Home / Family / Telefonia, come difendersi dal marketing selvaggio

Telefonia, come difendersi dal marketing selvaggio

I consigli di Consumatori Attivi. Ma se le chiamate moleste continuano, si può segnalare il problema al Garante della Privacy

Telefonia, come difendersi dal marketing selvaggio

Il Garante della Privacy ha sanzionato due compagnie telefoniche per violazione della normativa sul trattamento dei dati personali dei propri clienti. In particolare Wind Tre Spa è stata sanzionata per circa 17 milioni di euro. L'accusa è di aver effettuato "numerosi trattamenti illeciti di dati, legati prevalentemente ad attività promozionali". Per Iliad, invece, il trattamento dei dati personali "è stato trovato carente sotto altri profili, in particolare in merito alle modalità di accesso dei propri dipendenti ai dati di traffico", con conseguente comminazione della sanzione di 800.000 euro.

"Il tutto - spiega Barbara Puschiasis, presidente di Consumatori Attivi - è partito dalle numerosissime denunce che giungono quotidianamente all'Autority da parte di cittadini che lamentano di essere stati vittime di 'marketing selvaggio'. In particolare, come riporta il Garante, gli utenti lamentavano la ricezione di contatti promozionali indesiderati, effettuati senza consenso tramite sms, e-mail, fax, telefonate e chiamate automatizzate. In numerosi casi, inoltre i segnalanti dichiaravano di non esser stati messi in grado di poter esercitare il proprio diritto di revoca del consenso o di opposizione al trattamento dei loro dati per finalità di marketing (anche a causa di imprecisioni nell’indicazione dei canali di contatto presenti nell’informativa). In altri casi veniva lamentata la pubblicazione di dati personali negli elenchi telefonici pubblici nonostante l’opposizione (a volte reiterata) degli interessati. Dall’istruttoria è, inoltre, emerso che le app MyWind e My3 erano impostate in maniera tale da obbligare l’utente a fornire, a ogni nuovo accesso, una serie di consensi per diverse finalità di trattamento (marketing, profilazione, comunicazione a terzi, arricchimento e geolocalizzazione), salvo poi consentire di revocarli trascorse 24 ore".

"Oltre a ciò gli accertamenti del Garante hanno messo in luce diversi gravi illeciti nella filiera dei partner commerciali di Wind Tre, anche con attivazione non autorizzata di contratti", spiega ancora Puschiasis. "Uno dei partner del gestore telefonico, che aveva sub affidato (peraltro senza alcun atto giuridico) intere fasi dei trattamenti a call-center che raccoglievano i dati illecitamente, è stato multato per 200mila euro, con conseguente divieto di utilizzare i dati raccolti e trattati da agenti presenti sul territorio nazionale (i “procacciatori”) in totale spregio delle norme in materia di protezione dati".

"Le misure correttive previste da Wind Tre non sono state ritenute adeguate dal Garante. Oltre alla sanzione pecuniaria, l’Autorità ha vietato a Wind il trattamento dei dati acquisiti senza consenso e ha ordinato di adottare misure tecniche e organizzative al fine di avere un effettivo controllo sulla filiera dei partner, nonché procedure per rispettare la volontà degli utenti di non essere disturbati", spiega ancora Puschiasis.

Ma come difendersi dal telemarketing? "A ogni ora del giorno veniamo disturbati da telefonate commerciali, sia sul telefono fisso sia sul cellulare. Il Registro delle opposizioni, istituito nel 2010, ha avuto un'efficacia limitata in considerazione anche del fatto che consente solo ai titolari di linea fissa presenti sugli elenchi telefonici pubblici di iscriversi online. Solo da fine 2020 dovrebbe entrare in vigore il nuovo regolamento che mira a tutelare anche i numeri mobili dalle chiamate commerciali e ad azzerare, per i nuovi iscritti, tutti i consensi prestati in precedenza (attraverso moduli, carte fedeltà, contratti di cui non si aveva neanche più memoria). Bisogna comunque ricordare che la registrazione del numero non ha alcun effetto se abbiamo specificamente autorizzato una società a contattarci per finalità di marketing e attualmente non consente l’iscrizione a chi ha un numero fisso non pubblicato negli elenchi pubblici".

"Ci sono dei modi per potersi difendere dalle chiamate commerciali comunque: quando sottoscriviamo qualsiasi contratto, non forniamo l'autorizzazione per l'utilizzo dei nostri dati per fini promozionali, di mercato e di ricerca negando il consenso alla cessione di tali dati a terzi sempre per i medesimi fini; inseriamo quel determinato numero telefonico nella black list del cellulare così da venire rifiutato in futuro automaticamente; installiamo un'App, come TrueCaller o Dovrei Rispondere, che ci diranno chi ci sta chiamando (attenzione: questi sistemi non sono infallibili); se le telefonate dovessero comunque continuare, nonostante la nostra opposizione, anche da parte dello stesso professionista, si può segnalare il caso al Garante per la privacy".

"Nel caso in cui abbiate il sospetto che dopo una telefonata commerciale vi sia stato attivato un nuovo contratto per l'acquisto di beni o servizi il consiglio è quello di inviare una raccomandata immediatamente al professionista, opponendosi all'attivazione di qualsivoglia contratto non avendo mai manifestato il consenso. E' bene ricordare comunque che i tempi per recedere da un contratto concluso a distanza sono di 14 giorni dalla conclusione del contratto per i contratti di servizi oppure dal ricevimento del bene per i contratti di acquisto di beni di consumo".

Consumatori Attivi con uno sportello e operatori dedicati al tema resta al fianco dei cittadini che si possono rivolgere al 3473092244, allo 0432-1721212 oppure possono scrivere a info@consumatoriattivi.it  
 

Invia questa pagina ad un tuo amico
I campti contrassegnati con * sono obbligatori