Home / Il Friuli / Il Friuli in edicola, venerdì 31 maggio 2019

Il Friuli in edicola, venerdì 31 maggio 2019

A misura di bimbo - “Lasciate che le mamme allattino i figli durante la messa... e cambino il pannolino in sacrestia”

Il Friuli in edicola, venerdì 31 maggio 2019

A misura di bimbo - “Lasciate che le mamme allattino i figli durante la messa... e cambino il pannolino in sacrestia”.
A Gorizia è possibile: anzi, un giovane parroco invita a farlo. E anche nel resto del Friuli la sensibilità sta crescendo?

Leggi il resto nel numero in edicola

Lavoro e famiglia: sei storie di mamme - Donne in carriera o chiocce, comunque sempre coi sensi di colpa. E’ difficile conciliare i tempi della vita pubblica e privata, senza una vera politica di welfare. A risolvere la situazione sono ancora i nonni, i nidi privati e le baby sitter
La donna non è solo mamma, è anche mamma, e contemporaneamente impiegata, commessa, medico, o avvocato. Qualsiasi sia la professione, conciliare lavoro e famiglia è un’impresa.
Leggi il resto nel numero in edicola

Pronti a ricevere le orde della Pentecoste - Lignano. Dal divieto a usare bottiglie e bicchieri di vetro ai servizi di pulizia rafforzati. Ecco come si prepara la località turistica ad accogliere i giovani austriaci e tedeschi nei quattro giorni a rischio
Lignano Sabbiadoro si sta preparando all’arrivo di migliaia di giovani, soprattutto austriaci e tedeschi, decisi a festeggiare la Pentecoste. Tra giovedì 6 e domenica 9 la località balneare sarà oggetto di quella che molti giornali in passato hanno definito la “calata dei barbari”. Nel corso degli anni si sono registrati episodi di vandalismo e risse, innescati dall’alcol che scorreva a fiumi, mentre l’arenile al termine dell’appuntamento appariva un campo di battaglia disseminato di rifiuti e attrezzature mal ridotte. Neppure nelle vie cittadine andava meglio, dato che furono registrati addirittura lanci di sedie e altri oggetti dagli appartamenti presi in affitto, mentre i sanitari avevano a che fare con centinaia di giovani talmente ubriachi da finire in certi casi in coma etilico.
Leggi il resto nel numero in edicola

Viaggio nella società della (dis)informazione - Rassegne e festival di giugno puntano l’attenzione sul mondo del giornalismo e sugli strumenti per comprendere l’attualità
In un’epoca come la nostra, ricca di contraddizioni e di repentine trasformazioni, è naturale interrogarsi sul presente. L’attualità diventa chiave per cercare di interpretare le tendenze sociali, culturali, politiche ed economiche. Probabilmente è questo il motivo alla base di un fiorire di manifestazioni ed eventi che hanno come finalità proprio la comprensione della realtà. Così, dopo vicino/lontano a Udine ed èStoria a Gorizia, anche altre località della nostra regione organizzano rassegne, incontri e approfondimenti con ospiti illustri.
Leggi il resto nel numero in edicola

Il jazz, l’ultima isola della passione pura - Enrico Rava torna nella regione che gli ha dato i natali per inaugurare una nuova rassegna, domenica 2 a Gorizia, con il sestetto Special Edition: “Il Friuli per me è un posto meraviglioso e di grandi amicizie”
Una carriera strabiliante, che dura da oltre 50 anni, fatta di collaborazioni coi giganti mondiali del jazz, di album-capolavoro e progetti sempre diversi. Da tempo il più importante jazzista italiano, Enrico Rava è legatissimo alla regione, non solo perché è nato a Trieste, per caso, 80 anni fa, ma per la frequentazione dello studio Artesuono di Stefano Amerio e la forte componente ‘locale’ di uno dei suoi progetti più noti, l’Electric Five. “U.T. Gandhi, nella band con Giovanni Maier – puntualizza il trombettista - è un grande amico e ha avuto un ruolo importantissimo nella band, con la sua forza motrice”.

Leggi il resto nel numero in edicola

Invia questa pagina ad un tuo amico
I campti contrassegnati con * sono obbligatori