Home / Il Friuli / Il Friuli in edicola, venerdì 18 dicembre 2020

Il Friuli in edicola, venerdì 18 dicembre 2020

Il Friuli in edicola, venerdì 18 dicembre 2020

Le altre emergenze - Non c’è solo il Covid-19: ecco le bombe economiche, sociali e ambientali già innescate che rischiano di esplodere

Le altre emergenze messe da parte - POST COVID. Quando la pandemia sarà finita dovremo affrontare e risolvere molti altri problemi
Sono ormai 10 mesi che combattiamo contro la pandemia. E’ una battaglia che stiamo pagando molto cara, sotto tutti i punti di vista. Temiamo anzi che il conto, a lungo andare, sarà ancora più salato perché tutte le altre emergenze sono passate in secondo piano, ma non per questo sono state risolte.
Leggi il resto nel numero in edicola

Oltre il Covid: “Gettiamo le basi del rilancio” - MASSIMILIANO FEDRIGA. Per il presidente l’emergenza sanitaria ha messo in evidenza il ruolo fondamentale delle Regioni rispetto a un governo accentratore. “Le linee guida di Next Generation Eu le abbiamo già adottate nei nostri bilanci: green economy, digitalizzazione e resilienza del territorio. E in più puntiamo sulla famiglia”

Una regione che non viene tagliata fuori dai grandi cambiamenti del mondo. Il governatore Massimiliano Fedriga guarda oltre alla pandemia, perché, mentre ancora infuria la seconda ondata, è necessario allo stesso tempo gettare le basi per il rilancio economico, senza il quale il Friuli-Venezia Giulia rischia di essere retrocesso sia per livello di benessere sia per peso politico.
Leggi il resto nel numero in edicola

Alberi e presepi nelle case dei vip - ALL’INSEGNA DELLA NORMALITÀ: è questa l’atmosfera che si respirerà a Natale nelle famiglie friulane. Comprese quelle di personaggi famosi dell’economia, della cultura e dello sport
Ancora non sono chiare le restrizioni previste in occasione del Natale. Sperando che non siano troppo restrittive, i vip friulani ai quali abbiamo chiesto come trascorreranno i giorni di festa del primo, e speriamo ultimo, Natale in era Covid hanno le idee chiare: quello del 2020 sarà per tutti un giorno all’insegna della normalità, nella speranza di tornare presto a vivere tutti più sani e sereni.
Leggi il resto nel numero in edicola

Una tavola calda per tutti - PORDENONE. Nell’area industriale di Vallenoncello apre le porte un ristorante a disposizione non solo dei lavoratori delle aziende insediate, ma dell’intera popolazione
Sarà attivo a inizio gennaio, decreti pandemici presidenziali permettendo, all’interno di Real Asco Park, a Vallenoncello, People Restaurant, punto di ristorazione che offrirà colazioni e pasti – con potenzialità di 300-400 pasti alla volta, anche in modalità take away – sia ai dipendenti delle imprese collocate in quell’area sia alla popolazione.
Leggi il resto nel numero in edicola

“Il Friuli deve imparare a farsi conoscere meglio” - TONI CAPUOZZO racconta la nostra terra oggi e negli ultimi 40 anni in ‘Piccole patrie’, una raccolta della sua attività giornalistica nel corso del tempo tra nostalgia, cronaca nera e ‘persone qualunque’
Da tempo è uno dei volti noti della Tv nazionale: quella fatta non di lustrini, ma di lavoro e ricerca sul campo e soprattutto nelle aree calde del pianeta. Nato a Palmanova, a Milano per motivi lavorativi da decenni, Toni Capuozzo non è però solo l’inviato speciale (o ‘di guerra’) più famoso in Italia negli ultimi 30 anni, ma ha alle spalle una lunga attività su quotidiani e periodici. Una selezione accurata è stata da poco realizzata per Edizioni Biblioteca dell’Immagine di Pordenone, che in Piccole patrie ha voluto raccontare il Capuozzo più vicino alla sua terra: quello che ha scritto, dagli Anni ‘70 a oggi, per Lotta Continua ma anche il Foglio, per Panorama e per il nostro settimanale il Friuli (era il ’96).
Leggi il resto nel numero in edicola

In ricordo di uno dei grandi artisti del ’900 - FANTONI restaura nella propria sede un’opera di Carlo Ciussi, tra i nomi di spicco dell’arte friulana
Il 26 gennaio avrebbe compiuto 90 anni. Nato a Udine, cresciuto nell’atelier di Fred Pittino, passato negli Anni ’60 dal figurativo all’astratto, raccogliendo consensi nazionali, Carlo Ciussi fu adottato quasi subito da Milano, dove aveva uno studio e dove, all’inizio del nuovo millennio, trasferì gran parte del suo corpus di opere.
Leggi il resto nel numero in edicola

I veri ‘complottisti’, 40 anni fa a Pordenone - NEL 1980 esplode a livello nazionale un movimento giovanile di musica e arte entrato nella storia: The Great Complotto, avanguardia di molte tendenze future. “Eravamo solo ragazzini che vivevano il presente”
L’anno maledetto ci ha fatto perdere tutti gli anniversari, quelli belli o meno. Ne avevamo uno importantissimo, e ora che il 2020 sta per finire, scopriamo che neppure i protagonisti avrebbero tanta voglia di celebrare! Sì, perché The Great Complotto è stato un fenomeno unico, che ha trasformato la provincia ‘profonda’ – una Pordenone all’epoca non ai primi posti nelle classifiche della qualità della vita - in capitale assoluta di una nuova forma di punk.
Leggi il resto nel numero in edicola

“La miglior difesa parte da centrocampo” - ANDREA SOTTIL, centrale arretrato nell’Udinese a cavallo del nuovo millennio, loda Gotti per come ha ‘registrato’ la squadra: “L’equilibrio non viene da un solo reparto, ma dal collettivo”
La ‘frenata’ casalinga con il Crotone ha deluso, ma non ha generato preoccupazione nell’ambiente bianconero, che può invece prendere atto dell’ottimo lavoro di Gotti & Co. L’Udinese sta dimostrando carattere, solidità e una identità che si sta sempre più definendo.
Leggi il resto nel numero in edicola

L'economia in un click

Cultura

Economia

Sport news

Politica

Il Friuli

Green

Business

AGENDA

Invia questa pagina ad un tuo amico
I campti contrassegnati con * sono obbligatori