Home / Il Friuli / Il Friuli in edicola, 22 aprile 2016

Il Friuli in edicola, 22 aprile 2016

Gli sprechi raccontati dai cittadini - Un rapporto di Cittadinanzattiva individua i punti nevralgici degli sperperi nel settore della Sanità. Utenti esasperati dal malfunzionamento di reparti e strutture

Il Friuli in edicola, 22 aprile 2016

Sanità: “L’autonomia costa 100 milioni all’anno” - La stima del consigliere regionale Riccardi: ecco quanto avremmo a disposizione in più se le nostre strutture fossero ancora finanziate dal Fondo nazionale
L’autonomia del Fvg è davvero un privilegio? Per Riccardo Riccardi, capogruppo del Popolo della Libertà/Forza Italia in Consiglio regionale, la risposta è negativa, specie sul fronte della Sanità, ovvero sul settore che utilizza olte la metà del budget annuale della Regione. Già, perchè stando alle sue stime, il fatto che il sistema del Fvg non sia finanziato con il Fondo sanitario regionale ci ‘costerebbe’ “almeno un centinaio di milioni all’anno”.
Leggi il resto nel numero in edicola

Gli sprechi raccontati dai cittadini - Un rapporto di Cittadinanzattiva individua i punti nevralgici degli sperperi nel settore della Sanità. Utenti esasperati dal malfunzionamento di reparti e strutture
I costi della ‘macchina dello Stato’ sono diventati al limite dell’insostenibilità e la soluzione sembra essere quella di applicare a tutti i settori tagli, all’apparenza indiscriminati se non dannosi. Tra quelli più colpiti, ovviamente, c’è la sanità. Ma che idea hanno davvero i cittadini degli sprechi in ambito sanitario?
Leggi il resto nel numero in edicola

Minori difficili via dal Friuli - Manca la rete territoriale di aiuto e tanti ragazzi con disagi sono curati fuori regione. Una spesa enorme per la nostra Sanità
Il Friuli Venezia Giulia è all’avanguardia quando si parla di disagio mentale, ma solo se si tratta di adulti. Ben diversa la situazione per i minori.  L’assenza di una rete sul territorio ci costringe a spedire fuori regione moltissimi ragazzi. Attualmente, secondo i dati forniti da Silvana Cremaschi, neuropsichiatra e consigliere regionale del Pd, sono circa 400 i minori ospitati in comunità. Di questi però almeno un centinaio sono stati mandati altrove.
Leggi il resto nel numero in edicola

Friuli a caccia di nuovi ospiti - Bando agli eccessi. Anche la nostra regione si adegua ai nuovi modelli di turismo. Ora le vacanze servono per conoscere la storia, la cultura, le tradizioni e i sapori locali
Dopo il successo della stagione turistica invernale, con aumenti a due cifre, che vanno dal 12 al 21 per cento, quella estiva non potrà essere da meno.
Leggi il resto nel numero in edicola

Spese pazze? No, solo bizzarre - Cala il sipario sugli acquisti con soldi pubblici di 18 consiglieri regionali: furono legittimi. Intanto il Fvg ha regolamentato la materia e diversi rimborsi ‘inopportuni’ sono stati restituiti
Le spese non furono pazze: gli acquisti da parte di 18 consiglieri regionali di Pdl, Lega e Pd di catene per pneumatici, passeggini per bambini, biglietti teatrali, capi d’abbigliamento, pesce al mercato ittico o generi alimentari nei supermercati, profumi, gioielli, vini, mazzi di fiori, lavatrici furono forse inopportuni ma, secondo la legge, legittimi. Questo ha sentenziato il gup di Trieste Giorgio Nicoli, nel pronunciamento che fa calare il sipario (a meno di ricorsi della Procura) sull’opaca vicenda dei rimborsi agli inquilini pro tempore di Piazza Oberdan. L’inchiesta del pm Federico Frezza lascia indenni i consiglieri superstiti rispetto alla precedente legislatura e alla fine si risolve in un sostanziale nulla di fatto: almeno per quanto riguarda le condanne, che non arrivano, mentre nel frattempo è arrivata la riprovazione generale per gli esponenti politici coinvolti.
Leggi il resto nel numero in edicola

Ragazzine al consultorio per la pillola del... lunedì - Allo sportello di Udine si presentano anche quindicenni, qualche volta accompagnate dal ‘fidanzatino’
Il consultorio familiare pubblico di via San Valentino a Udine della Aas 4 Friuli Centrale, nel 2015 ha registrato 4.428 accessi, affrontando una pluralità di domande che arrivano da un’utenza assai diversificata: dagli adolescenti-giovani che, all’uscita di scuola, fanno un salto allo ‘Spazio giovani’ per informazioni sanitarie e sulla contraccezione grazie al fatto che al Consultorio si accede direttamente anche senza genitori alle coppie in difficoltà fino alle mamme in attesa e a quelle che devono gestire i primi 40 giorni dei neonati.
Leggi il resto nel numero in edicola

