Home / Gusto / Presente e futuro dell’enogastronomia Fvg

Presente e futuro dell’enogastronomia Fvg

Lunedì 23 gennaio, al teatro San Giorgio di Udine, 80 ristoratori al Forum Confcommercio Fipe

Presente e futuro dell’enogastronomia Fvg

I grandi temi presenti e futuri della cucina del Friuli Venezia Giulia. Confcommercio Fvg ne ha individuati sette: Riscoperta, territorialità e stile; Sostenibilità; Ricerca; Stagionalità; Contaminazione e innovazione sui tre confini; Connotazione territoriale; Scuola. Argomenti di confronto e dibattito del Forum organizzato lunedì 23 gennaio, dalle 14.30, al teatro San Giorgio di Udine.

L’idea è stata elaborata dal presidente della Cciaa Pn-Ud e di Confcommercio Fvg e Udine Giovanni Da Pozzo e da Walter Filiputti, presidente del Consorzio Fvg Via dei Sapori, vicepresidente di Confcommercio provinciale. Lo spunto è il libro che Filiputti, collaboratore della Camera per l’enogastronomia, sta scrivendo sulla “Storia moderna della cucina del Fvg” (che sarà la strenna 2023 della Cciaa Pn-Ud), una ricostruzione che inizia da una data simbolica, il 1977, l’anno in cui Gualtiero Marchesi apre il suo primo ristorante.

"Il Forum è pensato per raccogliere la voce delle imprese, i loro punti di vista e i suggerimenti per costruire una nuova stagione di successo. Ci pare opportuno dare la parola ai protagonisti", spiega Da Pozzo. A fare da punto di partenza, aggiunge Filiputti, sarà il glorioso passato della cucina regionale, anche attraverso le testimonianze, già raccolte per il libro, di grandi cuochi italiani, tra gli altri Massimiliano Alajmo e Andrea Berton.

All’evento parteciperanno un’ottantina di ristoratori (per le prenotazioni, fino a esaurimento dei posti disponibili, sindacale@ascom.ud.it). Ai saluti del presidente Da Pozzo e dell’assessore regionale alle Attività produttive Sergio Bini, seguirà una breve conversazione sui temi proposti tra i relatori Davide Rampello, docente della Iulm di Milano, Lino Stoppani, presidente Confcommercio Fipe, e Roberto Calugi, direttore Confcommercio Fipe, moderati da Filiputti. La parola passerà quindi ai ristoratori, che potranno testimoniare il momento del loro mestiere e le prospettive per i prossimi anni.

Al termine, tre chef presenteranno in platea, cucinando in diretta, altrettanti piatti che saranno una sintesi della nostra storia in cucina, tra terra, mare e tradizione. Si tratta di un piatto della tradizione, il Toc’ in braide di Gianni Cosetti, preparato da Loris Bearzi della trattoria Da Nando, e di due piatti dell’innovazione: la dadolata di cervo con uova di trota e crema al pistacchio di Alessandro Gavagna (La Subida) e del risotto scampi e scampi con la sua bisque e polvere di capperi di Massimiliano Sabinot (Vitello d’Oro).

0 Commenti

L'economia in un click

Cultura

Economia

Sport news

Politica

Il Friuli

Green

Business

Invia questa pagina ad un tuo amico
I campti contrassegnati con * sono obbligatori