Home / Gusto / Strategie per la filiera lattiero-casearia

Strategie per la filiera lattiero-casearia

Zannier propone di adottare il modello usato per il settore legno nel dopo Vaia

Strategie per la filiera lattiero-casearia

"Sostenere la filiera lattiero-casearia del Friuli Venezia, Giulia sulla quale gravano le incertezze del mercato determinate dall'emergenza coronavirus, seguendo una strategia simile a quella adottata dall'Amministrazione regionale per il settore legno nel dopo Vaia, studiando soluzioni che siano in grado di sostenere i produttori e reimpiegare un'eventuale eccedenza di latte fresco regionale sul mercato". È quanto proposto dall'assessore regionale alle Risorse agroalimentari, Stefano Zannier, ai produttori del comparto riuniti in videoconferenza per fare il punto su criticità e problematiche legate alla situazione attuale.

"L'Amministrazione regionale con il supporto tecnico del Cluster agroalimentare Fvg - ha spiegato Zannier - ha tracciato alcune soluzioni da adottare nel caso dovesse registrarsi un surplus di latte, tra le quali l'avvio di una linea di produzione di cagliate o di formaggio, quest'ultimo da introdurre sul mercato con una precisa identità, legata alla particolare situazione del momento, e quindi senza alterare i prodotti tradizionali. Si tratta di prime valutazioni che devono incontrare il consenso unanime dell'intera filiera".

L'incontro è stata anche l'occasione per fare il punto sullo stato di salute del settore che si sta adattando al mutare dei consumi. "Se sembra aumentare in questa fase la richiesta della grande distribuzione - ha spiegato l'assessore - è calata invece la domanda proveniente dal mondo della ristorazione, dei bar e degli hotel. Il comparto subisce inoltre i contraccolpi legati all'import-export con la concorrenza che viene dall'estero e le difficoltà registrate dai nostri operatori a esportare".

"L'anello più delicato della filiera - ha aggiunto - è proprio quello dei produttori di latte fresco, almeno in questa prima fase critica legata all'emergenza sanitaria. Ed è per questa ragione che stiamo valutando più ipotesi per salvaguardare il settore".

0 Commenti

Cronaca

Economia

Politica

Spettacoli

Sport news

Il Friuli

Business

Green

Family

Invia questa pagina ad un tuo amico
I campti contrassegnati con * sono obbligatori