Home / Il Friuli / Il Friuli in edicola, venerdì 11 novembre 2022

Il Friuli in edicola, venerdì 11 novembre 2022

Pedoni nel mirino - Strisce pedonali pericolose soprattutto per i sessantenni. La testimonianza delle vittime e gli avvertimenti delle forze dell’ordine

Il Friuli in edicola, venerdì 11 novembre 2022

Una telefonata che costa cara - La principale causa d’incidente tra chi si muove a piedi è lo sguardo fisso sul telefonino e non sulla strada.

Distrazione e alta velocità sono le prime causa d’incidente anche nei nostri capoluoghi. Lo confermano i comandanti delle Polizie locali. “Gli utenti vulnerabili (pedoni, ciclisti e disabili, inseriti come categorie deboli nel nuovo codice della strada, ndr), che sono stati coinvolti in incidenti quest’anno – spiega il comandante di Udine, Eros Del Longo - sono tanti, ma è importante analizzare le cause.

Leggi il resto nel numero in edicola

Doppia sfida - Il Pd deve affrontare in tempi rapidi la fase congressuale ed elettorale. Il nuovo segretario lLva al lavoro per un anti-Fedriga.

Non gli piace la definizione di ‘traghettatore’ per il semplice fatto che non deve portare il partito da una sponda all’altra già definita, ma lo dovrà guidare verso l’ignoto affrontando in tempi rapidi una doppia fase: precongressuale e pre-elettorale.

Leggi il resto nel numero in edicola

Altro che riutilizzare, siamo spreconi - Le case del riuso non decollano e in ecopiazzola finisce anche materiale che funziona benissimo.

Cala la popolazione, calano i consumi, ma di certo non calano i rifiuti prodotti. Anzi, la quantità di immondizia prodotta lo scorso anno, dopo la diminuzione registrata nel 2020, è tornata in linea con il periodo precedente e nulla fa immaginare che la tendenza all’aumento si arresti nel 2022.

Leggi il resto nel numero in edicola

La nuova Procura - Il Comune di Udine ha presentato i lavori di recupero dell’ex Stringher in largo Ospedale Vecchio.

Il Comune di Udine ha svelato il progetto di riqualificazione dell’ex istituto ‘Stringher’ in largo Ospedale Vecchio, destinato a diventare la nuova sede della Procura della Repubblica, posizionata così difronte al Tribunale. “Oggi - ha spiegato il sindaco Pietro Fontanini- grazie all’arrivo di oltre 2,3 milioni da parte del Ministero della Giustizia, in aggiunta al milione arrivato nel 2017,abbiamo completato la somma di 12,8 milioni necessaria alla realizzazione di questa importante opera con la quale andremo a riqualificare, dandogli una nuova destinazione d’uso, uno degli edifici storici della nostra città”.

Leggi il resto nel numero in edicola

Giganti dai piedi di... ghiaia - Il doppio ponte sul Torre non ha pace: l’acqua ha eroso il letto sotto i piloni e ora sono a rischio sia quello vecchio sia quello nuovo.

L’attraversamento sul Torre della strada ex provinciale 50 Palmanova-Manzano, in comune di Chiopris Viscone, non ha proprio pace. Infatti, la realizzazione del nuovo ponte, a fianco di quello vecchio, doveva essere terminata nel 2019, però la non conformità dei tubi portanti, il fallimento della ditta fornitrice e lunghe perizie per individuare la soluzione, hanno spostato nel tempo la fine dei lavori.

Leggi il resto nel numero in edicola

In tour con il corpo e la voce di Pasolini - I Tre Allegri Ragazzi Morti girano l’Italia da venerdì 11 fino a dicembre con il ‘Concerto disegnato’: musica live e i ‘pensieri scandalosi’ dell’intellettuale.

Un anno pieno di eventi per i Tre allegri ragazzi morti, la band pordenonese che da un quarto di secolo anima la musica indipendente. A marzo, il frontman Davide Toffoloha avviato le celebrazioni per i 100 anni di Pasolini al ‘Verdi’ di Pordenone, ad aprile è uscito il loro nuovo album Meme K Ultra, realizzato coi romani Corvelenoe portato in tour d’estate. E ora, una nuova serie di concerti-spettacolo, Pasolini, concerto disegnato, in cui Toffolo, accompagnato sul palco da Luca Masseronied Enrico Moltenie dalla voce del poeta di Casarsa, disegna dal vivo ispirato dal corpo e dai pensieri ‘scandalosi’ di Pasolini.

Leggi il resto nel numero in edicola

Di corsa tra gli orsi polari - L’udinese Alessandra Basso è stata l’unica donna italiana a partecipare in Groenlandia alla maratona che si svolge oltre il circolo artico.

E' friulana l’unica donna giunta dall’Italia per partecipare alla Polar Bear Challenge, una corsa estrema che si tiene in Groenlandia al di sopra del circolo polare artico. Lei è Alessandra Basso, 49 anni, originaria di Majano e residente a Udine, di professione tecnico commerciale per un’azienda americana. Nell’arco di due giorno, così, ha percorso a temperature sempre negative 63 km, mettendo in conto anche mille metri di dislivello.

Leggi il resto nel numero in edicola

La sosta arriva con la squadra a sinistra - Allo stop per i Mondiali i bianconeri mai così in alto dal 2004 e a 24 punti (però 18 di questi sono arrivati nelle prime otto partite...).

Stavolta sì, l’Udinese benedice la sosta per i Mondiali. Il gruppo bianconero ci arriva col fiato corto: l’andamento dell’ultimo mese è sotto gli occhi di tutti. I numeri confermano un calo di rendimento visibile anche in campo.

Leggi il resto nel numero in edicola

L'economia in un click

Cultura

Economia

Sport news

Politica

Il Friuli

Green

Business

Invia questa pagina ad un tuo amico
I campti contrassegnati con * sono obbligatori