Home / Il Friuli / Il Friuli in edicola, giovedì 24 dicembre 2020

Il Friuli in edicola, giovedì 24 dicembre 2020

Il Friuli in edicola, giovedì 24 dicembre 2020

Persone dell’anno - Uniti nella lotta contro il covid

Distanti, ma uniti in un anno di lotta - QUELLI CHE NON SI SONO MAI FERMATI. Abbiamo scelto di parlare di otto persone: rappresentano altrettante categorie di lavoratori che hanno fatto la loro parte per aiutarci ad affrontare questo anno così difficile
Di retorica sulla pandemia ne abbiamo letta e ascoltata parecchia. La cronaca è apparsa indecisa tra il tessere lodi agli eroi e dare spazio a una sequela senza fine di lamentazioni e recriminazioni.
Leggi il resto nel numero in edicola

Per loro un anno ‘indimenticabile’ - SUGLI SCUDI. Ecco sei protagonisti del 2020. Sono corregionali che, vincendo e resistendo, lo hanno affrontato a testa alta
Il 2020 sarà ricordato dalla maggioranza di noi come un anno orribile a causa della Pandemia che ha stravolto le nostre esistenze, ma ad alcuni corregionali ha comunque riservato soddisfazioni. Che si tratti di medici, sportivi, ricercatori o altro l’anno che sta per concludersi ha registrato successi degni di essere ricordati.

Leggi il resto nel numero in edicola

Eroe non per caso - INFERMIERA E CAVALIERE AL MERITO. Francesca Leschiutta, tra gli ‘eroi dell’emergenza’ premiati dal presidente della Repubblica, è in prima linea anche nella seconda ondata, ma ci mette in guardia: “Il personale sanitario è logorato ed esausto”
“Non avrei mai immaginato di rivivere le situazioni della scorsa primavera. Invece la seconda ondata della pandemia ci ha travolto in maniera persino più violenta della prima, trovandoci stanchi e logorati. Adesso resistiamo a forza di adrenalina, ma non so davvero quanto reggeremo. Ho fiducia nel vaccino, che spero porti a ridimensionare il problema Covid”.
Leggi il resto nel numero in edicola

Tutta la storia del Friuli ricostruita a mattoncini - MANUELE VIDI, grande collezionista e costruttore di Lego, fa rivivere personaggi illustri della nostra regione e antiche tradizioni mai dimenticate
Quando l’udinese Manuele Vidi, classe 1973, era un bambino, i mattoncini Lego, prodotti dal 1949, erano giocattoli costosi, che non tutti si potevano permettere. Così Vidi cresce, giocando coi soldatini e si avvicina ai Lego soltanto quando suo figlio, a cinque anni, ci comincia a giocare. A giocare, appunto, ma Vidi, pur essendo un grande collezionista, coi Lego non ci ha mai giocato. Quello che gli interessa è la creatività che i mattoncini sprigionano.
Leggi il resto nel numero in edicola

Ritorno alla bellezza -UDINE. Conclusi i lavori di riqualificazione esterna del castello finanziati dalla Danieli. Benedetti: “I simboli di appartenenza e di identità, che sono lo specchio di ciò che siamo, vanno mantenuti nella loro originale dignità”
Il simbolo della città è tornato all’antico splendore. Infatti, si sono conclusi i lavori di riqualificazione della facciata e delle scalinate del castello, finanziati con 850mila euro dal gruppo Danieli. E per ringraziare l’azienda per quest’ultimo intervento, non il primo dopo quelli per piazza Libertà, l’amministrazione comunale guidata dal sindaco UDINE. Conclusi i lavori di riqualificazione esterna del castello finanziati dalla Danieli. Benedetti: “I simboli di appartenenza e di identità, che sono lo specchio di ciò che siamo, vanno mantenuti nella loro originale dignità” Ritorno alla bellezza Pietro Fontanini ha voluto iscrivere il nome del suo presidente Gianpietro Benedetti sulla lapide di marmo lungo, che riporta i benemeriti che, con le loro opere e donazioni, hanno arricchito il patrimonio artistico cittadino.
Leggi il resto nel numero in edicola

