Home / Il Friuli / Il Friuli in edicola, venerdì 19 marzo 2021

Il Friuli in edicola, venerdì 19 marzo 2021

Il Friuli in edicola, venerdì 19 marzo 2021

Boom del fai da te - Costretti a casa, i friulani si sono buttati sui lavori straordinari

Non ci ferma neppure la zona rossa - RECORD DEL FAI DA TE. Le catene specializzate confermano che i friulani hanno approfittato della pandemia per rimettere a posto interni ed esterni
Prima il lockdown, poi le restrizioni e quindi la cassa integrazione che ha colpito migliaia di lavoratori. Molti friulani bloccati in casa dalla pandemia si sono dati un gran da fare. Lo confermano i dirigenti di due importanti realtà del fai da te, il Gruppo Zanutta presente in tutto il Triveneto e la catena internazionale Leroy Merlin.
Leggi il resto nel numero in edicola

Lotta alla clausura a colpi di fiori - IL GIARDINO INCANTATO. Ecco come una coppia di pensionati udinesi ha trasformato lo spazio dietro casa in una piccola oasi colma di varietà floreali
Un angolo di paradiso dietro casa, al quale si accede attraverso il soggiorno per trovarsi all’improvviso immersi in uno spazio che, a seconda della stagione, appare una via di mezzo tra il giardino incantato e la giungla del Borneo.

Leggi il resto nel numero in edicola

Chiarezza a Sinistra - MICHELE DEGRASSI. Per l’ex enfant prodige, oggi apprezzato consulente manageriale, il Pd è nato da una fusione che non è mai stata metabolizzata. Sbagliato cercare nella società civile un uomo forte solo per vincere le Regionali
Una fusione che non si è mai completata. Michele Degrassi non parla delle tante operazioni aziendali che, da consulente di management, ha seguito negli ultimi anni, ma di quella che ha dato vita al Partito Democratico. Da molti anni ha lasciato l’attività politica, lui che era stato un vero e proprio enfant prodige: sindaco del suo comune, Staranzano, a 23 anni nel 1991; due anni dopo entrava in Consiglio regionale per diventare prima assessore alle finanze e poi vicepresidente della giunta guidata da Giancarlo Cruder; per concludere con incarichi in Friulia e Finest. “Sono il più giovane dei grandi vecchi” scherza oggi che è impegnato in una consolidata e qualificata carriera nel mondo dell’economia.
Leggi il resto nel numero in edicola

Dialogo sul futuro della Carnia - GENERAZIONI A CONFRONTO. Un amministratore locale di ieri e due di oggi discutono sui problemi e sulle opportunità delle comunità di montagna. E si dicono le cose in faccia
A more per la vallata avara in cui sei nato e voglia di cambiare le cose, per costruire qui il proprio futuro senza dover arrendersi a scendere in pianura. In Carnia, questi sentimenti animano diversi giovani di oggi, come hanno fatto con i giovani di ieri. Ed è proprio il confronto tra due generazioni che dà una fotografia di come i problemi, nonostante il passare degli anni, siano ricorrenti.
Leggi il resto nel numero in edicola

Strage silenziosa dei grandi grifoni - FORGARIA. L’ennesimo episodio di un esemplare fulminato dai cavi elettrici spinge la Riserva di Cornino a fare un appello ai gestori delle reti e alle istituzioni
Uno splendido esemplare di grifone adulto, registrato come F17, simbolo della Riserva naturale regionale del lago di Cornino – che gli esperti monitoravano e studiavano l’animale da una quindicina d’anni -, è morto per essersi posato sul traliccio della media tensione.
Leggi il resto nel numero in edicola

La strada verso la Procura - TRICESIMO. L’azienda Dri “Il Roncat” apre nella tenuta ad Adorgnano un nuovo ingresso e tomba il canale, ma i residenti di via Pennati temono una nuova alluvione e si sono rivolti alla magistratura
Sarà la Procura di Udine a valutare se gli interventi realizzati ad Adorgnano di Tricesimo hanno rilevanza penale dopo che dodici residenti nella frazione hanno presentato un esposto per denunciare i lavori effettuati al confine della tenuta dell’azienda agricola Dri – Il Roncat.
Leggi il resto nel numero in edicola