I rifiuti si pagano a peso. E a Maniago li gettano in strada - Dal 2 maggio parte la nuova raccolta porta a porta e più di qualcuno preferisce liberarsi della spazzatura prima di tale data. Vie cittadine sporcate da immondizia varia, ma la scure sta per abbattersi sui ‘furbetti’
Manca poco per la rivoluzione della raccolta dei rifiuti a Maniago. Dal 2 maggio scatta il porta a porta, che andrà a sostituire i cassonetti stradali. Un sistema che sta prendendo sempre più piedi nei comuni del Friuli Occidentale, con lo scopo di ridurre la spazzature e i conseguenti costi di smaltimento in carico alle Amministrazioni. L’idea è quella, che differenziando in modo ottimale, ne guadagnano le casse del Municipio e le tasche dei cittadini. Anche perché il nuovo metodo che entrerà in vigore nella città dei coltelli propone una cura strong.
Leggi il resto nel numero in edicola

A scuola mangerà chi salda in anticipo - Il Comune ci rimette oltre 60mila euro l’anno. Lo Stato non rimborsa e le famiglie faticano a pagare. Da settembre, i genitori dovranno  versare i soldi prima per assicurare il pasto ai figli
I servizi offerti dal Comune di Pordenone per la mensa scolastica sono di alta qualità, ma i conti non tornano. Per questo il Municipio correrà ai ripari. Da quanto emerge leggendo i dati del Bilancio sociale e ambientale appena presentato dall’ente, le iniziative messe in campo sono parecchio apprezzate.  Tanto che la commissione mensa ha rilevato una qualità di poco inferiore al cento per cento delle aspettative.
Leggi il resto nel numero in edicola

Municipio che passione! Per sedersi su 3 poltrone corrono in 22 - L’istituto tecnico ha toccato i 1.550 iscritti, 50 in più che al liceo del centro. Ecco il gradimento in provincia
Se la passione politica si deve pesare dal numero dei candidati sindaco, non c’è dubbio che nel Friuli Occidentale sia ai massimi storici.  Nei tre centri principali che andranno al voto a giugno, sono in corsa ben 21 aspriranti primi cittadini. Il top è stato raggiunto a Cordenons, dove la frammentarietà di liste e candidati ha toccato i dieci ipotetici pretendenti. andhe se ci sono ancora alcune incognite.
Leggi il resto nel numero in edicola

“Così usiamo il teatro per aiutare i più deboli” - Elisa Menon, presidente dell’associazione goriziana ‘Fierascena’, spiega come è stato rivoluzionato il Palio studentesco. “Meno competizione, più attenzione al sociale“
Giovani debuttanti su un palcoscenico oggi, persone e cittadini consapevoli domani. L’equazione non è scontata, ma affascinante, senza dubbio. Che il teatro possa essere formidabile occasione di crescita, confronto e arricchimento, anche e soprattutto per le nuove generazioni, ne è convinta Elisa Menon, giovane presidente di ‘Fierascena’, associazione culturale goriziana che da anni ormai si occupa di teatro sociale nell’Isontino ma non solo. E che, da quest’anno, ha rivoluzionato il Palio Teatrale Studentesco, un’istituzione con oltre vent’anni di importante passato, mettendo in secondo piano l’aspetto competitivo, da concorso, e puntando invece sull’incontro e una serie di workshop e laboratori.
Leggi il resto nel numero in edicola

La memoria del 6 maggio - Villa Manin di Passariano racconta il sisma, la ricostruzione e la solidarietà in una grande mostra: un percorso che si snoda in 19 stanze con materiali d’epoca e diversi ‘inediti’
La memoria storica, pubblica e privata, concentrata in materiali giornalistici e radio-tv d’epoca, opere d’arte ed esempi significativi dei restauri architettonici, insieme a opere legate alla solidarietà del mondo dell’arte, in un percorso che si snoda in 19 stanze. E’ il soggetto di ‘Memorie  – Arte, immagini e parole del terremoto in Friuli’, a cura di Corrado Azzollini e Antonio Giusa, da sabato 23 a Villa Manin di Passariano.
Leggi il resto nel numero in edicola

Invia questa pagina ad un tuo amico
I campti contrassegnati con * sono obbligatori