Home / Il Friuli / Il Friuli in edicola, 8 aprile 2016

Il Friuli in edicola, 8 aprile 2016

Soldi, soldi, soldi - Come farli rendere sempre di più. Sono 24 miliardi i risparmi dei friulani ancora parcheggiati nelle banche. Anche se rendono zero. Ecco dove sono i paperoni

Il Friuli in edicola, 8 aprile 2016

I friulani si fidano ancora delle banche: 20mila euro a testa - I conti non smettono di correre. Depositi mai così cospicui: in 10 anni sono cresciuti di 7,5 miliardi di euro. Cividale, Udine e Pordenone i Comuni sul podio per la ricchezza pro capite. Manzano cola a picco
Depositi dei friulani mai così ricchi: in banca e in posta ci sono quasi 24 miliardi di euro. Nonostante la lunga crisi, negli ultimi 10 anni i conti correnti della nostra regione sono passati dai 16,5 miliardi del 2006 ai 24 dello scorso dicembre. Insomma, ognuno di noi ha - stando alla media di Trilussa - quasi 20mila euro a disposizione, 6mila in più rispetto al 2006. Paura di restare ‘a secco’ e quindi di spendere, incertezza del futuro e mancanza di investimenti remunerativi, timore di perdere soldi hanno spinto i risparmiatori a lasciare ‘liquidi’ i propri averi. E non si tratta di cifre di poco conto: in quest’arco di tempo sono stati ‘immobilizzati’ circa 7,5 miliardi.
Leggi il resto nel numero in edicola

Ecco come salvare i nostri soldi - I consigli del broker per non rischiare i propri soldi e avere un guadagno: differenziare gli investimenti, guardare all’estero ed evitare le trappole del bail-in
Tenere i soldi fermi nel conto corrente in banca - e i friulani oggi ne hanno davvero tanti - non è più né sicuro, né conveniente. Da una parte, chi ha più di 100mila euro rischia di vedersi ‘tosare’, in caso di crisi dell’istituto di credito, i propri risparmi. Dall’altra, i tassi applicati ai depositi sono risicatissimi e, per il futuro, la prospettiva è quella di non ricevere più il becco di un quattrino per i soldi che affidiamo alla banca. Anzi, come accade in Svizzera, c’è il rischio che saremo noi a pagare le banche per i servizi dei quali usufruiamo.
Leggi il resto nel numero in edicola

Azionisti in trappola - Continua il calvario delle persone che avevano investito tutti i propri soldi nelle Popolari
Ricorsi, tavoli di conciliazione, azioni collettive, denunce in Procura e richiesta di risarcimento in sede civile o penale: sono queste le armi che hanno in pugno i risparmiatori friulani, dopo che sono volate via anche le mosche. E’ proprio il caso di dirlo, dato che gli azionisti della Banca popolare di Vicenza e della Veneto Banca, le più presenti in Friuli, per un totale di oltre 15mila investitori, hanno visto scendere il valore delle loro azioni dal 23 al 20 per cento.
Leggi il resto nel numero in edicola

Caldo tropicale... e se piove son dolori - I cambiamenti climatici stravolgeranno le nostre esistenze. Nel giro di qualche decennio, se non si corre ai ripari, secondo Stefano Micheletti dell’Osmer ci dobbiamo aspettare il peggio
Nessuno a livello mondiale mette ormai in discussione il fatto che le emissioni di anidride carbonica stanno facendo salire la febbre del pianeta.
I cambiamenti climatici rischiano di stravolgere la nostra esistenza, di cambiare il volto della nostra regione in tempi più rapidi del previsto. Sebbene i climatologi prefigurino scenari pensando al 2100,  già ora affrontiamo le prime conseguenze, ma nel giro di venti o trent’anni la situazione potrebbe peggiorare, trasformando il Friuli Venezia Giulia in un’area tropicale.
Leggi il resto nel numero in edicola

Clima sottosopra: il caos del secolo - Nel 2015 in Fvg  i valori meteorologici hanno toccati i picchi degli ultimi cento anni
In Fvg il clima ha decisamente cambiato pelle. Che la situazione rispetto al passato sia parecchio cambiata è evidente dai dati del report dell’Osservatorio meteorologico regionale dell’Arpa dedicato al riepilogo meteo-climatico del 2015. Anno nel quale la temperatura media è stata molto elevata in tutta la regione: sulla pianura si è attestata fra 14 ° e 15 °C, sulla costa fra 15 e 16 °C. Rispetto alla media dell’ ultimo ventennio (1995-2014), l’anomalia  è stata molto marcata: da 0,6 a 1 °C in più in pianura e sulla costa e ancora maggiore sulle zone montuose, in particolare in quota, dove ha raggiunto i 2 °C. Dati che confermano il trend del 2014 e fanno sì che l’ultimo biennio sia stato quello più caldo dei precedenti cento anni.
Leggi il resto nel numero in edicola

