Home / Il Friuli / Il Friuli in edicola, venerdì 16 settembre 2022

Il Friuli in edicola, venerdì 16 settembre 2022

Cattive acque - A causa di acquedotti vecchi, dai rubinetti esce un liquido verde. Il rinnovo delle reti durerà molti anni e richiederà tantissimi soldi

Il Friuli in edicola, venerdì 16 settembre 2022

Rubinetti friulani in cattive acque - COSA BOLLE IN PENTOLA. Gialla o rossa: impossibile farsi una doccia, bere e cucinare. E anche in questi casi bisogna comunque pagare la bolletta. Però ci sono soluzioni.

Sono ormai continue le segnalazioni da parte dei cittadini della nostra regione di forniture a casa propria di acqua colorata o anche ‘saporita’, di ordinanze che vietano temporaneamente la potabilità dell’acqua e di conseguenti sospensioni del servizio per permettere interventi di ripristino. Abbiamo parlato con due signore che tra l’infuriato e il rassegnato ci hanno raccontato dell’acqua sporca che esce dalle loro tubazioni, in un caso addirittura dal lontano 2017.

Leggi il resto nel numero in edicola

Dopo il voto, è urgente ripensare il parlamento - TERRITORI MESSI A TACERE. Il taglio dei parlamentari e l’accorpamento dei collegi hanno dimezzato la rappresentanza del Friuli a Roma. Per la costituzionalista D’Orlando va superato il bicameralismo e creato un Senato delle Regioni.

Certo, disinnescare la bomba energetica è prioritario, ma se appena terminate le elezioni politiche non si apre il cantiere di una riforma del sistema parlamentare che recuperi quel legame con il territorio reciso dal taglio del numero dei parlamentari e dall’accorpamento dei collegi, a qualsiasi nuova emergenza ci troveremo, punto e a capo, senza la sufficiente capacità gestionale. Ormai prossimi al D-Day (25 settembre), è la presidente della Commissione paritetica Stato-Regione del Friuli-Venezia Giulia, Elena D’Orlando, costituzionalista docente all’ateneo friulano, a suggerire ai politici la strada da percorrere.

Leggi il resto nel numero in edicola

Caro bollette, meglio di Speedy Gonzales - INTERVENTO RAPIDO. Prima Regione in Italia, l’amministrazione del Fvg ha messo in campo un pacchetto di aiuti per le imprese in sofferenza.

Pronti, attenti e rapidi. È questo il ‘segreto’ che ha permesso all’amministrazione regionale di varare in brevissimo tempo un provvedimento a sostegno del sistema economico colpito dall’esplosione dei costi energetici. Il ‘pacchetto’ di aiuti prevede contributi, prestiti agevolati e garanzie. A stupire, però, in questo caso è stato soprattutto il tempo di reazione di un’amministrazione pubblica. È l’assessore regionale alle Finanze, Barbara Zilli, a spiegare come è stato possibile.

Leggi il resto nel numero in edicola

Chiese aperte, un viaggio nella fede. MANZANO. ‘Noi Cultura e Turismo’ e Itineraria aprono domenica 18 una selezione di 14 chiese, chiesette campestri e cappelle di 7 comuni, compresi Buttrio, Corno di Rosazzo, Pavia, Pradamano, Premariacco e San Giovanni al Natisone.

La nostra regione è ricca di ville storiche, che rappresentano una rete produttiva efficace e dinamica, in grado di esprimere cultura. Ma porta anche i segni tangibili di un’altra grande bellezza: quella delle chiese, chiesette campestri e cappelle votive edificate dall’intelligenza, dalla speranza, dalla fiducia e dalla capacità di rinascita dell’uomo. Un patrimonio comune inestimabile di storia, arte e fede, oggi spesso sconosciuto, ma che sa parlare anche in termini moderni.

Leggi il resto nel numero in edicola

Restauro da 46 milioni per i cent’anni del ponte. DIGNANO. Ministero delle infrastrutture e Regione stanziano i fondi per la messa in sicurezza di ponti e viadotti come quello della Strada regionale 464 sul Tagliamento, che sarà allargato e consolidato rispettandone la struttura.

Dal 14 agosto del 2018 tutti abbiamo negli occhi le sconvolgenti immagini del crollo del Ponte Morandi a Genova. Da quella tragedia sono derivate una maggiore attenzione alla sicurezza delle infrastrutture e una serie di norme più accurate sui controlli, entrate in vigore nel 2022.

Leggi il resto nel numero in edicola

L’intellettuale che svelò le nostre origini - DON GILBERTO PRESSACCO scompariva prematuramente 25 anni fa, il 17 settembre 1997: dalle sue ricerche, elementi nuovi sulla storia di Aquileia e la diffusione del Cristianesimo.

Sacerdote, studioso, ricercatore, compositore, musicologo, direttore di coro e storico, don Gilberto Pressacco è una delle figure di riferimento per capire il Friuli, oggi, guardando al passato remoto. Scomparso prematuramente 25 anni fa, il 17 settembre 1997, due giorni dopo aver compiuto 52 anni, è stato uno studioso poliedrico le cui indagini a tutto campo sulle origini della Chiesa aquileiese hanno rappresentato un vero punto di svolta.

Leggi il resto nel numero in edicola

Quasi quasi me ne torno a Grado - FABRI FIBRA chiude sabato 17 l’ultimo festival della stagione estiva con una delle tappe conclusive del tour ‘Caos Live’, a breve distanza dalla location scelta per un video dell’album.

I fan più attenti se ne sono accorti subito, circa sei mesi fa, all’uscita dei primi video dal nuovo album Caos, che poi ha esordito direttamente al numero 1 della classifica degli album più venduti ed è diventato subito disco di platino. Lo scorso mese di dicembre Fabri Fibra, uno dei nomi più importanti di sempre di tutta la scena rap italiana, e forse quello dalla carriera più importante, aveva scelto la spiaggia di Grado per girare la clip utilizzata sia per i brani dell’album a partire dal singolo Noia(con Marracash), sia per la copertina.

Leggi il resto nel numero in edicola

Fantastica Udinese, ma è ancora presto per sognare. I BIANCONERI sono protagonisti di un inizio di stagione entusiasmante, ma è rischioso esaltarsi in un'annata anomala: l’analisi e le attese, anche opposte, di due esperti: Bruno Pizzul e Gigi De Agostini.

Leggi il resto nel numero in edicola

L'economia in un click

Cultura

Economia

Sport news

Politica

Il Friuli

Green

Business

AGENDA

Invia questa pagina ad un tuo amico
I campti contrassegnati con * sono obbligatori