancio positivo e un patrimonio solido

Roberto Siagri nuovo presidente di Carnia Industrial Park

Roberto Siagri è il nuovo presidente del Carnia Industrial Park. Oggi l’assemblea della zona industriale montana, alla presenza degli assessori regionali Barbara Zilli e Sergio Emidio Bini, ha approvato all’unanimità il bilancio e provveduto a rinnovare il consiglio di amministrazione. Il presidente uscente Mario Gollino passa quindi il testimone all’Amministratore Delegato di Eurotech, Roberto Siagri, che sarà affiancato dai consiglieri Barbara Comparetti e Roberto Roseano al posto di Paolo Vriz e Anna Rotaris.

L’incontro si è tenuto nella sala conferenze del Consorzio Innova Fvg (ex Agemont) ad Amaro, non solo perché più ampia e quindi adatta alle regole anti Covid, ma perché questo ente sarà presto incorporato dallo stesso Carnia Industrial Park.

Il valore della produzione di oltre 8 milioni di euro, cresciuto del 75% nel quadriennio, con i ricavi da locazioni di immobili pari a 2.327.000 euro (più 64%) costituiscono evidenza della capacità di generare valore economico. Un attivo patrimoniale di oltre 68 milioni di euro e immobilizzazioni di proprietà pari a 63 milioni di euro continuano a garantire solidità patrimoniale e finanziaria pluriennale, confermando l’elevata solidità, che ha consentito al Consorzio di programmare nuovi e importanti investimenti con il Piano industriale triennale 2020-22.

L’esercizio 2019 si chiude con un risultato lordo di 804.950 e un utile netto, dopo le imposte, di 534.789, con un incremento del 15% rispetto al lilancio precedente.

Nel corso della relazione il presidente uscente Gollino ha ricordato le principali opere realizzate e quelle in corso di completamento o di futura realizzazione. La costruzione del fabbricato T13 a Tolmezzo (6.000 mq coperti con dotazioni tecnologiche d’avanguardia), successivamente locato a Marelli Automotive Lighting Italia, dove oggi si svolgono tutte le attività di assemblaggio elettronico ed è ospitata la Ricerca e Sviluppo dell’intero gruppo. La ormai prossima realizzazione del Centro logistico integrato di Tolmezzo (20.000 mq coperti con un investimento complessivo superiore ai 10 milioni di euro) intervenendo, con un progetto di rigenerazione industriale, su fabbricati dismessi da oltre dieci anni, acquisiti e demoliti dal Consorzio. L’operazione di acquisizione dell’ex Centro Distribuzione di CoopCa ad Amaro con il contestuale nuovo insediamento di Amb.

Inoltre, l’adozione del nuovo strumento urbanistico che prevede nuovi lotti di insediamento ad Amaro per 90.000 mq.

Infine, la partecipazione al Digital Innovation Hub IoT regionale e l'apertura di un Industrio Point Fvg con sede ad Amaro in collaborazione con l'omonimo acceleratore trentino di startup manifatturiere.

"Il Carnia Industrial Park è una risorsa fondamentale per lo sviluppo della Carnia e dell'Alto Friuli, che punta all'innovazione industriale e promuove l'intera filiera economica territoriale". È questo il messaggio lanciato dagli assessori regionali alle Attività produttive e turismo, Sergio Emidio Bini, e alle Finanze, Barbara Zilli, durante l'assemblea dei soci del Carnia Industrial Park.

Bini ha sottolineato che "la reattività e la capacità di dare risposte concrete alle necessità delle imprese e del territorio hanno reso il Carnia Industrial Park un elemento trainante per lo sviluppo dell'economia della montagna friulana. Grazie anche al sostegno della Regione l'Ente ha varato interventi importanti, come quello del nuovo centro logistico che vedrà presto la luce. In questo contesto è infatti importante la presenza di un ente capace di promuovere l'insediamento di nuove realtà e favorire la collaborazione tra imprese per garantire crescita economica e occupazione".

"I buoni risultati del consorzio, come quelli di un'impresa, sono la diretta conseguenza dell'operato degli uomini e delle donne che vi hanno dedicato passione e competenza per assicurarne la crescita. Quanto ottenuto dal Carnia industrial park è quindi la dimostrazione che la Carnia ha le carte in regola per accogliere imprese e generare lavoro e occupazione".

L'assessore Zilli, ringraziando il presidente uscente Gollino per "l'ottimo lavoro svolto e l'impegno profuso in questi anni" ha confermato che "per la Regione è fondamentale garantire il proprio sostegno all'imprenditorialità nelle aree montane e periferiche, con un'attenzione particolare alla nascita di nuove realtà produttive. In tale contesto il Carnia Industrial Park è quindi estremamente positivo che un asset fondamentale per lo sviluppo del territorio abbia una guida capace e autorevole come quella appena insediatasi e che questa goda del pieno sostegno delle istituzioni. Per favorire lo sviluppo della Carnia e dell'Alto Friuli è infatti fondamentale che i consorzi e le realtà produttive che vi aderiscono collaborino in un'ottica di sistema, cosa che già avviene tra Friuli Innovazione e Carnia Industrial Park, come dimostra l'intesa raggiunta tra questi due soggetti per l'assorbimento del patrimonio immobiliare del Consorzio Innova".

Zilli ha inoltre ribadito che "il bilancio appena approvato di Carnia Industrial Park si chiude con un risultato estremamente positivo, che permette di guardare al futuro con ottimismo, nonostante le pesanti ricadute della pandemia da Covid-19 sull'economia della nostra Regione e dell'intero Paese. Oggi è fondamentale rilanciare il parco tecnologico presente in Carnia, ma allo stesso tempo istituzioni e imprese devono continuare a collaborare anche per il miglioramento dell'offerta turistica ed agroalimentare della nostra montagna".

0 Commenti

Cronaca

Sport news

Cultura

Il Friuli

Business

Green

Family

Invia questa pagina ad un tuo amico
I campti contrassegnati con * sono obbligatori