Home / Gusto / In Fiera a Pordenone il punto sull'agricoltura sostenibile

In Fiera a Pordenone il punto sull'agricoltura sostenibile

"La Fondazione Agrifood & Bioeconomy Fvg rappresenta l'innovazione a 360° nel comparto agroalimentare"

In Fiera a Pordenone il punto sull\u0027agricoltura sostenibile

"Un evento rilevante perché non basta parlare di innovazione tecnologica in agricoltura, bisogna anche creare incontri, come quello odierno, per lo scambio di informazioni e di formazione per riuscire a portare le imprese ad agganciare le aziende dell'Ict. Questi confronti fra realtà tecnologiche e agricole contribuiscono a far prendere coscienza di quali siano le innovazioni ma permettono anche di creare sistemi che riescano ad essere adatti alle situazioni profondamente disomogenee sul territorio".

Lo ha detto oggi l'assessore regionale alle Risorse agroalimentari, Stefano Zannier, in occasione della conferenza stampa dedicata a 'Smart and Sustainable Agrifood Technology brokerage event', in fiera a Pordenone alla presenza, fra gli altri, di Claudio Filipuzzi presidente cluster Agro-alimentare Fvg. Si tratta di un evento che punta a ridurre il divario attualmente esistente tra la domanda e l'offerta di innovazione digitale, favorendo in questo modo l'adozione di soluzioni digitali ed incrementando la competitività e sostenibilità del comparto anche attraverso incontri B2B.

Zannier ha rimarcato la rilevanza dell'incontro "utile per lo scambio di informazioni e formazione che aiutano il sistema a progredire tenendo conto che l'ingresso del digitale può portare ricadute importante in termini di sostenibilità non solo ambientale ma anche economica. Auspico che l'incontro favorisca da un lato il trasferimento della conoscenza alle imprese primarie e dall'altro faccia comprendere maggiormente al mondo dell'innovazione tecnologica le esigenze del comparto e le prospettive di sviluppo che si ampliano per tutti. Da momenti di confronto come questo - ha proseguito - fra imprese di settori diversi riusciamo a creare connessioni fra tecnologia e agricoltura sulla base del connubio esigenze e soluzioni. In quest'ottica sono utili i mediatori, soggetti formati con capacità di screening, che facilitano la comunicazione fra i due mondi e che possono tradurre in pratica un'esigenza e portarla a compimento".

L'esponente della Giunta Fedriga ha poi sottolineato la centralità del cluster regionale. "La Fondazione Agrifood & Bioeconomy Fvg rappresenta l'innovazione a 360° nel comparto agroalimentare grazie anche alle collaborazioni, a livello nazionale, con gli altri cluster che consentono di ampliare le esperienze nel confronto anche oltre il territorio nazionale".

La giornata odierna è stata caratterizzata da incontri B2B tra aziende del settore agrifood ed esperti in ambito Ict e agritech e dalle presentazioni di soluzioni innovative, fra queste, quella presentata da Insiel spa in merito alla realizzazione della nuova piattaforma Agri Fvg per l'utilizzazione e la valorizzazione dei dati del comparto. Con questa nuova piattaforma si vuole garantire l'integrazione e la qualità delle informazioni presenti nei diversi sistemi, a supporto di cittadini, imprese ed enti pubblici. Previsto in giornata anche un corso di formazione sull'agricoltura smart e sostenibile. L'evento di oggi si inserisce nel progetto Credas (Cross-Regional Ecosystem for Digital Agrifood Service), finanziato da fondi dell'Unione Europea nell'ambito della open call Service del programma Horizon 2020 ed è organizzato dal Parco agroalimentare Fvg - Agri-food & Bioeconomy cluster agency con l'associazione Clust-ER Agroalimentare (Emilia-Romagna). 

0 Commenti

L'economia in un click

Cultura

Economia

Sport news

Politica

Il Friuli

Green

Business

AGENDA

Invia questa pagina ad un tuo amico
I campti contrassegnati con * sono obbligatori