Home / Il Friuli / Il Friuli in edicola, venerdì 19 novembre 2021

Il Friuli in edicola, venerdì 19 novembre 2021

Il Friuli in edicola, venerdì 19 novembre 2021

La sindrome della lumaca - Collegamenti ferroviari lenti. Voli aerei pochi e costosi. Cantieri infiniti sulle autostrade. Rimpalli per la viabilità locale e molto altro. Siamo al centro dell’Europa ma rimaniamo isolati

Così cesseremo di essere periferici - ROTAIA DOLENTE. Scontiamo il fatto di essere una regione ai confini dell’impero. Per ottenere gli investimenti e ammodernare le nostre ferrovie bisogna far leva sul fatto che siamo uno snodo vitale lungo i corridoi europei
Ci si rende conto della differenza soltanto quando si varcano i confini regionali. Treni più nuovi con tanto di monitor e rastrelliere per le bici, molti più posti a sedere liberi. Pare quasi che, quando si tratta di ferrovie, l’orologio per i residenti del Friuli-VG vada riportato indietro di almeno dieci se non vent’anni. E non si tratta soltanto del materiale rotabile.
Leggi il resto nel numero in edicola

Sulla viabilità ora si torna al passato - STRADE EX PROVINCIALI. Dal primo gennaio 2022 la competenza passa da FvgStrade agli Edr. L’assessore regionale Roberti spiega perché non si ripeteranno i problemi già visti

Dal prossimo gennaio la gestione della viabilità ex provinciale passerà agli Enti di decentramento regionale. Sono trascorsi appena quattro anni. Il ricordo delle strade con i cigli invasi dall’erba alta è ancora molto nitido.
Leggi il resto nel numero in edicola

Anche il palazzo deve parlare in friulano - PUBBLICA AMMINISTRAZIONE. Assunzioni in base alla conoscenza linguistica. Succede già in altre regioni dove sono presenti ‘minoranze’ come la nostra
Una prova di conoscenza del friulano per il personale dello Stato, come i Carabinieri che prestano servizio in Friuli. Concorsi pubblici con una parte del punteggio attribuito sulla base della conoscenza del friulano. Non sono prospettive fantasiose, ma condizioni già presenti per altre minoranze linguistiche in Italia.
Leggi il resto nel numero in edicola

La città ha il suo Campovolo, ma non lo sa - UDINE. L’ex poligono di tiro del Cormor ha le potenzialità e dimensioni per diventare un’area da concerti e grandi eventi. “E’ un sogno, ma potremmo tornare la capitale dei live”
A vederla dall’alto, sembra solo una delle tante zone che lo Stato ha lasciato al suo destino, fatto per ora di sterpaglie e una manciata di edifici in gran parte da demolire. Finita da tempo l’epoca delle servitù militari onnipresenti e del Friuli ‘sentinella della Patria’ con funzioni di guardia a Nordest, l’ex poligono di tiro del Cormor può apparire quindi solo una delle tante aree in attesa di una sistemazione che lo stato centrale non pare aver fretta di effettuare.
Leggi il resto nel numero in edicola

Il futuro visto dalle Pro Loco - TRICESIMO. Si svolgeranno sabato 20 i primi Stati generali convocati dal Comitato regionale Unpli. Tra i temi sul tavolo, il nuovo ruolo dopo la pandemia e il ricambio generazionale
Una giornata per progettare insieme il futuro, ricostruendo legami messi a dura prova dall’epidemia. Sarà questo il tema dei primi Stati generali delle Pro Loco del Friuli Venezia Giulia, convocati dal Comitato regionale Unpli, che si terranno sabato 20 novembre a Tricesimo.
Leggi il resto nel numero in edicola

L’inventore che ha creato il nostro presente - LA CENTRALE IDROELETTRICA DI MALNISIO ospita una mostra dedicata a Thomas Alva Edison, uno dei più prolifici progettisti tra 19° e 20° secolo, grazie anche alle intuizioni di un friulano
Forse non fu lui il vero inventore di alcune delle innovazioni tecnologiche che gli sono state attribuite – anche se depositò più di un migliaio di brevetti -, ma è stato uno dei più prolifici progettisti del suo tempo, il primo imprenditore ad applicare i principi della produzione di massa al processo dell’invenzione. E soprattutto, un uomo che sapeva guardare al di là del suo tempo.
Leggi il resto nel numero in edicola

Mittelfest: pronti a tutti gli imprevisti - IL FESTIVAL MULTIDISCIPLINARE di Cividale anticipa le linee guida dell’edizione 2022: dal tema, legato alla situazione pandemica, ai rapporti sempre più stretti con le nazioni vicine, alle sinergie regionali
Nato in un momento di cambiamento per l’area Centro-europea e balcanica e l’intero continente, superato il traguardo del trentennale in uno dei momenti più difficili della storia mondiale, il Mittelfest è già pronto a nuove sfide e anticipa il tema dell’edizione 2022: Imprevisti, una parola capace di evocare un ricco immaginario fatto di casi e possibilità, ma anche di scelte e capacità di reazione.
Leggi il resto nel numero in edicola

Il virus minaccia i Krampus - VAL CANALE. È ancora incerta la tradizionale discesa dei Krapus che potrebbero essere bloccati sulle montagne dalle nuove restrizioni imposte dalla pandemia
Ogni anno grandi e piccini aspettano trepidanti l’arrivo di San Nicolò che apre le feste di Natale il 6 dicembre. Conosciuto e festeggiato soprattutto in Val Canale, in Alto Adige e in Austria, ma anche in Svizzera e Germania, San Nicolò è preceduto dai Krampus, terribili diavoli che gli fanno da scorta, spaventando i bambini, soprattutto quelli cattivi, che gli vanno incontro.
Leggi il resto nel numero in edicola

📌 All'interno del settimanale #ilfriuli una guida a tutti gli eventi, mostre, cinema in regione. Ecco cosa fare nel fine settimana in #Fvg


Invia questa pagina ad un tuo amico
I campti contrassegnati con * sono obbligatori