Home / Gusto / Illy, ricavi in crescita del 21% rispetto al 2021

Illy, ricavi in crescita del 21% rispetto al 2021

Forte focus sulle strategie del piano strategico, in particolare lo sviluppo degli Stati Uniti e del canale digitale

Illy, ricavi in crescita del 21% rispetto al 2021

I ricavi consolidati nel primo semestre del 2022 di illycaffè hanno registrato un incremento del 21% rispetto al 2021. I ricavi del canale Ho.Re.Ca., sostenuti da un graduale recupero dei consumi fuori casa, hanno registrato una crescita a doppia cifra rispetto al 2021 riducendo il divario rispetto ai livelli pre-pandemia, in particolare in Italia, dove i ricavi sono cresciuti del 30% rispetto al 2021 grazie ad un’accelerazione del tasso di acquisizione di nuovi clienti, in particolare nel segmento premium, e all’incremento dei consumi medi.

Anche i ricavi dei canali HOME sono risultati in crescita rispetto al 2021. In particolare, i ricavi del canale online sono incrementati dell’11% rispetto al 2021 guidati da Stati Uniti e Cina.

Negli Stati Uniti, mercato prioritario nel piano industriale, i ricavi sono cresciuti del 34% rispetto al 2021 per effetto delle performance positive nella grande distribuzione, del rafforzamento della collaborazione con Amazon e della ripresa del canale foodservice.

Anche gli altri mercati in cui il gruppo è presente hanno registrato una forte crescita dei ricavi rispetto al 2021. In particolare, in Cina i ricavi sono incrementati del 16% rispetto al 2021 trainati dall’online.

Nonostante la continua pressione sui margini legata agli aumenti dei costi delle materie prime, e dei costi logistici, l’EBITDA è risultato in crescita rispetto all’esercizio precedente, beneficiando dell’accelerazione dei ricavi e della crescente efficienza operativa derivante da una forte focalizzazione strategica sui driver di crescita di lungo periodo.

"Siamo soddisfatti dei risultati del primo semestre 2022", commenta Cristina Scocchia, Amministratore Delegato di illycaffè. "La crescita in tutti i mercati dimostra l’efficacia delle strategie delineate nel piano industriale e incentrate sul rafforzamento della crescita internazionale, con un focus particolare su Stati Uniti e Cina, mercati per noi a più alto potenziale. La crescita è stata sostenuta da tutti i canali distributivi, con un buon equilibrio tra home e out-of-home".

"Nonostante l’aumento esponenziale dei costi delle materie prime e della logistica, anche l’EBITDA ha registrato un’accelerazione, trainata dall’incremento dei ricavi, e da una maggiore efficienza operativa, derivante da una forte focalizzazione strategica sui driver di crescita di lungo periodo. Questi risultati sono un solido ancoraggio per affrontare un anno che prevediamo complesso e sfidante, soprattutto sul fronte della redditività, a causa della crescente incertezza e volatilità legate al contesto macroeconomico e alle tensioni geopolitiche".

0 Commenti

L'economia in un click

Cultura

Economia

Sport news

Politica

Il Friuli

Green

Business

AGENDA

Invia questa pagina ad un tuo amico
I campti contrassegnati con * sono obbligatori