L’accentramento? Un terremoto - Per Sergio Cecotti i nuovi disegni politici che rischiano di svuotare le Regioni potrebbero risvegliare i friulani, così come accadde dopo il sisma del ’76
E' possibile ragionare di autonomia e specialità in termini nuovi, slegati dal passato e volti a costruire un avvenire dove la comunità friulana torni protagonista? “L’ultimo vero scossone alla coscienza identitaria del nostro popolo lo ha dato il terremoto. E non è escluso che il centralismo di Renzi possa avere sullo spirito dei friulani lo stesso effetto del sisma del ‘76”: la battuta è di Sergio Cecotti, già presidente della Regione e sindaco di quella Udine che con lui visse l’ultima avventura autonomista.
Leggi il resto nel numero in edicola

Malignani: dai banchi al posto di lavoro - La quasi totalità dei ragazzi che hanno seguito il biennio post diploma è stato assunto. Cosa prevede il programma di studi
Sono già 130 i giovani tecnici altamente specializzati nelle aree tecnologiche strategiche per lo sviluppo economico e la competitività delle impresa immessi nel tessuto produttivo del Friuli Venezia Giulia dall’Its Malignani. Stiamo parlando della realtà formativa nata nel 2010 quando anche in Italia, per scelta ministeriale, è stata introdotta nell’ordinamento questo tipo di alta formazione, già storicamente diffusa in Europa, che prevede un biennio post diploma.
Leggi il resto nel numero in edicola

Corsa alle case low cost - Remanzacco - Avviato il cantiere che riqualificherà Borgo Magretti realizzando 32 alloggi da affittare a canone calmierato. I fabbricati saranno pronti entro fine anno. Il bando di selezione disponibile a settembre
Inaugurato a Remanzacco il cantiere per la costruzione  di un complesso immobiliare di 32 alloggi in classe energetica A e B, da destinare integralmente alla locazione a canoni calmierati in favore di famiglie e giovani coppie residenti nel comune. Il progetto di housing sociale, sarà completato dall’impresa Tilatti Rinaldo entro il prossimo dicembre e successivamente ceduto al Fondo Housing Sociale Fvg.
Leggi il resto nel numero in edicola

Like, movida, immigrati: le parole per conquistare Pordenone - Verso il voto - L’alfabeto della campagna elettorale nel capoluogo: dagli slogan alle promesse dei candidati

“Così i nobili goriziani si sedevano a tavola” - Roberto Zottar , delegato dell’Accademia italiana della cucina, spiega come mangiavano i Conti Coronini e i loro ospiti tra Settecento e Novecento. Tutto visibile in una mostra fino al 16 ottobre
A Gorizia, in uno degli scenari più suggestivi e ricchi di storia del capoluogo isontino, alla scoperta delle origini della tradizione gastronomica mitteleuropea e delle nostre abitudini a tavola. E’ un viaggio originale e intrigante, quello che dal 9 aprile e fino al 16 ottobre si può fare a Palazzo Coronini, dove l’omonima Fondazione ha allestito, assieme all’Accademia italiana della cucina, la mostra ‘A tavola con i conti Coronini.
Leggi il resto nel numero in edicola

Viaggio a casa dei nostri autori - Tranne casi isolati e gli itinerari triestini, in regione non è ancora partito un vero turismo letterario nei luoghi di poeti e scrittori
Altrove, non troppo lontano da noi, ci hanno pensato da tempo: far diventare le case dei nostri letterati più importanti un luogo di turismo culturale, un motivo in più per portare in questa terra un pubblico sempre più vasto e ‘trasversale’. In Veneto, per dirne una, la casa di campagna di Dino Buzzati in provincia di Belluno è un bed & breakfast che permette l’abbinata visita culturale-vacanza. E da noi?
Leggi il resto nel numero in edicola

Nozze d’argento con la risata - Aldo, Giovanni e Giacomo festeggiano 25 anni di palcoscenico con uno spettacolo che è come un giro nel grande luna park della loro comicità, tra personaggi amati e sketch intramontabili
Era il 1991 quando, a Milano, tre giovani attori di belle speranze diedero vita a un trio comico destinato a entrare nel cuore degli spettatori. Aldo, Giovanni e Giacomo, uno dei sodalizi artistici più noti e amati della storia dello spettacolo italiano degli ultimi decenni, protagonista di spettacoli teatrali, televisivi e cinematografici festeggia nel 2016 i loro 25 anni di attività.
Leggi il resto nel numero in edicola

Business Magazine - L’eclettismo di Giorgio Colutta, tra farmacia, vigna, banche e ora anche musica. Bisogna saper vendere, non solo produrre

Invia questa pagina ad un tuo amico
I campti contrassegnati con * sono obbligatori