Home / Il Friuli / Il Friuli in edicola, 16 giugno 2017

Il Friuli in edicola, 16 giugno 2017

Via Crucis in A4 - Perché estenuanti code ogni altro giorno? Fino a quando dureranno i disagi? Perché così tanti incidenti negli ultimi mesi? Quando costerà ai friulani il completamento della terza corsia?

Il Friuli in edicola, 16 giugno 2017

Saranno tre anni di Passione - Vi spieghiamo come mai, fino a quando non saranno conclusi i lavori per la terza corsia tra Portogruaro e Gonars, è meglio armarsi di tanta pazienza
Meglio mettersi il cuore in pace: nei prossimi tre anni servirà tanta pazienza e attenzione nell’affrontare i disagi creati dalla presenza di diversi fattori che renderanno complicato percorrere un tratto nevralgico della nostra viabilità regionale.
Leggi il resto nel numero in edicola

Gioie e dolori di una grande opera - Allargare vuol dire anche anche ricostruire
Sono partiti e proseguono a pieno ritmo nel tratto di autostrada A4 compreso fra Alvisopoli e Gonars, i lavori per realizzare il terzo lotto della terza corsia. L’intervento prevede la costruzione della terza corsia in un tratto di circa 26 chilometri fra Alvisopoli (frazione di Fossalta di Portogruaro e Gonars, per un importo complessivo di circa 442 milioni di euro. In totale però, incluso il tratto da Portogruaro ad Alvisopoli l’investimento complessivo sarà di 600 milioni.

Leggi il resto nel numero in edicola

Se salta l’ipotesi Anas è pronto il Piano B - Se la società non entra nella nuova società a cui sarà data in concessione l’infrastruttura, le Regioni Veneto e Fvg dovrebbero detenere il 100% delle azioni
Nel caso in cui dovesse sfumare l’entrata di Anas nell’A4, le azioni della nuova società saranno intermente detenute dalle Regioni Friuli - Venezia Giulia e Veneto. E’ questo, in estrema sintesi, il ‘piano B’ per la gestione dell’autostrada in territorio veneto e fiuliano. A parlarne è il presidente di Autovie Venete, Maurizio Castagna.
Leggi il resto nel numero in edicola

Tutela delle minoranze: “L’Italia merita cinque” - Aureli Argemì, fondatore del Ciemen di Barcellona, boccia il Belpaese: “La politica per le lingue minoritarie è deficitaria, con l’eccezione del Sudtirolo. La legge non è applicata, resta un simbolo”
Un bel cinque. è questo il voto che Aureli Argemí, fondatore e presidente onorario del Centre  Internacional  Escarrè per a les Minories Ètniques   i  les Nacions (Ciemen) di Barcellona, dà all’Italia in tema di tutela delle minoranze linguistiche. Aregmì, che nei giorni scorsi era in Friuli - Venezia Giulia per parlare della questione catalana e il futuro dell’Europa su invito del Gruppo Studi Storici e Sociali Pordenone, non fa sconti al Belpaese.
Leggi il resto nel numero in edicola

Il primo calendario degli eventi nelle malghe - Sono circa una cinquantina gli appuntamenti dell’estate sugli alpeggi del Friuli Venezia Giulia. L’Ersa ha pubblicato il primo calendario che mette d’accordo adulti e bambini, ma anche chi desidera assaggiare il formaggio, nuovo presidio di Slow Food
Il Friuli Venezia Giulia non offre soltanto, si fa per dire, mare e montagna. Le vacanze, lontano dalla calca e in mezzo alla natura, si possono fare anche visitando le 161 malghe del territorio, che offrono eventi durante tutta l’estate e non soltanto, adatti ad adulti e bambini. Per la prima volta l’Ersa ha stilato il programma degli appuntamenti sugli alpeggi.
Leggi il resto nel numero in edicola



Cronaca

Economia

Politica

Spettacoli

Sport news

Business

Green

Life Style

Family

Gli speciali

Invia questa pagina ad un tuo amico
I campti contrassegnati con * sono obbligatori