Home / Gusto / Go Green, al Rifugio Tamai una giornata cento per cento vegetale

Go Green, al Rifugio Tamai una giornata cento per cento vegetale

L’appuntamento con i menù della Chef Alessia Beltrame è per sabato 23 luglio tra gli orti spontanei e i sapori della Carnia

Go Green, al Rifugio Tamai una giornata cento per cento vegetale

Si terrà sabato 23 luglio, dalle 11 alle 16, Go Green, il primo appuntamento completamente vegetale sul Monte Zoncolan. L’evento è organizzato dal Rifugio Tamai insieme a Vegan Meetup Trieste – la prima iniziativa per la promozione della dieta a base vegetale a Trieste e dintorni, per questa occasione anche in Carnia – e alla Chef e Health Coach friulana Alessia Beltrame.

“Il menu che ho ideato per l’occasione vuole onorare i frutti e le erbe spontanee della montagna friulana, assieme alle verdure di stagione, guardando alla tradizione con un occhio rivolto ad est e riprendendo le influenze tipiche della mia cucia ed esperienza” dichiara la Chef Beltrame.

Si parte con il farfaraccio, un vegetale tipico ma non molto utilizzato nel territorio delle Alpi Carniche, presente anche nei boschi del Giappone del nord, da cui l’ispirazione. A seguire i manti, ravioli tradizionali della tradizione turca, farciti però con la barbabietola come i cansunziei, pasta ripiena delle Dolomiti. A seguire il gratin di tuberi, patate locali e cavolo rapa, ingrediente poco presente in Italia ma parente stretto del sedano rapa montano. Si finisce in dolcezza con una torta streusel che prende ispirazione dalla tradizione austriaca, vicina geograficamente e storicamente, con un tocco alpino insospettabile: le gemme di abete.

“Una giornata che vuole festeggiare gli ingredienti vegetali, così versatili e gustosi. Può sembrare strano avere un'offerta di piatti a base esclusivamente vegetale in montagna ma io sono agricoltore, ho una piccola azienda agricola biologica e coltivo terreni poco distanti dal rifugio. Proporre piatti vegani è solo una conseguenza delle materie prime che mi trovo ad avere a disposizione, dato che come ristoratore ho sempre puntato sul km 0 e sulla qualità dei prodotti da impiegare in cucina", afferma Suan Selenati proprietario del Rifugio Tamai.

“Si tratta della prima giornata 100% vegetale mai organizzata sul Monte Zoncolan! Siamo entusiaste di questa collaborazione che vede il VEG svettare sempre più in alto, una metafora calzante considerato, ad esempio, l’aumento dei ristoranti specializzati in cucina vegana a Trieste negli ultimi due anni: +82% solo nel 2020. A questo proposito, siamo felici che Go Green abbia coinvolto realtà della nostra regione, dai produttori ai ristoratori, gestite da persone giovani con la voglia di innovare mantenendo il rispetto per il territorio”, concludono Martina Pluda e Athina Krokos, fondatrici di Vegan Meetup Trieste.

Il ritrovo al Tamai (Località Cima Zoncolan, 33020 Sutrio, Udine) è tra le 11 e le 11.30 per una piccola passeggiata negli orti spontanei attorno al rifugio. Seguirà la presentazione del pranzo e dell’iniziativa con aperitivo a base di Kombucha dell’azienda triestina Intro. Finalmente, il pranzo di quattro portate con le verdure de L'Orto Felice, azienda agricola biologica di Udine. Il costo è di 25 euro a persona con una scontistica dedicata ai follower di Vegan Meetup Trieste. Per informazioni e prenotazioni, si prega di scrivere a info@rifugiotamai.it o a veganmeetupts@gmail.com.

Vegan Meetup Trieste è una giovane iniziativa, e la prima, con lo scopo di promuovere l'alimentazione a base vegetale e lo stile di vita vegano rendendolo più diffuso e accessibile, a Trieste e dintorni. Nata nel 2020, dall’idea di Martina Pluda e Athina Krokos, agisce da catalizzatore per creare una community aperta e inclusiva di veganə, vegetarianə e curiosə e fa da ponte con le realtà vegan-friendly locali per accelerare l'espansione dell'offerta vegetale sul territorio, secondo il motto "Viva veg e po bon!".

Il Rifugio Tamai sorge in una conca di luce e profumi dove ogni mattina il sole sorge prima di ogni altro ristorante della regione. Suan, deltaplanista e maestro di sci, vero conoscitore delle montagne carniche, gestisce il ristorante assieme a Futura dall'inverno 2016, cercando di offrire un'ospitalità attenta e curata ai loro ospiti.

Alessia Beltrame è una chef friulana che vive tra Udine e Londra. Diplomata all’Accademia del Gambero Rosso ha esplorato il mondo del fine dining e della cucina naturale e olistica, collaborando con diversi nomi europei, tra cui Noma, Honey and Co e Masseria Moroseta. La sua è una cucina stagionale e biologica, con un forte accento sulle spezie, sulle erbe spontanee e sui fermentati e influenzata da culture gastronomiche che spaziano dal Mediterraneo al Sud-Est Asiatico. È insegnante di cucina e co-fondatrice del progetto L'Orto Pronto, in collaborazione con Caterina Romanelli e l'azienda agricola l'Orto Felice.

0 Commenti

L'economia in un click

Cultura

Economia

Sport news

Politica

Il Friuli

Green

Business

AGENDA

Invia questa pagina ad un tuo amico
I campti contrassegnati con * sono obbligatori