Home / Gusto / Presentata la Mostra regionale della Mela di Pantianicco

Presentata la Mostra regionale della Mela di Pantianicco

51esima edizione in programma dal 23 settembre al 2 ottobre. Il punto sulla produzione

Presentata la Mostra regionale della Mela di Pantianicco

Dopo due anni di stop forzato ritorna dal 23 settembre la manifestazione dedicata alla mela più grande del Friuli Venezia Giulia. Organizzata dalla Pro Loco di Pantianicco con il sostegno della Regione A. FVG - Promoturismo FVG, di ERSA, di UNPLI con il patrocinio del Comune di Mereto di Tomba, l’annuale festa “Mostra regionale della Mela” ritorna in questa sua 51/sima edizione ricca di eventi e prodotti di qualità.

"Abbiamo voluto mantenere la formula della nostra manifestazione, con solo alcune novità in campo musicale, – precisa Monica Zinutti, Presidente della Pro Loco – perchè questa ci ha portati, grazie anche al lavoro dei miei predecessori, ad essere un punto di riferimento non solo per i tecnici e gli appassionati del settore, ma anche per i friulani che si apprestano ad accogliere l’autunno nel segno dei sapori autentici e dei prodotti agroalimentari tipici del nostro territorio".

In degustazione durante tutte le giornate della manifestazione menù variegati di ricette tipiche a base di mele, da consumarsi nei grandi spazi coperti, con le mele croccanti di raccolta oltre ai noti dolci come fagottini, strudel e la frittella di mele locale denominata Pomella insieme al sorbetto meloso, sidro e succo di mele. Ma anche attività ludiche, appuntamenti di carattere sportivo e culturale, l’elezione di Miss Mela e Mr Melo, il Premio Mela Friuli, il Premio per il miglior miele, per il miglior dolce e naturalmente tanta musica con le orchestre e gli aperitivi con noti DJ, svago e balli sfrenati.

La cifra della Mostra Regionale è di sicuro l’esposizione delle migliori cassette di mele delle aziende friulane, che come ogni anno saranno in gara con le proprie mele (Granny Smith, Gala, Delicious rosse, Fuji, Stark, Pink Lady, Braeburn, Red Chief , Di Còrone), una cinquantina le aziende che hanno aderito al concorso - provenienti da Spilimbergo e Budoia, da San Quirino a Maniago, Barcis, da Gemona a Tolmezzo a San Pietro al Natisone, Pulfero, Pozzuolo, Rive D’Arcano, da Latisana, Grions a San Vito al Tagliamento - per la migliore cassetta di mele in esposizione e al Premio speciale Mela Friuli, che, nato nel 1991 per dare risalto a quanti si impegnano nel settore della melicoltura in Friuli. Il riconoscimento viene conferito alla migliore azienda agricola produttrice di mele attraverso una valutazione complessiva del management aziendale fatta da una commissione di esperti e tecnici – che hanno visitato ogni singola azienda –, composta da: Emilio Beltrame e Leonardo Barberio (Regione A. FVG), Barbara Oian, Michele Fabro, Marco Stocco (Ersa), Daniele Della Toffola e Marco Gani (Arpa), David Pascolo (Confagricoltura), Paolo Ermacora (Università degli studi Udine), Gigi Fabro, tecnico e storico componente. Per non penalizzare le aziende che hanno raggiunto risultati ottimi ma solo per certi aspetti della conduzione aziendale, sono stati creati diversi riconoscimenti (migliore azienda fra quelle di piccole dimensioni e migliore azienda montana e a conduzione biologica).

Oltre al Premio, a Pantianicco va in scena una vera e propria festa che ha sempre richiamato nelle edizioni precedenti un numeroso pubblico eterogeneo, dove protagonista è la mela ma anche il miele.

Il debutto è previsto per venerdì 23 settembre alle 18.30, con l’annuncio della classifica delle cassette di mele in concorso mentre alle 19 apriranno i chioschi ricchi di gustose prelibatezze per il palato e poi, soddisfatti i palati, al via le danze dalle 21 insieme a DJ Ufone e i suoi vinili originali per una serata dalle note revival per coloro che un tempo frequentavano la famosa discoteca Dancing Scarpandibus.

Si terrà invece sabato 24 settembre alle 17.30 l’inaugurazione ufficiale della 51esima Mostra Regionale della Mela alla presenza di alcuni rappresentanti istituzionali della Regione Fvg, del Sindaco di Mereto di Tomba, e dei Sindaci dei paesi limitrofi; a fare gli onori di casa la Presidente della Pro Loco Monica Zinutti.

