Home / Gusto / Agricoltura, in dieci anni ha chiuso un'azienda su quattro

Agricoltura, in dieci anni ha chiuso un'azienda su quattro

I due terzi dei titolari hanno più di 60 anni. Lo dice il settimo censimento dell'Istat

Agricoltura, in dieci anni ha chiuso un\u0027azienda su quattro

Nel giro di dieci anni il Friuli Venezia Giulia ha perso un’azienda agricola su quattro, ma è cresciuta la superficie utilizzata. E’ quanto risulta dai dati definitivi del settimo censimento agrario elaborato dall’Istat. Stando alle cifre, se nel 2010 in regione c’erano 22.316 aziende, al 1° gennaio 2020 il numero è sceso a quota 16.400, il 26,5% in meno. Salgono però gli ettari utilizzati, che sono passati da 218mila a 225mila, più 3%.

Il comparto agricolo dà lavoro a 53mila persone in regione, 23mila delle quali sono i capi azienda o i loro familiari. Preoccupante l’età di chi è alla guida delle aziende: i due terzi dei capi, infatti, hanno più di 60 anni.

Per quanto riguarda l’utilizzo del territorio, i seminativi sono al primo posto con 148.130 ettari, seguiti dalle coltivazioni legnose agrarie (33.372 ettari) e dai pascoli (33.068 ettari).

Stando ai seminativi, da noi si coltivano soprattutto mais (47.580 ettari), piante industriali, ovvero non utilizzate per l’alimentazione umana o animale (42.113 ettari), e foraggio (30.670 ettari).

Nel settore delle coltivazioni legnose, la regina è la vite con 26.349 ettari coltivati, nella stragrande maggioranza per la produzione di vini dop e igp. Si tratta del 63% del totale. A grande distanza, con 1.248 ettari troviamo il melo e con 543 ettari l’actinidia, vale a dire la pianta che dà i kiwi.

0 Commenti

L'economia in un click

Cultura

Economia

Sport news

Politica

Il Friuli

Green

Business

AGENDA

Invia questa pagina ad un tuo amico
I campti contrassegnati con * sono obbligatori