Home / Gusto / A Buttrio 'Ce vino di fâ? - Quale futuro'

A Buttrio 'Ce vino di fâ? - Quale futuro'

Al via la Fiera regionale dei vini, con il convegno moderato da Tinto, della trasmissione Decanter di RadioRai2

A Buttrio 'Ce vino di fâ? - Quale futuro'
Una ripartenza dai vini autoctoni e con l’obiettivo futuro di un’Italia prima in Europa nel certificare bio tutte le proprie Doc e Dop: questo lo spunto lanciato da Oscar Farinetti, fondatore di Eataly e Green Pea, questa mattina a Buttrio nell'Eno Talk Show "Ce VINO di fâ? - Quale Futuro? - Pensieri e progetti del mondo del vino e dell'enoturismo nel dopo pandemia tra Friuli Venezia Giulia e Italia", che ha aperto l'88esima Fiera Regionale dei Vini di Buttrio, certificata Sagra di Qualità dall'Unione nazionale Pro Loco d'Italia e inserita nella cittadina collinare facente parte dell'Associazione nazionale Città del Vino. Manifestazione che si concluderà domenica 20 giugno con degustazioni e momenti d’intrattenimento.
Condotto magistralmente da Nicola Prudente, in arte Tinto, della nota trasmissione Decanter su RadioRai2, il talk show (trasmesso anche online) ha visto tra gli intervenuti pure quello di Donatella Cinelli Colombini, presidente nazionale Donne del Vino che ha ricordato come il turista debba essere preso per la gola e di come l'enoturismo possa essere il locomotore della ripartenza.
Mario Busso e Alessandro Scorsone della guida Vinibuoni d’Italia hanno delineato il quadro dei vini autoctoni selezionati nella loro opera mentre Giuseppe Festa curatore dell’Osservatorio del Turismo del Vino delle Cittá del Vino ha indicato come i segnali della ripartenza siano solidi e promettenti.
Milena Pepe della Tenuta Cavalier Pepe (Campania) e Cecilia Zucca del Poggio Ridente (Piemonte) hanno portato la propria esperienza di produttrici in altre zone d'Italia mentre Matteo Bellotto del Consorzio Colli Orientali e Ramandolo ha illustrato il progetto Academy che permette di conoscere i vini del consorzio anche a distanza.
Presente pure il direttore generale di PromoturismoFVG Lucio Gomiero, che ha raccontato come adesso l'obiettivo sia quello di far stare i turisti sempre più in regione (e proprio l'offerta enogastronomica è la chiave per farlo) e due produttori della Strada del Vino e dei sapori regiona, Andrej Skerlj della Bajta di Sgonico e Ippolito Di Martino di Modeano Vini, che hanno raccontato la loro realtà.
Saluto istituzionale dell'assessore regionale del Friuli Venezia Giulia al turismo e attività produttive Sergio Emidio Bini, che ha indicato come i numeri per il turismo regionale in questo inizio estate 2021 siano positivi.
Il gruppo organizzatore della Fiera, capitanato dal presidente della Pro Loco Buri di Buttrio Emilio Bardus e dal sindaco Eliano Bassi insieme all'assessore alla promozione turistica e Città del Vino Tiziano Venturini ha dato il benvenuto a tutti nella manifestazione simbolo della cittadina collinare, ospitata in Villa di Toppo - Florio: dopo aver saltato l'edizione 2020 a causa dell'epidemia, il loro pensiero, era fondamentale ripartire quest'anno.
Al termine consegna alla Cantina produttori Cormòns del premio Eticork di Amorim e Vinibuoni d'Italia: un riconoscimento ottenuto per il Vino della Solidarietà, realizzato dalla cantina cormonese in tutte le sue fasi insieme agli utenti del centro disabili Anffas di Gorizia. Presente il presidente di questa realtà Mario Brancati insieme al direttore generale della cantina Alessandro Dal Zovo, che hanno ricevuto il premio da Carlos Veloso dos Santos direttore generale di Amorim Cork Italia e da Mario Busso di Vinibuoni d'Italia. Busso ha poi consegnato a 30 cantine del territorio gli attestati Ecofriendly che ne testimoniano l'impegno ambientale. Il Vino della Solidarietà è stato poi degustato al termine del lavori al cafè bistrot Le Fucine di Buttrio.

Domenica 20 giugno gran finale della Fiera Regionale dei Vini di Buttrio. Dalle 11 alle 15 apertura all’esterno di Villa di Toppo-Florio del banco degustazioni dei vini autoctoni regionali premiati con le Corone della Guida Vinibuoni d'Italia 2021 e i vini di Buttrio, accompagnati da sfiziosità culinarie proposte da Le Fucine e intrattenimento musicale con il DJ Andj.

Alle 11.30 al via la Degustazione guidata Re di Coppe con i vini bianchi autoctoni nazionali a cura di Vinibuoni d'Italia con partecipanti sia in presenza che a distanza, previa prenotazione.

Dalle 18 alle 24 apertura all’esterno di Villa di Toppo-Florio del banco degustazioni dei vini autoctoni regionali premiati con le Corone della Guida Vinibuoni d'Italia 2021 e i vini di Buttrio, accompagnati da sfiziosità culinarie proposte da Le Fucine e intrattenimento musicale con il DJ Andj.

Dalle 18.30 proseguono le degustazioni guidate: questa volta toccherà a Regina di Cuori con i vini rossi autoctoni nazionali a cura di Vinibuoni d'Italia con partecipanti sia in presenza che a distanza, previa prenotazione.

Alle 21 gran finale grazie allo spettacolo con musiche e parole "Il sentimento della terra". Parole: Carlotta Del Bianco e Maurizio Mattiuzza. Musiche: Jacopo Casadio e Davide Sciacchitano.

La Fiera Regionale dei Vini di Buttrio è organizzata da Pro Loco Buri e Comune di Buttrio, insieme a Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia, PromoturismoFVG Strada del Vino e dei Sapori, Comitato regionale del Friuli Venezia Giulia dell'Unione nazionale tra le Pro Loco d'Italia e associazione nazionale Città del Vino.

Con il supporto di Fondazione Friuli, CiviBank, Vitis Rauscedo, Le Fucine e in collaborazione con Camera di Commercio di Pordenone Udine. La Fiera Regionale dei Vini di Buttrio gode del marchio sagra di Qualità dell'Unpli.

0 Commenti

Cronaca

Economia

Politica

Spettacoli

Sport news

Il Friuli

Business

Green

Family

Invia questa pagina ad un tuo amico
I campti contrassegnati con * sono obbligatori