A seguire si svolgerà il convegno tecnico organizzato da Ersa dal titolo “Gestione delle acque reflue di lavaggio delle attrezzature per la distribuzione dei prodotti fitosanitari e della miscela residua: problematiche e possibili soluzioni” sul tema dell'inquinamento delle acque dopo la pulizia dell’attrezzatura utilizzata per la distribuzione dei prodotti fitosanitari che, se mal condotto, può generare forme di inquinamento ambientale. È importante dunque adottare soluzioni tecniche per evitarlo. Molte aziende infatti negli ultimi anni hanno fatto importanti investimenti in questa direzione per adeguarsi a quanto indicato dal DLgs 150/2014 e dal D.Lgs. 152/06 anche supportate dai finanziamenti previsti dai Fondi del Programma di Sviluppo Rurale Fvg. L’incontro moderato da Lucio Cisilino, dopo i saluti istituzionali di rito, vedrà gli interventi del dott. Pierbruno Mutton del Servizio fitosanitario e chimico, ricerca, sperimentazione e assistenza tecnica di Ersa, della dott.ssa Anna Lutman, direttore tecnico-scientifico Arpa Fvg e del prof. Rino Gubiani dell’Università degli Studi di Udine, mentre alle conclusioni parteciperà anche Stefano Zannier, Assessore all’agricoltura Regione Fvg.

Al termine, si conosceranno le aziende vincitrici per le migliori cassette di mele in esposizione e del Premio Mela Friuli 2022 che consisterà in 200 piante di melo resistenti alla ticchiolatura con la possibilità per l’azienda di sceglierne la varietà; per le altre categorie molti altri premi in palio.

Per concludere la giornata di sabato alle 21 si balla il liscio con l’orchestra Novanta.

Domenica è in programma una giornata densa di eventi, con partenza già alle 8.30 con Melaguido, il raduno con giro turistico di auto storiche. L’evento, realizzato in collaborazione con Euroracing, prevede un giro di circa 70 km con una tappa per l’aperitivo che include la visita presso l’Agribirrificio Villa Chazil mentre al rientro è previsto un pranzo presso gli stand di Pantianicco (iscrizioni entro giovedì 22/9/2022 Stefano, T.: 3295357943 / Gianni, T.: 3355928075 Euroracing Sedegliano). I chioschi saranno già aperti dalle 9 mentre alle 12 si terrà il pranzo con la comunità di Pantianicco per gli abitanti e simpatizzanti.

Nel pomeriggio, dalle 15, inizierà l’intrattenimento per bambini con il “lancio” di 100 KG di mele per te: cartoline volanti su palloncini lanciati in cielo dai bambini e i laboratori didattici con gli animatori del progetto Ragazzi si Cresce di Mereto di Tomba.

Alle 16 (e poi di nuovo alle 21) si danza nell’ampia pista da ballo con l’orchestra Stefania Marchesi mentre alla 17.30 si terranno le premiazioni del 32° Concorso Mieli Città di Pantianicco, concorso rivolto agli apicoltori iscritti e non ai consorzi regionali, indetto dalla Pro Loco di Pantianicco, in collaborazione con l’Arpa Fvg e il Consorzio Apicoltori della Provincia di Udine con l’intento di promuovere e propagandare il consumo del miele.

Alle 18 una delle serate più attese della festa, quella del concorso Miss Mela & Mister Melo in collaborazione con Gierrepi in cui si decreta la regina di bellezza e il più bello tra i belli, il Mr. Melo della regione (selezione valida per il concorso Miss Alpe Adria International e Alpe Adria Boy) in collaborazione con l’agenzia Gierrepi. Iscrizioni gratuite. (Per informazioni t. 335 465287, 0432 860075).

I festeggiamenti riprenderanno nel secondo weekend a partire da giovedì 29 settembre con l’apertura dei chioschi alle 19 e il convegno delle 20.30 “Dalla Piçiule Patrie alla Banda Oriental, L’emigrazione friulana in Uruguay” con Walter Mattiussi e in collaborazione con l’associazione culturale Qui Pantianicco. La storia dell’emigrazione friulana verso l’America del Sud ed il sacrificio fatto da intere generazioni è ben documentata; tuttavia il fenomeno che ha coinvolto l’Uruguay non è stato sviluppato sufficientemente ed è giusto far conoscere il contributo che esse hanno dato alla creazione di questa piccola nazione. La serata presenta sinteticamente l’Uruguay ed il Friuli Venezia Giulia ed offre notizie in modo essenziale sulla storia dell’emigrazione regionale in terre della Banda Oriental accennando alla realtà attuale dei corregionali. In concomitanza si terrà la gara di briscola gastronomica a coppie con ricchi e gustosi premi.

Venerdì 30 settembre alle 18.30 si terrà la presentazione del libro In cucina con il mais. Non solo polenta sulla versatilità della farina di mais con tante ricette di Giulia Godeassi presentate dall’editore e direttore del mensile di enogastronomia QB, Fabiana Romanutti e poi tutti ai chioschi a degustare il ricco menù e dalle 21 a ballare il liscio e in gruppo con Alvio e Elena.