Gli eventi meteo estremi c’erano anche in passato - RILEGGENDO i ‘Commentari Urbani’ di Giovan Battista Pomo, scopriamo diverse ‘bizzarrie’ del clima anche nel 1700...
Giovan Battista Pomo, un nobile pordenonese che visse a lungo nel centro della città nel 1700, scrisse un libro dal titolo ‘Commentari Urbani’ che raccontava quanto successe dal 1728 al 1791 a Pordenone, riportando fedelmente anche le diverse situazioni climatiche. Questi avvenimenti che vi sto per raccontare (ne ho selezionati solo quattro, ma ce ne sarebbero tanti altri) offrono vari spunti di riflessione.
Leggi il resto nel numero in edicola

Riprovate, sarete (forse) più fortunati - I FLOP di un anno di cultura compromesso dalle imprevedibili chiusure per Covid-19, ma anche da alcune scelte non troppo felici
E così, alla fine, ci siamo abituati a diventare animali ‘asociali’. Abbiamo imparato a guardare le mostre dai 10 cm di uno smartphone, a frequentare un vernissage seduti sul divano, col computer sulle gambe e - chi ci avrebbe mai pensato? - a seguire una conferenza sui social. Annullati gran parte degli appuntamenti ‘in presenza’, il mondo della cultura è andato avanti lo stesso - soprattutto grazie alla presenza di sponsor pubblici e privati - , rimandando a tempi migliori eventi già programmati. Quelli legati a una data specifica non sono proprio andati benissimo e questo dovrebbe far riflettere per il futuro.
Leggi il resto nel numero in edicola

Quello che la cronaca nera non racconta - ULTIMO APPUNTAMENTO SUL TAGLIAMENTO. Daniele Paroni, nel suo nuovo libro, ricostruisce il contesto, i sentimenti, i legami affettivi di Nadia Orlando prima del fatale incontro con l’ex fidanzato
È uscito “Ultimo appuntamento sul Tagliamento”, il libro scritto dal giornalista Daniele Paroni e dedicato al femminicidio di Nadia Orlando, la 21enne di Vidulis uccisa nel luglio 2017 dall’ex fidanzato Francesco Mazzega di Muzzana del Turgnano.
Leggi il resto nel numero in edicola

Un anno 6 mesi scarsi di spettacoli in Fvg - IL 2020 ha quasi messo in ginocchio l’intero settore degli spettacoli, anche se festival, ‘live’ e stagioni non sono stati del tutto compromessi. Dal primo al secondo lockdown, crisi nera per gli artisti di casa nostra
L’ anno nero, sospeso, maledetto. Chiamatelo come volete, ma per il settore degli spettacoli il 2020 è stato il periodo peggiore che la storia recente ricordi, a meno di non voler andare indietro ai bombardamenti durante la Seconda guerra (che però, tecnicamente, non chiusero i teatri) o ai tempi della Grande depressione, che fece tabula rasa.
Leggi il resto nel numero in edicola

Gotti e De Paul piu’ forti di questo 2020 - IL MISTER E IL ‘DIEZ’ sono stati i protagonisti principali di un anno solare particolare, complicato dal Covid. Soprattutto grazie a loro, l’Udinese ha ottenuto la salvezza e prepara il rilancio per il 2021
A fine anno è sempre tempo di bilanci. In un 2020 che per la quasi totalità della popolazione mondiale è stato catastrofico a causa della ‘dittatura’ del Covid, l’Udinese può essere più che soddisfatta di aver limitato i danni e anzi, di aver fatto meglio rispetto alle ultime stagioni.
Leggi il resto nel numero in edicola

Buon Natale e Buon Anno - Tutti i giornalisti, collaboratori, grafici, amministrativi e commerciali di Mediafriuli augurano a lettori e a inserzionisti i più sentiti auguri di un sereno Natale e di un proficuo 2021. Dopo una piccola pausa, il settimanale tornerà con il numero di venerdì 8 gennaio.

L'economia in un click

Cultura

Economia

Sport news

Politica

Il Friuli

Green

Business

AGENDA

Invia questa pagina ad un tuo amico
I campti contrassegnati con * sono obbligatori