Home / Il Friuli / Il Friuli in edicola, venerdì 16 febbraio 2018

Il Friuli in edicola, venerdì 16 febbraio 2018

Giustizia inceppata sui migranti - Nonostante il Decreto Minniti che ha fatto calare gli arrivi, dobbiamo fare i conti con l’afflusso costante di afgani e pachistani

Il Friuli in edicola, venerdì 16 febbraio 2018

Le otto tasse che fanno imbestialire - In vent’anni, il gettito fiscale è salito di oltre l’80 per cento, contro una crescita dei prezzi di poco superiore al 40%. I balzelli non sono mai simpatici, ma ce ne sono alcuni davvero odiosi
Le tasse che noi tutti siamo chiamate a pagare sono innumerevoli. Basti pensare che la Cgia di Mestre, lo scorso autunno, ha compiuto uno studio su cento voci. E si tratta - così dice chi ha redatto lo studio in questione - solamente delle principali, lasciando stare la miriade di balzelli locali. Quanto ci costano tasse, imposte, sovraimposte, accise e tributi vari? Mediamente, calcola la Cgia mestrina, 8mila euro all’anno a testa. Cifra che sale a quota 12mila se si considerano anche i contributi previdenziali.
Leggi il resto nel numero in edicola

Tanti balzelli, servizi pochi - L’Italia non è il Paese più esoso sul fronte delle tasse in Europa, ma restituisce me no ai cittadini rispetto agli Stati più esigenti. Prelievo alle imprese: su questo non ci batte nessuno

Il prossimo 2 giugno non sarà per gli italiani solamente la Festa della Repubblica, ovvero il giorno nel quale si sono liberati nel 1946 della monarchia. L’italiano medio, infatti, celebrerà anche il ‘tax freedom day’, il giorno della liberazione dalle tasse. Già, perchè, stando ai calcoli della Cgia di Mestre che ha tenuto conto di Pil e previsioni del gettito dei contributi previdenziali, delle tasse e delle imposte, proprio in quella data cominceremo a guadagnare per noi stessi e non per rinpinguare le casse di Stato, Regioni e Comuni.
Leggi il resto nel numero in edicola

Partite iva: guida alla sopravvivenza - E' in uscita la terza edizione de ‘L’Iva funesta’ dell’imprenditore friulano Fulvio Romanin: pubblicata da Utet, sarà reperibile anche in edizione cartacea
Nella nostra regione, le nuove partite Iva, specie quelle aperte da persone sotto i 35 anni, sono in aumento. Tanti giovani, infatti, abbandonano la strada del lavoro dipendente (il posto fisso sta tornando a diventare un miraggio) per prendere la via del lavoro autonomo o della ditta individuale (vedi l’articolo qui sotto, ndr). E districarsi nella jungla  degli adempimenti, a partire da quelli fiscali, non è cosa facile, specie per chi è alle prime armi. In aiuto delle neonate partite Iva arriva ‘L’Iva funesta’, la guida alla sopravvivenza scritta dall’imprenditore friulano Fulvio Romanin, amministratore delegato dell’agenzia di  sviluppo Web Ensoul.
Leggi il resto nel numero in edicola

Giustizia inceppata sui migranti - Nonostante il Decreto Minniti che ha fatto calare gli arrivi, dobbiamo fare i conti con l’afflusso costante di afgani e pachistani. E dato che quasi tutti i dinieghi della Commissione si tarsformano in ricorsi, i tribunali a Trieste arrancano
I richiedenti asilo sono un problema. Non parliamo soltanto della necessità di ospitarli e delle problematiche correlate allo spaccio. Basta leggere con attenzione la relazione di Oliviero Drigani, presidente della Corte d’appello di Trieste, sull’amministrazione della giustizia per l’inaugurazione dell’anno giudiziario 2018, che dedica alla questione un’ampia trattazione.
Leggi il resto nel numero in edicola

L’aeroporto regionale si rifà il look - RONCHI DEI LEGIONATI - Via le vecchie insegne durante la sistemazione dei corridoi. In arrivo anche nuovi mezzi ecologici. La lunga vita della scala per salire sui velivoli
Con l’imminente apertura del Polo intermodale a Ronchi dei Legionari anche lo scalo aeroportuale dovrà effettuare alcune accortezze. Come previsto dai progetti e annunciato, sia dalla direzione dell’aeroporto, sia dall’amministrazione regionale, il 19 marzo il primo treno si fermerà a Ronchi nella nuova fermata ferroviaria denominata ‘Trieste Airport’. Le corse sono già prenotabili sul portale online di Trenitalia a partire dalla data fissata il prossimo mese. Una stazione molto semplice, quella prevista al Polo, ma che, oltre a essere inserita tra le ‘Stazioni senza barriere’ delle Ferrovie dello Stato, sarà raggiungibile e fruibile da chi vi arriva in bicicletta, autobus, automobile o addirittura in aereo.
Leggi il resto nel numero in edicola

La stagione dei grandi festival apre con Dedica - Atiq Rahimi, scrittore e regista afghano, racconterà il suo Paese ‘bello e dannato’ a Pordenone dal 10 al 24 marzo. Dal 16 febbraio, un mese di eventi anche a Udine con ‘Aspettando Dedica’
Dal 10 al 13 maggio a Udine vicino/lontano analizzerà le diseguaglianze e gli scompensi che caratterizzano le nostre società e in generale il pianeta, sotto il segno di una parola chiave: ‘squilibri’. Pochi giorni dopo, dal 17 al 20 maggio, le ‘migrazioni’ saranno al centro a Gorizia della 14a edizione di èStoria, che sceglie un tema cruciale. A fine estate la 19a edizione di pordenonelegge, che non si ferma mai e coinvolge migliaia di spettatori lungo tutto il corso dell’anno, con centinaia di autori a incontri, corsi, attività, premi…
Leggi il resto nel numero in edicola

Il Friuli che porta l’italia in Europa - Dal 2008 a oggi, la TIJ Events del pordenonese Attilio Perissinotti ha organizzato oltre 100 concerti di alcune delle maggiori stelle italiane, e non soltanto, a Londra e in altre capitali dello spettacolo
Dieci anni fa, il 21 febbraio 2008, un promoter friulano organizzava – su richiesta dell’artista – la prima data inglese in assoluto di Vinicio Capossela, già allora una delle maggiori espressioni della musica italiana. Dieci anni dopo, il pordenonese Attilio Perissinotti ha trasferito la sua lunga esperienza nella Virus (oggi Bpm Concerti, con uffici anche a Milano) nella TIJ Events, una società con sede a Londra, il cui compito è lavorare per la promozione dell’arte e della cultura italiana in Europa. In tutti questi anni, Attilio & C. hanno portato alcuni dei top artist italiani a Londra, la capitale europea della musica, ma anche in altre grandi città: Monaco, Berlino, Parigi, Barcellona…
Leggi il resto nel numero in edicola

Invia questa pagina ad un tuo amico
I campti contrassegnati con * sono obbligatori