Home / Gusto / 'Bene l'integrazione sul gasolio agricolo'

'Bene l'integrazione sul gasolio agricolo'

Zolin (Coldiretti Pordenone) ringrazia la Giunta Fvg per aver accolto la richiesta

\u0027Bene l\u0027integrazione sul gasolio agricolo\u0027

Il presidente di Coldiretti Pordenone Matteo Zolin ringrazia a nome dell’organizzazione l’assessore Stefano Zannier e la Giunta regionale per aver prontamente colto la richiesta di Coldiretti d'integrazione del gasolio agricolo: “Ogni aiuto, soprattutto se tempestivo, è importante e ancora di più in una stagione difficile come quest’anno”.

In seguito alla pesante siccità anche nei mesi di luglio e agosto è stata avanzata la richiesta alla Regione d'intervenire con un ulteriore provvedimento sul gasolio agevolato utilizzato per alimentare i sistemi irrigui per integrarne le scorte.

Con una delibera proposta dall'assessore regionale alle Risorse agroalimentari, forestali e ittiche e alla montagna, la Giunta ha approvato un provvedimento - dopo quello già deliberato a luglio - che prevede d'incrementare di ulteriori 50 litri di gasolio per ettaro il quantitativo di carburante impiegato a titolo di supplemento a ricostruzione delle scorte alla voce irrigazione.

Il provvedimento ricomprende le colture di cereali autunno-vernini (mais, sorgo e grano saraceno, mais e sorgo), di secondo raccolto (soia), ortive da pieno campo (lattuga, insalate, radicchi), piante da fibra, zolle erbose, prato pronto e vivai. Per questi tipi di coltivazioni si è stabilito che il carburante agricolo agevolato sarà assegnato, su richiesta delle aziende agricole, sull'intero territorio del Friuli Venezia Giulia.

La delibera prevede, inoltre, l'assegnazione di 50 litri di gasolio per ettaro anche per le coltivazioni dei prati avvicendati (erba medica, lupinella, trifoglio, miscuglio graminacee), vite da vino e vite da tavola, vite da portainnesto, frutta polposa e frutta a guscio. Questa ulteriore assegnazione sarà, però, possibile limitatamente alle superfici coltivate appartenenti alle aree dei comuni maggiormente colpiti dalla grave crisi idrica.

Per il Friuli Occidentale i comuni sono Azzano Decimo, Brugnera, Casarsa della Delizia, Chions, Cordovado, Fiume Veneto, Morsano al Tagliamento, Pasiano di Pordenone, Porcia, Prata di Pordenone, Pravisdomini, Sacile, San Vito al Tagliamento e Sesto al Reghena.

0 Commenti

L'economia in un click

Cultura

Economia

Sport news

Politica

Il Friuli

Green

Business

AGENDA

Invia questa pagina ad un tuo amico
I campti contrassegnati con * sono obbligatori