Dantedì, anche il Friuli celebra il Sommo Poeta - GIOVEDI’ 25, la data dell’inizio del viaggio nella ‘Divina Commedia’ di Dante, centinaia di eventi per ricordare il padre della lingua italiana. Fulcro dei festeggiamenti in Friuli: Villa de Claricini Dornpacher a Bottenicco di Moimacco
S ettecento anni fa, il 14 settembre 1321, Dante Alighieri lasciava la terra – non solo dal punto per finzione letteraria – per entrare nella leggenda. Nell’anno delle celebrazioni per il padre della lingua italiana, il Ministero della cultura ha deciso di istituire il Dantedì, un’intera giornata dedicata al Sommo poeta, scegliendo come data proprio quella letteraria dell’inizio del viaggio ultraterreno raccontato nella Divina Commedia.
Leggi il resto nel numero in edicola

Le trasformazioni del mondo viste dall’alto - ‘HOME’ presenta in forma virtuale le immagini scattate in 50 diversi Paesi dal vincitore nel 2020 dell’International Award of Photography del Craf
Era forse destino che una mostra incentrata sul conflittuale rapporto tra uomo e natura dovesse restare vittima – seppur provvisoriamente – della pandemia, che ha ripetutamente costretto gli organizzatori a uno spostamento temporale. Arrivati a questo punto, gli organizzatori del Craf hanno deciso che l’unico modo possibile per presentare Home era quello ‘virtuale’ ed è in questa forma che è stato inaugurata, da Palazzo Tadea a Spilimbergo, l’esposizione di Yann Arthus Bertrand, monumento vivente della fotografia aerea.
Leggi il resto nel numero in edicola

Quando i friulani sapevano sognare e... osare - STORIE DI FUTURO. D’Aronco progettò il palazzo municipale quale simbolo delle innovazioni tecnologiche: “Segno tangibile di prosperità dell’industria, dell’agricoltura, delle arti”
Non so definire il Futuro, ma so che i friulani hanno dovuto immaginarselo più di una volta nel corso del Novecento. In che modo? Da onesti lavoratori che non vogliono strafare e per non disturbare si accontentano, come diceva il giornalista Renzo Valente, oppure prendendo quello che serve e fa bene?
Leggi il resto nel numero in edicola

“I concerti riprenderanno in estate, ma...” - LORIS TRAMONTIN, il promoter che negli ultimi 30 anni ha portato i ‘big’ mondiali in Friuli, è fiducioso e guarda alla fine della terza ondata. “Se tutto va bene, rifaremo concerti per 1000-2500 persone come nel 2020”
Dimenticate i quasi 50 mila spettatori per i Pink Floyd e gli Ac/ Dc allo Stadio Friuli, i 40-45 mila per Bon Jovi, Coldplay e Metallica e i 35 mila per Springsteen, ma anche i 30 mila per i Pearl Jam a Trieste, i 10-15 mila per Iron Maiden, Radiohead e Rammstein a Villa Manin, ma anche i sold out ripetuti, dal capoluogo friulano alle località del turismo estivo, per Vasco Rossi, Ligabue, Tiziano Ferro… Il 2021, per ora, è fermo alla casella dello ‘zero’: il numero di concerti finora realizzati.
Leggi il resto nel numero in edicola

Per i Pozzo e’ tempo di pianificare - UDINESE E WATFORD si avviano alla conquista dei rispettivi obiettivi. La proprietà friulana deve iniziare a studiare le mosse per poter sfruttare al meglio le sinergie tra i club
Dopo un 2020 quasi da incubo per i Pozzo, il 2021 sta regalando grandi soddisfazioni alla proprietà friulana: entrambe le sue creature, Udinese e Watford, hanno imboccato la strada giusta. L’Udinese ha messo una distanza che potremmo definire ‘quasi di sicurezza’ tra sé e la zona calda, tanto che il Paròn si è lasciato andare alla rivelazione: “Non è la salvezza il nostro obiettivo”, svelando quindi ambizioni da decimo posto in su. Il Watford va di corsa verso la Premier e sembra davvero ben avviato a centrare la promozione diretta.
Leggi il resto nel numero in edicola

Cronaca

Economia

Politica

Spettacoli

Sport news

Il Friuli

Green

Life Style

Gli speciali

Family

Invia questa pagina ad un tuo amico
I campti contrassegnati con * sono obbligatori