Il primo sabato di ottobre si apre alle 14.30 all’insegna della dolcezza con il Concorso Dolci a base di Mele e Miele la cui premiazione si terrà alle 20.30 (qualche ora dopo l’apertura dei chioschi che avverrà alle 18.30). Attesissimo l’appuntamento delle 21 per l’Autumn Party – DJ Set con i DJ Atrés e Max Buono, un’occasione unica per rivivere l’emozione e la magia della musica anni ’90 e ’00!

Infine domenica 2 ottobre si aprono le iscrizioni, già alle 8.30, per Mela a spasso, la marcia podistica non competitiva di 10 e 5 km che prevede due punti di ristoro e un ottimo piatto di pastasciutta all’arrivo; iniziativa aperta anche alle scuole, con partenza alle 9.30.

Nella stessa giornata si terrà, alle 14, la gara ciclistica per amatori, il 22esimo trofeo Franco Cragno mentre alle 15 tornano le attività per i più piccoli con …100 kg di mele per te! e i laboratori didattici con gli animatori del progetto Ragazzi si Cresce di Mereto di Tomba. La 51esima festa regionale della Mela di Pantianicco si chiuderà con tanta musica a partire dalle 16 con l’orchestra Collegium.

Durante tutte le giornate dell’evento si potranno anche acquistare le mele fresche di raccolta e i tanti prodotti locali come il miele, i trasformati dalla mela (succo, sidro e aceto di mele) e i deliziosi dolci a base naturalmente di mele e di miele. Inoltre sabato 24 settembre pomeriggio e le domeniche si terranno i laboratori didattico - esperienziali sulla trasformazione delle mele in succo, sidro e aceto e valutazione sensoriale della mela e dei succhi, curati e condotti dagli allievi con i docenti dell’Istituto d’Istruzione “Il Tagliamento” di Spilimbergo (Progetto del percorso di tirocinio della disciplina di Trasformazione dei prodotti dell’Istituto “Il Tagliamento” di Spilimbergo).

Apertura chioschi: giovedì e venerdì dalle 19, sabato dalle ore 18 e domenica dalle 9. Cucina aperta: venerdì e sabato ore 19 - 23, domenica ore 11.30 - 14.30 e ore 18.30 - 23.

La "Mostra regionale della Mela" di Pantianicco, oltre a essere una tradizione radicata, rappresenta un'importante occasione per dare lustro alle produzioni del Friuli Venezia Giulia. La Regione è quindi orgogliosa di essere al fianco degli organizzatori, a partire dalla Pro Loco Pantianicco, che dopo il blocco causato dalla pandemia hanno lavorato alacremente per dare vita alla cinquantunesima edizione di questa manifestazione, che vede tra i propri partner anche Ersa e PromoturismoFvg.

È, in sintesi, quanto spiegato oggi dall'assessore regionale alle Risorse Agroalimentari forestali e ittiche Stefano Zannier alla presentazione ufficiale dell'edizione 2022 della 51esima Mostra regionale della Mela di Pantianicco, in programma dal 23 settembre al 2 ottobre, che ha fornito l'occasione per tracciare le prime stime sull'andamento del raccolto di mele in Friuli Venezia Giulia. Quest'anno nella nostra regione la melicoltura ha interessato 1.294 ettari (dati di Agea), circa 1,8% in meno rispetto al 2021. Al momento la produzione stimata è di 729.816 quintali, nonostante le alte temperature che hanno caratterizzato gran parte della stagione produttiva, causando forti stress alle piante.

In merito l'assessore ha evidenziato che anche se la produzione di mele della nostra regione potrebbe risultare di poco inferiore per quanto riguarda la quantità, certamente sul fronte della qualità avremo mele di alto livello. Questo settore, con tutta probabilità, è tra quelli che ha sofferto meno per la siccità, ma ciò è dovuto principalmente all'elevato livello di specializzazione della produzione e agli investimenti compiuti sui sistemi di irrigazione, che hanno consentito di garantire il corretto apporto d'acqua. Guardando al futuro sarà quindi necessario anche per altre produzioni adottare un uso di precisione della risorsa idrica.

Per quanto riguarda le temperature elevate, che hanno spesso impedito la fecondazione o causato l'aborto di alcuni tipi di colture, come la soia, l'esponente della Giunta ha sottolineato la necessità di effettuare un'analisi sulla sostenibilità futura degli attuali modelli colturali. I cambiamenti climatici non favoriranno le culture che richiedono elevatissime quantità d'acqua proprio nei periodi di maggiore siccità, quindi per garantire che l'agricoltura del Friuli Venezia Giulia rimanga competitiva sarà molto probabilmente necessario attuare una variazione sulla tipologia di prodotti seminati.

0 Commenti

L'economia in un click

Cultura

Economia

Sport news

Politica

Il Friuli

Green

Business

AGENDA

Invia questa pagina ad un tuo amico
I campti contrassegnati con * sono obbligatori